Star One

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Star One
Paese d'origine Paesi Bassi Paesi Bassi
Genere Space rock
Progressive metal
Industrial metal
Periodo di attività 20022003
2009in attività
Etichetta Inside Out Music
Album pubblicati 3
Studio 2
Live 1
Gruppi e artisti correlati After Forever, Ambeon, Ayreon, Guilt Machine, Nightingale, Stream of Passion, Symphony X, The Gentle Storm, Thresold

Gli Star One (denominati anche Arjen Anthony Lucassen's Star One) sono un gruppo musicale progressive metal olandese, formato nel 2002 per iniziativa del musicista Arjen Anthony Lucassen.

Storia del gruppo[modifica | modifica wikitesto]

Il nome deriva da una serie fantascientifica cult britannico degli anni settanta, Blacke's 7, nella quale compariva un pianeta chiamato Star One.[1] Dopo aver scoperto che diversi artisti hanno seguito il concetto di opera rock intrapreso da Lucassen mediante la pubblicazione dei primi album degli Ayreon, lo stesso musicista ne ascolto alcuni, notando come il timbro vocale dei vari cantanti in alcuni di quegli album fosse simile.[1] Per tutta risposta, Lucassen decise di reclutare alcuni cantanti caratterizzati da timbri vocali diversi tra loro, Russell Allen degli Symphony X, Floor Jansen (allora componente degli After Forever), Dan Swanö dei Nightingale e Damian Wilson (allora ex-componente dei Thresold), dando vita all'album Space Metal, uscito nel 2002.[1]

Sempre nel 2002, Lucassen portò gli Star One in concerto con l'Intergalactic Space Crusaders Tour, 2002, una tournée di sette tappe e di breve durata, dal 28 settembre 2002 al 5 ottobre 2002, che toccò solamente i Paesi Bassi, la Germania e il Belgio. L'ultima tappa del tour, che ebbe luogo a Rijssen, venne registrata portando alla pubblicazione dell'album dal vivo Live on Earth, uscito nel 2003 comprendente due CD ed un DVD.

Dopo sei anni di pausa, Lucassen riprese in mano gli Star One per la realizzazione di un secondo album atto a contrastare le sonorità soft contenute in On This Perfect Day di un altro suo progetto, i Guilty Machine (anche Space Metal nacque come risposta a un vecchio progetto del musicista, gli Ambeon).[1] Richiamati quindi gli stessi cantanti del primo album ed avvalendosi di alcuni musicisti (come il batterista Ed Warby, già collaboratore di Lucassen negli Ayreon), gli Star One hanno pubblicato il secondo album Victims of the Modern Age nel 2010.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Attuale
Turnisti

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Album dal vivo[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (EN) Star One, Arjen Lucassen. URL consultato il 12 agosto 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]