Star Wars: Episodio I Racer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Star Wars: Episode I Racer
Star Wars - Episode I Racer - PC.png
Corsa di sgusci ambientata sul pianeta Tatooine
Sviluppo LucasArts
Pubblicazione LucasArts
Data di pubblicazione 19 maggio 1999
Genere Simulatore di guida
Tema Guerre stellari
Modalità di gioco Singolo giocatore Multiplayer
Piattaforma Nintendo 64, Dreamcast, Game Boy Color, Microsoft Windows, Mac OS, Arcade

Star Wars: Episodio I Racer o Racer è un videogioco a gara simil-automobilistica ispirato alla corsa degli "sgusci" di Guerre stellari e ambientato nell'Universo espanso. Il gioco include diversi tracciati e tutti i personaggi competitori della gara di sgusci visti nel film La minaccia fantasma.

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

  • Torneo: È la modalità primaria di gioco. Si gareggia per guadagnare denaro e comprare equipaggiamento e droidi, e sbloccare nuovi tracciati, giocatori, e migliorie. Non si può scegliere la difficoltà di gioco.
  • Corsa libera: Permette di fare pratica sui tracciati sbloccati in precedenza senza guadagnare denaro. La difficoltà è impostabile, così come il numero dei giri e degli avversari.
  • Multigiocatorei: Per gareggiare assieme ad almeno un altro giocatore umano su un circuito sbloccato in precedenza. Si può impostare difficoltà, numero e velocità degli avversari.

Personaggi giocabili[modifica | modifica wikitesto]

Circuiti[modifica | modifica wikitesto]

sono presenti un totale di 25 circuiti, ognuno con il proprio pilota favorito e con il proprio pianeta d'appartenenza.

Amateur Podracing Circuit[modifica | modifica wikitesto]

  • Boonta Training Course, Tatooine (Sebulba)
  • Mon Gazza Speedway, Mon Gazza (Teemto Pagalies)
  • Beedo's Wild Ride, Ando Prime (Aldar Beedo)
  • Aquilaris Classic, Aquilaris (Clegg Holdfast)
  • Malastare 100, Malastare (Dud Bolt)
  • Vegeance, Oovo IV (Fud Sang)
  • Spice Mine Run, Mon Gazza (Mars Guo)

Semipro Podracing Circuit[modifica | modifica wikitesto]

  • Sunken City, Aquilaris ("Bullseye" Navoir)
  • Howler Gorge, Ando Prime (Ratts Tyerell)
  • Dug Derby, Malastare (Elan Mak)
  • Scrapper's Run, Ord Ibanna (Wan Sandage)
  • Zugga Challenge, Mon Gazza (Boles Roor)
  • Baroo Coast, Baroonda (Neva Kee)
  • Bumpy's Breakers, Aquilaris (Ark "Bumpy" Roose)

Galactic Podracing Circuit[modifica | modifica wikitesto]

  • Executioner, Oovo IV (Toy Dampner)
  • Sebulba's Legacy, Malastare (Sebulba)
  • Grabvine Getaway, Baroonda (Anakin Skywalker)
  • Andobi Mountain Run, Ando Prime (Mawhonic)
  • Dethro's Revenge, Ord Ibanna (Ody Mandrell)
  • Fire Mountain Rally, Baroonda (Ebe Endocott)
  • Boonta Eve Classic, Tatooine (Sebulba)

Invitational Podracing Circuit[modifica | modifica wikitesto]

  • Ando Prime Centrum, Ando Prime (Slide Paramita) (si sblocca completando il primo circuito)
  • Abyss, Ord Ibanna (Bozzie Baranta) (sbloccabile completando il secondo circuito)
  • The Gauntlet, Oovo IV (Gasgano), (sbloccabile completando il terzo circuito)
  • Inferno, Baroonda (Ben Quadrinaros) (sbloccabile completando il terzo circuito)

Differenze tra le varie versioni[modifica | modifica wikitesto]

PC e Sega Dreamcast[modifica | modifica wikitesto]

La versione PC e Sega Dreamcast, ogni volta che si avvia, mostra una cutscene introduttiva creata in modo CGI simile al film, che termina letteralmente con Gssgano che subisce un incidente in gara, anche se sopravvive. Tale sequenza cutscene è però considerata non canonica, essendo Gasgano finito secondo alla gara di sgusci di Mos Espa nel film secondo le fonti ufficiali.

La musica è di qualità molto superiore, essendo prodotta dal CD e in formato WAV. Il tachimetro nel gioco possiede una grafica vettoriale e non una grafica raster della N64. La schermata introduttiva è del tutto diversa.

Il multiplayer si estende per due giocatori sullo stesso computer, ma anche circa 8 giocatori online grazie ad un protocollo IPX.

Nintendo 64[modifica | modifica wikitesto]

Il game play della N64 è simile alla versione PC. La primissima volta che si avvia tale versione, si vedrà una cutscene usata con i modelli di gioco, mentre ogni volta successiva di avvio si vedrà un'altra introduzione sempre prodotta con quei modelli.

Si aggiungono due nuovi personaggi: Cy Yunga e Jinn Reeso. I due però devono essere attivati tramite un cheat code che permettono di rimpiazzare rispettivamente "Bullseye" Navoir e Mars Guo.

Il multiplayer è giocato in due con la stessa console.

Game Boy Color[modifica | modifica wikitesto]

La versione GBC è invece un testa a testa visto dall'alto e si gioca tipo una Drag Race poiché il percorso è lineare ed ha un solo giro.

All'inizio del gioco il giocatore possiede solo Anakin Skywalker, e tutti gli altri sono sbloccabili completando le varie e rispettive gare. Sono presenti 5 pianeti (Tatooine, Ando Prime, Barponda, Mon Gazza e Malastare), ognuno con 4 gare.

Quando tutti i 4 livelli di un qualsiasi pianeta sono completati si potrà affrontare Sebulba. Se sconfitto, si vincerà il suo sguscio. Se si perde una qualsiasi gara futura lo sguscio di Sebulba verrà perso finché non verrà sbloccato di nuovo.

  1. Tatooine
    1. Teemto Pagalies
    2. Ark "Bumpy" Roose
    3. Mawhonic
    4. Gasgano
  2. Ando Prime
    1. Slide Paramita
    2. Fud Sang
    3. Ebe Endocott
    4. Aldar Beedo
  3. Baroonda
    1. "Bullseye" Navoir
    2. Toy Dampner
    3. Wan Sandage
    4. Clegg Holdfast
  4. Mon Gazza
    1. Ody Mandrell
    2. Mars Guo
    3. Ben Quadrinaros
    4. Boles Roor
  5. Malastare
    1. Dud Bolt
    2. Bozzie Baranta
    3. Elan Mak
    4. Ratts Tyerell

Critiche[modifica | modifica wikitesto]

Nel numero di Marzo del 2004, GMR Magazine ha segnato Star Wars: Episodio I Racer al 5º posto tra i giochi Star Wars migliori al mondo.

Pubblicazione Nintendo 64 Microsoft Windows
IGN 7.6 / 10 7.2 / 10
GameSpot 8.4 / 10 8.2 / 10
EGM 9.5/9.0/9.0/9.0 su 10 8.0/8.0/8.0 su 10
Game Rankings 75.78 (N64) (*)

(*)data la media di tutte le recensioni su Game Rankings

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]