Teatro del castello di Drottningholm

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Teatro del castello di Drottningholm
Drottningholm Slottsteater 2002.jpg
Localizzazione
StatoSvezia Svezia
RegioneSvealand
LocalitàEkerö
IndirizzoDrottningholm
Coordinate59°19′23.04″N 17°53′06″E / 59.323067°N 17.885°E59.323067; 17.885Coordinate: 59°19′23.04″N 17°53′06″E / 59.323067°N 17.885°E59.323067; 17.885
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Costruzione1665 - 1673
Distruzione1762
Ricostruzione1764
StileBarocco
Realizzazione
ArchitettoNicodemus Tessin il Vecchio
Nicodemus Tessin il Giovane
ProprietarioNational Property Board
UNESCO white logo.svg Bene protetto dall'UNESCO
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Il castello di Drottningholm e il parco reale
(EN) Royal Domain of Drottningholm
Residenza privata del Re di Svezia
Drottningholm.jpg
TipoCulturali
Criterio(iv)
PericoloNon in pericolo
Riconosciuto dal1991
Scheda UNESCO(EN) Scheda
(FR) Scheda
Esterno del Teatro del castello di Drottningholm 2013
L'interno della sala del teatro

Il Teatro del castello di Drottningholm (in Svedese Drottningholms slottsteater) è un teatro d'opera situato nel Palazzo Drottningholm di Stoccolma, in Svezia. È uno dei pochi teatri del XVIII secolo in Europa che viene ancora utilizzato come teatro con il suo originale meccanismo di palcoscenico.

Attualmente, il teatro ricostruito ha acquisito una reputazione internazionale in crescita come teatro di un festival estivo dell'opera focalizzandosi sulle opere di Haydn, Handel, Gluck e Mozart e sottolineando le prestazioni autentiche. Il teatro ha anche avuto spettacoli ospitati dall'Opera reale svedese.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'esterno del teatro
Il Salone Dejuener, costruito durante il regno di Re Gustaf III, è oggi utilizzato come ingresso del Teatro
Camerino
Interno del teatro foto del 1966

Il primo teatro ad essere costruito sul sito di Drottningholm è stato progettato dall'architetto Nicodemus Tessin il Vecchio e completato da Nicodemus Tessin il Giovane. L'interno fu decorato tra il 1665 e il 1703, inizialmente in un stile barocco pesante e sontuoso, ma in seguito sempre più raffinato a causa dell'ispirazione ai modelli francesi. Il teatro fu inaugurato nel 1754 e ospitò una nuova troupe di attori francesi, la Troupe di Du Londel (1753-1771), impegnata dal tribunale un anno prima. La troupe ha utilizzato il teatro nei mesi estivi per mostrare l'opera francese e italiana per la regina Lovisa Ulrika e la sua corte.

Quando il teatro originale fu bruciato il 27 agosto 1762, durante la performance di un'opera comica, la regina Lovisa ha subito deciso di ricostruire un teatro per la corte del castello di Drottningholm, commissionando un teatro dell'Opera a Carl Fredrik Adelcrantz. Il lavoro inizia con la costruzione nel 1764 e includeva il teatro e un complesso di camere più piccole al di fuori del principale auditorium per ospitare i membri del tribunale che non avrebbero soggiornato al palazzo, incluso Adelcrantz, il maestro delle favole, gli attori e il personale del teatro e giovani aristocratici [1]. L'edificio che Adelcrantz ha creato è stato definito insolito sotto diversi aspetti.[2] Soprattutto, anche se il teatro era destinato a simulare lo stile artistico di Versailles, la mancanza di fondi del Tesoro svedese ha costretto uno stile molto più semplice. L'esterno dell'edificio è molto semplice rispetto ad altri palazzi, nello stile di un maniero di campagna senza alcuna indicazione dall'esterno di un teatro d'opera. L'interno, decorato da Adrien Masreliez, utilizza trompe l'oeil, la carta da parati e lo stucco per imitare materiali più costosi come il marmo e l'oro. Il teatro è insolito per la sua forma, dal momento che l'auditorium è modellato come un T con i due troni per i monarchi regnanti posti nella croce del T davanti allo stadio e il resto della corte seduto su panche di legno. Anche il palcoscenico è insolitamente profondo (8,2 x 17,4 m), che ha aiutato i progettisti a creare idee allusive ottiche di grande distanza sul palco.

Per gli studiosi, la parte più importante del teatro, tuttavia, non è l'unicità architettonica dello spazio, ma il macchinario di fase che è un raro esempio sopravvissuto di effetti scenici comuni al suo tempo. Le macchine per il teatro furono forse disegnate dall'italiano Donato Stopani, anche se alcuni storici pensano che il progettista possa essere stato George Fröman, maestro costruttore della corte che ha studiato macchinari simili quando ha viaggiato in Europa nel 1755.[3] Una delle macchine a scena ancora intatte e in uso nel teatro è il sistema di carro e polo, che aiuta a cambiare rapidamente le scene scorrendo le ali con ruote ("carri") sulle piste del pavimento, controllate da un Sotto il palco ("pole").[3] Il teatro ha un numero insolitamente elevato di ali, con un totale di quattro possibili cambiamenti di scena in un'unica esecuzione, ma il sistema di carro e polo consente un cambiamento di scena in soli sei secondi. Altre macchine ancora utilizzate nel teatro sono usate puramente per effetti speciali, tra cui una macchina a onde costituita da grossi vani dipinti che si muovono per simulare un mare ruvido, una macchina del tuono è usata per creare effetti sonori e una sedia volante spesso utilizzata per Effetti "deus ex machina". L'illuminazione è controllata trasformando le scintille di metallo e le loro candele verso o lontano dal palco.

Nel 1766 il teatro è stato inaugurato dalla regina Lovisa Ulrika e ci sono state diverse rappresentazioni che includevano membri del tribunale e la famiglia reale come attori che festeggiavano l'occasione [4] . Il teatro è stato utilizzato ogni estate dalla corte fino al 1771, quando morì Adolf Frederik e la troupe francese che aveva utilizzato è stata licenziata. Il teatro rimase inutilizzato fino al 1777, quando la regina Lovisa Ulrika lo diede al figlio Re Gustav III. Il re Gustaf era profondamente interessato al teatro, assumendo una troupe di agenti e persino scrivendo e dirigendo diverse opere a Drottningholm. Il teatro che è stato migliorato sotto il regno di Gustaf partiva dal teatro dei suoi predecessori, ha incoraggiato l'uso di storie svedesi per creare una nuova tradizione operistica [5]. Ha anche fatto alcune modifiche all'edificio teatro, aggiungendo il Salone di Dejeuner che viene utilizzato come foyer oggi. Dopo l'assassinio del re Gustav III nel 1792 (che costituisce la base dell'opera di Giuseppe Verdi, Un ballo in maschera), il teatro è stato utilizzato come magazzino per i mobili inutilizzati del castello di Drottnignholm.

Il restauro e la rinascita nel XX secolo[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1921, lo storico teatrale svedese Agne Beijer riscopre il teatro di Drottningholm e, con permesso regale, conservava quello che rimaneva del macchinario interno e del palcoscenico del teatro. Alcune piccole modifiche sono state fatte, tra cui l'aggiunta di luci elettriche, che sono state progettate per sfarfallio come le candele, la sostituzione delle corde originali che hanno spostato la macchina e le repliche di sostituzione per i fondali delicati [1]. La maggior parte del teatro, comunque, è rimasta invariata rispetto al disegno originario, e gran parte del lavoro di stucco e carta da parati originale ancora oggi rimane. Il teatro è stato riaperto il 19 agosto 1922. Fino al 1935, le rappresentazioni erano limitate a vetrine occasionali per gli studiosi visitatori, di solito compresi i balli eseguiti dalla scuola di balletto svedese. Nel 1935 il teatro cominciò a ospitare spettacoli stagionali, a partire da tre balladoperas di Höpken, Kraus e Bellman. Nel 1951, la Royal Swedish Opera divenne l'azienda permanente che esibiva nel teatro di Drottningholm, usando lo spazio per le loro esibizioni estive. Nel 1953, il balletto reale svedese si unì in collaborazione con l'Opera e il nuovo direttore della società, Mary Skeaping, spinse i ballerini a rilanciare lo stile balletto di corte del XVII e XVIII secolo.[6]

Oggi una fondazione privata, il Museo del Teatro di Drottningholm, finanziato da governi e donazioni private, gestisce il teatro, eseguendo opere nei mesi estivi. Le opere sono spesso eseguite da musicisti che indossano costumi d'epoca, e l'orchestra esegue l'uso di periodo o di copie di strumenti autentici. La maggior parte delle produzioni dimostrano alcuni degli effetti di fase possibili utilizzando l'apparecchiatura originale. Il teatro rimane un posto dove formare musicisti, ballerini e cantanti lirici in stile barocco.

Nel 1991, il teatro, insieme al castello di Drottningholm (la residenza della famiglia reale svedese), al padiglione cinese e al parco circostante, è diventato il primo patrimonio svedese ad essere iscritto nell'elenco UNESCO dei patrimoni mondiali dell'umanità. Parti del Palazzo, del Padiglione e del Teatro sono aperte al pubblico per delle visite. I direttori artistici recenti del teatro sono Arnold Östman (1980-1992), Elisabeth Söderström (1993-1996), Per-Erik Öhrn (1996-2007). Mark Tatlow (2007-2013). Sofi Lerström, amministratore delegato del teatro dal 2011 ha assunto la carica di direttore artistico nel 2013.

Il teatro descritto nel flauto magico di Bergman[modifica | modifica wikitesto]

Una copia del teatro è visibile nella versione cinematografica di Ingmar Bergman dell'opera di Mozart Il flauto magico del 1975. Secondo gli appunti di Peter Cowie per il rilascio DVD del film, Bergman ha voluto ricreare quanto più possibile l'originale produzione del 1791 nel teatro auf der Wieden di Vienna, e originariamente sperava di filmare nel teatro di Drottningholm. Tuttavia, "il paesaggio è stato considerato troppo fragile per ospitare una equite cinematografica. Così il palcoscenico - completo di ali, tende e macchine per il vento - è stato copiato e costruito con cura negli studi della Swedish Film Institute". I filmati introduttivi del teatro sono tuttavia visibili nel film.[7]

Opere eseguite prima del 1809[modifica | modifica wikitesto]

Opere, un altro dramma musicale[modifica | modifica wikitesto]

Tragedie[modifica | modifica wikitesto]

Commedie[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il 1922[modifica | modifica wikitesto]

Repliche e anteprime reprise non sono elencate qui.

Opera, baletto[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Direttori del Museo del teatro di Drottningholm[modifica | modifica wikitesto]

  • Agne Beijer, 1921–64
  • Arnold Östman, 1979–80
  • Barbro Stribolt, 1980–98

Panorama[modifica | modifica wikitesto]

La facciata occidentale di fronte al parco.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Willmar Sauter, The Drottningholm Court Theatre and the Historicity of Performance, in Nordic Theatre Studies, nº 23, January 2011, pp. 8-18.
  2. ^ Anne-Charlotte Hanes Harvey, 'Vacker som faux': The Drottningholm Theatre Aesthetic, in Tijdschrift Voor Skandinavistiek, vol. 27, nº 2, 2006, pp. 27-53.
  3. ^ a b Frank Mohler, The survival of the mechanized flat wing scene change: the court theaters of Gripsholm, Český Krumlov, and Drottningholm, in TD&T: Theatre Design & Technology, vol. 35, nº 1, Winter 1999, pp. 46-56.
  4. ^ Agne Beijer, Gustaf III's Theater restored: Drottningholm Castle, Sweden, in American Scandinavian Review, vol. 20, January 1932, pp. 32-35.
  5. ^ Gustaf Hilleström, Drottningholmsteatern förr och nu. The Drottningholm Theatre-- past and present, Stockholm, Natur & kultur, 1956.
  6. ^ Sweden, su The International Encyclopedia of Dance, Oxford University Press. URL consultato l'8 dicembre 2015.
  7. ^ Peter Cowie, "The Magic Flute". Notes on the film followed the DVD release on criterian.com. Retrieved 12 November 2012

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Agne Beijer: Drottningholms slottsteater på Lovisa Ulrikas och Gustaf III:s tid. Drottningholms Teatermuseum / Stockholms kommun / Liber förlag 1981
  • Gustaf Hilleström: Drottningholmsteatern förr och nu. Natur och Kultur 1980
  • Hans Åstrand & Gunnar Larsson (red.): Gustavian Opera. Musikaliska Akademins skrifter nr. 66 (1991)
  • Ove Hidemark, Per Edström m. fl.: Drottningholms Slottsteater - dess tillkomst, öden och bevarande, Byggförlaget 1993
  • Sven Åke Heed: Ny svensk teaterhistoria, Teater före 1800'
  • Ingvar Andersson: Gustavianskt
  • Carl-Gunnar Åhlén: Drottningholms Slottsteater 1922-1992. Bilaga till CD-skiva Caprice CAP 21512, Caprice Records 1993

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN122624077 · ISNI (EN0000 0001 1370 0506 · GND (DE1215975-X · BNF (FRcb15048823g (data) · ULAN (EN500309204 · WorldCat Identities (EN122624077