Stadio Raul Guidobaldi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stadio Raul Guidobaldi
Campo scuola Guidobaldi
Stadio Raul Guidobaldi, Rieti - 02.JPG
La pista principale e la tribuna Velino
Informazioni
StatoItalia Italia
UbicazionePiazzale Adolfo Leoni
Rieti (Lazio)
Pista d'atletica8 corsie in sportflex
ProprietarioComune di Rieti[1]
Uso e beneficiari
Atletica leggeraStudentesca Cariri flag.svg Atletica Studentesca Rieti Andrea Milardi
Capienza
Posti a sedere5 000[2]
Mappa di localizzazione

Coordinate: 42°24′00.82″N 12°50′56.17″E / 42.400227°N 12.848935°E42.400227; 12.848935

Lo stadio Raul Guidobaldi è uno stadio di atletica leggera della città di Rieti.

Ospita ogni anno il Rieti Meeting, competizione internazionale di atletica leggera che si tiene dal 1971. Ha ospitato i campionati europei juniores di atletica leggera 2013, i campionati italiani assoluti nelle edizioni 2003 e 2016 e più volte quelli di varie categorie.

Lo stadio è famoso per i numerosi record mondiali che vi sono stati stabiliti (come i 9"74 nei 100 metri piani corsi da Asafa Powell nel 2007), specialmente sulle medie e lunghe distanze, tanto da essersi guadagnato l'appellativo di "tempio del mezzofondo"[3] e da essere stato definito da Steve Cram, sul Guardian, una sorta di Mecca per i record[4].

Collocazione[modifica | modifica wikitesto]

Lo stadio si trova nel quartiere Città giardino di Rieti e occupa un'area delimitata dall'ex viale dello Sport (oggi viale Duprè Thesèider) e dal fiume Velino, che in quel tratto compie un'ansa. Come suggerisce il nome originale del viale, l'intera zona costituisce uno dei principali poli sportivi cittadini: lo stadio infatti confina ad ovest con la piscina comunale e i campi da tennis, e ad est con il piazzale Adolfo Leoni dove si trova il Palazzetto dello Sport (oggi denominato PalaCordoni), sede della storica squadra di basket AMG Sebastiani prima della costruzione del PalaSojourner.

Strutture[modifica | modifica wikitesto]

La pista principale è un anello ad otto corsie. Su di essa si affacciano due tribune, che prendono il nome dall'elemento naturale visibile alle loro spalle. La principale è la tribuna Velino, situata sul rettilineo sud, costruita in muratura e coperta da una tettoia sorretta da un imponente arco in acciaio; il suo orientamento fa sì che da questa tribuna il pubblico non abbia mai il sole contro. L'altra è la tribuna Terminillo, scoperta e costruita in materiale metallico, situata sul rettilineo nord. Al piano terra della tribuna Velino trovano spazio gli spogliatoi con le docce e alcuni uffici[5], mentre più in alto si trova la postazione per i telecronisti. Sul lato orientale il complesso è delimitato da un edificio ad un solo piano che ospita la sede e gli uffici dell'Atletica Studentesca CA.RI.RI.. Le due gabbie per il lancio del martello si trovano agli estremi dell'ovale, quella sul lato est all'interno del perimetro della pista, quella sul lato ovest all'esterno. La buca della sabbia per il salto in lungo si trova all'interno del perimetro della pista principale, in parallelo al rettilineo nord.

Oltre alla pista principale, alle spalle della tribuna Velino lo stadio dispone di un'altra area utilizzata per il riscaldamento. Qui si trova una pista a sei corsie, costituita da una curva ed un rettilineo per una lunghezza totale di 250 metri[5], un'area attrezzata per il salto in lungo e con l'asta, ed un pistino coperto. Quest'ultimo è dotato di impianto di riscaldamento e viene usato per gli allenamenti invernali e per la stagione indoor; è costituito da un rettilineo di 100 metri e da due piazzole situate ai suoi estremi, attrezzate per il salto con l'asta, il salto in lungo, il salto in alto e il getto del peso.

Panorama dello stadio Raul Guidobaldi (Rieti).jpg
Ingrandisci
Panoramica della pista principale dall'argine del fiume Velino

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La tribuna Velino
La vista dall'ingresso principale

L'area, inizialmente un semplice camposcuola, nacque insieme alle altre strutture sportive della zona contemporaneamente al quartiere di Città giardino, nato negli anni cinquanta-sessanta dal prosciugamento della cavatella, un canale artificiale che separava questa zona dal resto della città. La struttura è stata potenziata di pari passo con la crescita del movimento dell'atletica leggera locale, prima con la Alco Rieti e poi con la Studentesca CARIRI.

Il pistino coperto fu realizzato nel 1981, ma rimase incompleto per la mancanza dell'impianto di illuminazione (realizzato nel 1982) e della pavimentazione[6]; divenne utilizzabile solo nel 1986.[7] Nel 1985 viene installata la tribuna Terminillo[6]. Da campo scuola nel 1999 la struttura diventa stadio di atletica.[8]

Tra il 2011 ed il 2012, in vista degli Europei juniores 2013, tutte le piste sono state rifatte in materiale sportflex nel nuovo colore blu dall'azienda Mondo[9][2] grazie ad un finanziamento di 1,5 milioni di euro della regione Lazio[1]. Nel luglio del 2013 è stato inaugurato un ponte ciclopedonale sul Velino, che collega l'ingresso dello stadio su piazzale Leoni con il sentiero ciclabile della Giorlandina, sul fianco meridionale del fiume, voluto dal comitato organizzatore degli europei Rieti 2013 e finanziato da Acea, Unioncamere Lazio e Fondazione Varrone.[10][11]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Deliberazione n. 416 del 6 agosto 2012 (PDF), su Regione Lazio. URL consultato il 29 febbraio 2016. Notizia
  2. ^ a b Pista di atletica leggera di Rieti, su Mondo. URL consultato il 23 febbraio 2016.
  3. ^ I più grandi del mondo il 7 settembre al glorioso Guidobaldi, in Il Tempo, 3 settembre 2003. URL consultato il 27 maggio 2016.
  4. ^ (EN) Steve Cram, Why is a small town in Italy such a mecca for world records?, in The Guardian, 11 settembre 2007. URL consultato il 29 febbraio 2016.
  5. ^ a b LUCA TRGOVCEVIC, Stadio “R. Guidobaldi” – Rieti, su trackarena.com, 19 ottobre 2011. URL consultato il 20 febbraio 2016.
  6. ^ a b Storia 76-85, su Atletica Studentesca CARIRI. URL consultato il 27 maggio 2016.
  7. ^ La nostra storia, 1986, su Atletica Studentesca CARIRI. URL consultato il 27 maggio 2016.
  8. ^ La nostra storia, 1999, su Atletica Studentesca CARIRI. URL consultato il 27 maggio 2016.
  9. ^ Track & Field Brochure (PDF), su Mondo. URL consultato il 20 febbraio 2016.
  10. ^ ORE 9.10, È FATTA! IL PONTE È VARATO, in RietiLife, 20 giugno 2013. URL consultato il 27 maggio 2016.
  11. ^ ECCO IL NUOVO PONTE, UNO SPETTACOLO DI LUCI E COLORI, in RietiLife, 15 luglio 2013. URL consultato il 27 maggio 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]