The Arrival (film 1996)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Arrival
Titolo originale The Arrival
Paese di produzione Stati Uniti d'America, Messico
Anno 1996
Durata 115 min
Genere fantascienza, thriller
Regia David Twohy
Sceneggiatura David Twohy
Produttore Thomas G. Smith, Jim Steele
Produttore esecutivo Robert W. Cort, Ted Field
Fotografia Hiro Narita
Montaggio Martin Hunter
Effetti speciali Manuel Aguilar
Musiche Arthur Kempel
Scenografia Michael Novotny
Costumi Mayes C. Rubeo
Trucco Todd Masters
Interpreti e personaggi

The Arrival è un film di fantascienza del 1996 diretto da David Twohy con protagonista Charlie Sheen.

Ha avuto un seguito: The Second Arrival (Arrival II).

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Ilana Green è una climatologa che scopre la crescita anormale di piante e fiori a 90 miglia dal polo nord in terreno completamente privo di terra, coperto da neve e altamente magnetico. Inoltre rileva un aumento della CO2 di circa il 20%.

Zane Zaminski è un radioastronomo che lavora per il SETI che, insieme al suo collega di lavoro Calvin, scopre un radio-segnale che sembra avere origini extraterrestre, precisamente dalla stella "Wolf 336", distante 14 anni luce; Zane porta il nastro del segnale al suo capo al Jet Propulsion Laboratory, Phil Gordian, che invece lo licenzia, apparentemente a causa di tagli di bilancio, dicendogli che comunque farà visionare il nastro da qualcuno; in realtà lo distrugge.

Dopo aver trovato lavoro come antennista Zane decide di installare apparecchiature in grado di captare il segnale alieno. Phil in seguito ammetterà di essere un alieno parte di un complotto che mira a riscaldare il clima del pianeta non solo per eliminare la razza umana, ma per renderlo ospitale per la sua specie...

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]