The Boy (film 2016)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
The Boy
The Boy - Film 2016.jpg
Una scena del film
Titolo originaleThe Boy
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America, Canada
Anno2016
Durata97 min
Rapporto2.35 : 1
Genereorrore, thriller
RegiaWilliam Brent Bell
SceneggiaturaStacey Menear
ProduttoreMatt Berenson, Roy Lee, Gary Lucchesi, Tom Rosenberg, Jim Wedaa
Casa di produzioneLakeshore Entertainment, Vertigo Entertainment
Distribuzione in italianoEagle Pictures
FotografiaDaniel Pearl
MontaggioBrian Berdan
MusicheBear McCreary
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

The Boy è un film del 2016 diretto da William Brent Bell.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Greta è una giovane donna statunitense che sta cercando di fuggire da un passato travagliato. Accetta un lavoro in un piccolo villaggio in Inghilterra come babysitter per il figlio di 8 anni di una coppia benestante, mentre i due partono per una lunga vacanza. Arrivata nella remota villa scopre che c'è qualcosa che non va.

Sorprendentemente gli anziani signori Heelshire hanno un elenco di severe regole che deve seguire nel prendersi cura del loro figlio Brahms, e misteriosamente avvertono Greta che, se non le seguirà con precisione, potrebbe accadere qualcosa di terribile. Ma quello che inquieta di più Greta è che Brahms non è un vero e proprio bambino di 8 anni: è un bambolotto di porcellana a grandezza naturale, che i genitori curano e amano profondamente, proprio come se fosse un bambino vero. Greta, nonostante le esitazioni iniziali, decide di rimanere e gli Heelshire le comunicano che si dovranno assentare per due mesi.

Isolata e sola, Greta inizialmente sceglie di condurre una vita tranquilla, ignorando volutamente le regole di Brahms, ma si accorge che ogni volta che ne infrange una, accade qualcosa di strano in casa e il bambolotto riappare in luoghi e posizioni diverse a dove lei l'aveva messo. Rinchiusasi in camera terrorizzata, improvvisamente squilla il telefono dove a risponderle c'è la voce di un bambino che sembra appartenere a Brahms che la rimprovera per non avere seguito le regole. Fuori dalla porta improvvisamente qualcuno bussa per poi lasciargli un vassoio con il sandwich preferito di Greta. La voce di fuori di Brahms rammenta a Greta che aveva promesso di comportarsi bene. Greta comprendendo che Brahms sembra essere veramente vivo, va da lui nella sua stanza, dove si trova seduto sul letto vicino alle regole, affermandogli che lo avrebbe accontentato. Nel mentre, gli Heelshire in un'altra località scrivono una lettera di addio a Brahms e poi si suicidano. Curiosa di scoprire il mistero di Brahms, Greta chiede l'aiuto di Malcolm, un uomo del posto che consegna generi alimentari, l'unico essere umano che vede da settimane. Viene a sapere che Brahms era inizialmente un bambino vero, deceduto a seguito di un incendio quando aveva 8 anni.

Greta decide di rispettare le regole, e sembra andare d'accordo con Brahms. Al contrario, Malcolm, con il quale ha un rapporto sessuale, si dimostra preoccupato e cerca di farla desistere dal rimanere nella villa. A tal scopo la informa di alcune voci che circolavano nel villaggio riguardo al fatto che il bambino, in vita, non fosse poi così gentile e carino come si pensava (cosa confermata pure dallo stesso padre di Brahms, che durante un suo compleanno, mentre parlava con Malcolm, definì il figlio "strano") e gli racconta un fatto terribile in cui Brahms era coinvolto: aveva infatti un'amica più o meno della stessa età che il giorno del compleanno di Brahms scomparve nei boschi e fu ritrovata con il cranio fracassato.

La polizia decise di interrogare Brahms ma quando arrivarono la casa era avvolta dalle fiamme: i coniugi Heelshire sopravvissero ma Brahms non fu mai ritrovato. Nonostante ciò Greta, che aveva avuto un aborto spontaneo, decide di rimanere perché capisce come si sentono gli Heelshire dopo la perdita del loro bambino.

Nel frattempo Cole, l'ex fidanzato di Greta (e anche la ragione per cui Greta si era trasferita in Inghilterra) si presenta nella casa, chiedendo a Greta di tornare da lui, ma viene rifiutato; era infatti lui, con la sua indole violenta, ad aver provocato l'aborto spontaneo di Greta. Cole si fa violento e inizia a minacciare Greta, che va in camera sua e chiede aiuto al bambolotto. Brahms esaudisce il suo desiderio, infatti Cole si sveglia con una scritta sanguinante sul soffitto che gli dice di andarsene. Dopo un litigio con Greta in un impeto di rabbia Cole rompe il bambolotto, e così facendo la casa comincia ad animarsi e da uno specchio esce un Brahms adulto, che indossa una maschera identica al viso del bambolotto. Il bambino, infatti, non era mai morto, ma era sopravvissuto rimanendo orribilmente sfigurato, segregandosi nei sotterranei della casa, e muovendo il bambolotto lui stesso in ogni zona della casa. Inoltre, tenendo sotto scacco i genitori, aveva richiesto numerose baby sitter per il suo accudimento, ma ogni volta che non andavano bene le uccideva.

Ormai libero, Brahms sgozza Cole, accoltella Malcolm e, ormai innamorato di Greta, chiede alla ragazza di restare con lui e accudirlo. Greta inizialmente fugge, ma non volendo lasciar morire Malcolm ritorna e finge di voler restare nella casa con Brahms e lo manda a letto. Quando Brahms insiste per avere il bacio della buonanotte - che si trasforma in un vero bacio sulla bocca - Greta lo ferisce e torna da Malcolm per scappare con lui.

Nella scena finale si vedono Greta e Malcom che riescono a fuggire in auto e Brahms che, ancora vivo, rimette insieme i pezzi del bambolotto.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Il 19 luglio 2014, venne annunciato che William Brent Bell, regista de L'altra faccia del diavolo, avrebbe diretto un thriller sovrannaturale chiamato The Inhabitant, che sarebbe stato prodotto da Tom Rosenberge Gary Lucchesi per la Lakeshore Entertainment e da Roy Lee, Matt Berenson e Jim Wedaa per conto della Vertigo Entertainment.[1] La sceneggiatura sarebbe stata scritta da Stacey Menear.[1] Il 23 gennaio 2015, Lauren Cohan firmò per la parte della protagonista del film, che nel frattempo era stato reintitolato The Boy.[2] L'11 marzo 2015 furono annunciati ulteriori componenti del cast, tra cui: Jim Norton, Diana Hardcastle, Ben Robson, Rupert Evans, e James Russell.[3]

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

Il budget del film è stato di 10 milioni di dollari.[4] Le riprese sono cominciate il 10 marzo 2015 e si sono svolte a Victoria, nella Columbia Britannica, presso il Castello di Craigdarroch.[5]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il primo trailer ufficiale è stato distribuito il 14 ottobre 2015, superando in poco tempo le 5 milioni di visualizzazioni.[6]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La STX Entertainment ha acquistato i diritti per la distribuzione negli Stati Uniti nel febbraio 2015, fissando una data di uscita del 5 febbraio 2016, poi anticipata al 22 gennaio.[7][8]

In Italia il film è uscito il 12 maggio 2016, distribuito dalla Eagle Pictures.[9]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato accolto da recensioni negative. Sul sito Rotten Tomatoes detiene il 28% delle recensioni professionali positive, basato su 58 recensioni e con un voto medio di 4.3/10.[10] Su Metacritic ha un punteggio del 42 su 100, basato sul parere di 10 critici.[11]

Sequel[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: The Boy - La maledizione di Brahms.

Un sequel del film, dal titolo The Boy - La maledizione di Brahms e sempre diretto da William Brent Bell, è uscito nelle sale statunitensi il 21 febbraio 2020.[12]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Anita Busch, ‘Devil Inside’ Helmer William Brent Bell Set To Direct ‘The Inhabitant’, deadline.com, 14 luglio 2014. URL consultato l'11 marzo 2015.
  2. ^ (EN) Borys Kit, 'Walking Dead' Star to Headline Horror Film 'The Boy' (Exclusive), su hollywoodreporter.com, 23 gennaio 2015. URL consultato l'11 marzo 2015.
  3. ^ (EN) Rebecca Ford, Lakeshore, STX Entertainment's Horror Film 'The Boy' Sets Cast (Exclusive), su hollywoodreporter.com, 11 marzo 2015. URL consultato il 25 luglio 2015.
  4. ^ (EN) Can ‘The Revenant’ Beat Back 3 Newcomers to Finally Top Box Office?, su TheWrap.com.
  5. ^ (EN) Silas Lesnick, Production Begins on The Boy, Starring Lauren Cohan, comingsoon.net, 10 marzo 2015. URL consultato l'11 marzo 2015.
  6. ^ (EN) Anita Busch, The Boy Horror Trailer From STX & Lakeshore Nears 5 Million Views, su deadline.com. URL consultato il 22 ottobre 2015.
  7. ^ (EN) Brent Lang, STX Entertainment Dates Films With Matthew McConaughey, Julia Roberts, Jason Blum, su variety.com, 25 febbraio 2015. URL consultato l'11 marzo 2015.
  8. ^ (EN) STX Entertainment will now release THE BOY on January 22, 2016, su twitter.com. URL consultato l'11 marzo 2015.
  9. ^ Mirko D'Alessio, The Boy, su eaglepictures.com. URL consultato il 25 febbraio 2016.
  10. ^ The Boy (2016), su Rotten Tomatoes. URL consultato l'11 dicembre 2017.
  11. ^ The Boy reviews, su Metacritic. URL consultato il 28 gennaio 2016.
  12. ^ Margherita Mustari, The Boy 2: gli ultimi dettagli sul titolo e la trama del sequel horror, su Cinematographe.it, 4 aprile 2019. URL consultato il 6 gennaio 2020.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema