Teodorico IV

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Teodorico IV
Portrait Roi de france Thierri II (i.e. IV).jpg
Ritratto di Teodorico IV su medaglia bronzea, del 1720 circa di Jean Dassier (1676-1763)
Re di tutti i Franchi
In carica 721737
Predecessore Chilperico II
Successore Childerico III, dal 742
Nascita 712
Morte 737
Dinastia Merovingi
Padre Dagoberto III

Teodorico IV (712737) è stato un re franco della dinastia dei merovingi: regnò su tutti i Franchi di Neustria, Burgundia ed Austrasia, dal 721 sino alla morte.

Teodorico IV dal prontuario di figure di personaggi insigni di Guillaume Rouillé

Origini[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il Chronicon Moissiacensis era l'unico figlio del re dei Franchi Sali della dinastia merovingia, Dagoberto III[1] e della moglie, di cui non si conoscono né il nome né gli ascendenti.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Teodorico, alla morte del padre, nel 715 venne rinchiuso nell'abbazia di Chelles.

Teodorico successe a Chilperico II[2], che era morto senza eredi, nel 721[3]. Il maestro di palazzo Carlo Martello lo trasse dall'abbazia e lo proclamò re dei Franchi, qualche mese dopo la morte di Chilperico[4].
Il governo del regno, anche quando Teodorico raggiunse la maggior età, fu saldamente nelle mani del suo maggiordomo, il quale si impegnò a rafforzare il potere centrale e ad estendere il suo dominio: durante il suo regno vi furono le vittorie su Alemanni[5] e Svevi[6], con la conquista dei loro territori, la vittoria di Carlo Martello sui musulmani a Poitiers[7] (732) e la conseguente cacciata dei saraceni dall'Aquitania[6], la vittoria contro Oddone I d'Aquitania e l'occupazione del ducato dopo la morte di Oddone[8], la vittoria sui Frisoni[7], con l'occupazione dei territori[9] e la distruzione di tutti i loro idoli pagani[8], la cacciata dei saraceni[10] e l'occupazione della Provenza[11] e la vittoria sui Sassoni, ancora pagani[11]

Dopo la morte, nel 737, di Teodorico[12], che aveva regnato per circa quindici anni[13], Carlo Martello non si preoccupò neanche di dargli un erede e il trono rimase vacante per circa sette anni, fino a quando Carlomanno e Pipino il Breve misero sul trono Childerico III[14].

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Di Teodorico non si conosce alcuna discendenza.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (LA) Chronicon Moissiacensis, pag 291 18-26
  2. ^ (LA) Rerum Gallicarum et Francicarum Scriptores, tomus tertius: Ex Chronico Hermanni contracti , pag 329 e
  3. ^ (LA) Domus Carolingicae genealogia , pag 311 43 – 47
  4. ^ Fredegario, Fredegarii scholastici chronicum continuatum, Pars secunda, auctore anonymo austrasio, CVII
  5. ^ (LA) Annales Marbacenses, pag 5 31-38
  6. ^ a b Fredegario, Fredegarii scholastici chronicum continuatum, Pars secunda, auctore anonymo austrasio, CVIII
  7. ^ a b (LA) Chronicon Moissiacensis , pag Pag 291 41-42
  8. ^ a b Fredegario, Fredegarii scholastici chronicum continuatum, Pars secunda, auctore anonymo austrasio, CIX
  9. ^ (LA) Annales Mettenses, pag 27
  10. ^ (LA) Chronicon Moissiacensis , pag Pag 292 12-25
  11. ^ a b Fredegario, Fredegarii scholastici chronicum continuatum, Pars tertia, auctore anonymo austrasio, CIX
  12. ^ (LA) Rerum Gallicarum et Francicarum Scriptores, tomus tertius: Annales Francorum Ludovici Dufour , pag 702 E col 1
  13. ^ (LA) Rerum Gallicarum et Francicarum Scriptores, tomus tertius: Ex Chronico Sigeberti monachi , pag 346-D
  14. ^ (LA) Rerum Gallicarum et Francicarum Scriptores, tomus tertius: Ex brevi chronico S. Medardi , Pag 367-B

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura storiografica[modifica | modifica wikitesto]

  • Christian Pfister, La Gallia sotto i Franchi merovingi. Vicende storiche, in Storia del mondo medievale, Vol. I, Cambridge, Cambridge University Press, 1978, pp. 688-711.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN76752737 · GND (DE10435027X · CERL cnp00369290 · WorldCat Identities (EN76752737