Stadio Centro d'Italia-Manlio Scopigno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Centro d'Italia-Manlio Scopigno
Rieti-L'Aquila 21.5.2017 - 01.png
La tribuna Terminillo
Informazioni
StatoItalia Italia
UbicazionePiazzale Veterani dello Sport,
02100 Rieti
Inizio lavori1989
Inaugurazione1991
StrutturaPianta rettangolare
CoperturaTribuna Terminillo e Tribuna Vallesanta
Pista d’atleticanon presente
Ristrutturazione1997
Costi di ricostr.4,5 miliardi di lire[1]
Mat. del terrenoErba
Dim. del terreno110 x 70 m
ProprietarioRieti-Stemma.png Comune di Rieti
GestoreFootball Club Rieti
Progettoing. Dario Bugli e ing. Luigi Corradi
Uso e beneficiari
CalcioRieti
Lupa Castelli Romani (2015-2016)
Capienza
Posti a sedere13 773[2]
Mappa di localizzazione

Coordinate: 42°24′39.43″N 12°53′12.47″E / 42.410954°N 12.886797°E42.410954; 12.886797

Lo stadio Centro d'Italia-Manlio Scopigno è un impianto di calcio che si trova nella città di Rieti. È sede degli incontri interni dell'FC Rieti. La capienza è di 10 163 posti, tutti a sedere.

Realizzato dall'amministrazione comunale, entrò in funzione nel 1991 e fu definitivamente inaugurato nel 1997, con un incontro tra le nazionali Under-21 di Italia e Inghilterra.

Il nome dell'impianto ricorda la tradizione che vuole Rieti come centro della penisola; dal 2005 è intitolato a Manlio Scopigno,[3] storico giocatore dell'epoca d'oro del Rieti in Serie B.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Lo stadio dall'alto

Fino agli anni Novanta, il principale campo da calcio della città di Rieti era lo stadio di viale Fassini, un campo in pozzolana con una capienza di 2000 spettatori al massimo, costruito nel 1927 come parte del villaggio operaio dello stabilimento industriale Supertessile.[4]

Nel 1989, in seguito alla promozione del Rieti in Serie D, la realizzazione di un impianto più moderno e capiente venne ritenuta non più differibile, così il comune di Rieti decise di realizzare un nuovo stadio con manto in erba nella zona di Campoloniano,[4] sfruttando i finanziamenti stanziati per il mondiale Italia '90.[3]

Il bando, che prevedeva la progettazione di uno stadio dotato anche di pista di atletica, venne vinto dagli ingegneri Luigi Corradi e Dario Bugli. In questa prima fase fu realizzato solo uno stralcio del progetto complessivo, che prevedeva solo il campo e una tribuna (l'attuale "Valle Santa"). La nuova struttura fu completata nel 1991 e venne inaugurata con un'amichevole tra la Lazio di Dino Zoff e il Rieti di Leonardo Acori.[4]

Nel 1997 il comune di Rieti, proprietario della struttura, decise di procedere ad un ampliamento, realizzando anche il secondo stralcio del progetto originale. Vennero così realizzati gli altri settori (la tribuna Terminillo e le due curve) e installato l'impianto di illuminazione; la pista di atletica invece non fu realizzata, perché la giunta di Antonio Cicchetti decise di lasciare allo stadio Guidobaldi le manifestazioni di atletica e di completare l'impianto di Campoloniano solo in funzione del calcio.[1] Il costo fu di 4,5 miliardi di lire.[1] Lo stadio ampliato fu inaugurato l'11 ottobre 1997 in occasione della partita Under-21 tra l'Italia capitanata da Francesco Totti e Inghilterra, vinta dagli inglesi per 0-1; madrina della serata fu la presentatrice Paola Perego.[3]

Pochi anni dopo l'inaugurazione, le torri faro che ospitavano i riflettori crollarono in una giornata di forte vento, senza provocare vittime;[3] le strutture danneggiate vennero sostituite a spese della ditta che nel 1997 aveva eseguito i lavori.

La curva sud

Nel 2010, per adeguarlo alle nuove norme di sicurezza in materia di impianti sportivi per il calcio, sono stati installati i tornelli.

Nel 2013, in seguito all'impossibilità di utilizzare la Is Arenas, il Cagliari Calcio si era detto favorevole a disputare le proprie partite di Serie A nello stadio reatino (per via della compatibilità tecnica e dell'intitolazione al tecnico cagliaritano),[5][6] ma la possibilità non si è potuta concretizzare per la contrarietà della Lega Calcio[7] e per preoccupazioni di ordine pubblico manifestate dal questore di Rieti.[8]

Nella stagione 2015-2016 lo stadio è stato sede delle partite interne della Lupa Castelli Romani nel campionato di Lega Pro. In tale occasione lo stadio è stato oggetto di lavori di ristrutturazione per abilitarlo a tale campionato,[9] con la realizzazione del prefiltraggio per la tribuna Vallesanta e per la curva sud; la tribuna Terminillo e la curva nord, invece, non vennero interessate dai lavori e furono pertanto interdette al pubblico calcistico, riducendo la capacità dello stadio a circa la metà (soli 4500 posti).

Nel maggio 2018, in seguito alla promozione del Rieti in Serie C, si è posto il problema di adeguare lo stadio alle normative richieste per gli incontri della terza serie. A tale scopo sono stati stanziati 300 000 euro da parte della Regione Lazio[10] e altri 94 000 euro da parte del comune di Rieti,[11] necessari ad adeguare l'impianto di videosorveglianza, realizzare la rete di prefiltraggio e i tornelli identificativi, rifare la recinzione esterna e i presidi antincendio,[12] e riaprire al pubblico la Tribuna Terminillo, per riportare la capienza dello stadio a quella originaria.[10] Tuttavia i lavori sono partiti solo ad inizio settembre,[13] e hanno comportato lo svolgimento delle prime partite casalinghe a porte chiuse.[14]

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

L'angolo tra la curva nord e la tribuna Terminillo

Lo stadio è stato realizzato su progetto degli ingegneri Luigi Corradi e Dario Bugli ed è costituito da due tribune coperte stile d'oltre manica e da due curve scoperte. Tutti i settori sono attrezzati con i seggiolini colorati che richiamano nome e colori della città.

Le due tribune, entrambe coperte, sono leggermente rialzate rispetto al livello del terreno e non perfettamente rettilinee ma lievemente arcuate. La loro insolita lunghezza (superano il confine del campo da gioco) è dovuta al fatto che il progetto iniziale prevedeva la presenza di una pista di atletica, poi stralciata in corso d'opera. La tribuna sul lato orientale, denominata Terminillo per via del monte Terminillo visibile alle sue spalle, è contraddistinta dalla scritta cubitale Rieti formata dai seggiolini, di colore bianco bordato di nero; quella sul lato occidentale, denominata Vallesanta per via della pianura posta alle sue spalle detta Valle Santa, è quella che ospita la tribuna stampa.

Le due curve, sprovviste di copertura, sono più basse delle tribune e non sono raccordate con queste ultime.

L'impianto d'illuminazione è costituito da quattro piloni posti negli spazi fra curve e tribune dotati di svariati fari; altre luci sono collocate lungo il bordo della copertura delle due tribune.

La capienza massima è di 10 163 posti a sedere (di cui 4 500 omologati per le partite di calcio).

La struttura è completata da due ulteriori campi da calcio: l'antistadio in pozzolana "Luigi Bergamini" e il campo in erba sintetica "Roberto Ciccaglioni".[15]

Lo stadio è collocato nel quartiere reatino di Campoloniano, all'incrocio tra il tratto urbano della strada statale 4 bis del Terminillo e via Palmiro Togliatti. Nell'area dove sorge l'impianto si trovano anche l'arena di basket PalaSojourner, l'impianto per il calcio a 5 PalaMalfatti, la piscina provinciale, il bocciodromo e il pattinodromo, che complessivamente costituiscono il più importante polo sportivo cittadino. All'esterno dello stadio si trova un ampio parcheggio e un bar.

Stadio Centro d'Italia (Rieti) - esterno tribuna Vallesanta 01.jpg
Ingrandisci
L'esterno dello stadio, con l'ingresso alla tribuna ovest "Vallesanta"

Settori[modifica | modifica wikitesto]

  • Tribuna est "Attilio Galassini" - Terminillo: 4 080 posti
  • Tribuna ovest "Antonio Tomassoni" - Vallesanta: 4 115 posti
  • Curva nord "Sabatino Iacoboni" (Locali): 984 posti
  • Curva sud "Giovanni Fioravanti" (Ospiti): 984 posti

Eventi calcistici di rilievo[modifica | modifica wikitesto]

Francesco Totti, in veste di capitano della nazionale Under-21, durante la partita inaugurale dello stadio Centro d'Italia (10 ottobre 1997)

Eventi extracalcistici[modifica | modifica wikitesto]

Altri sport[modifica | modifica wikitesto]

Eventi benefici[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Stadio Manlio Scopigno di Rieti (PDF), su Studio Corradi. URL consultato il 29 aprile 2018.
  2. ^ (PDF) Stadi italiani Archiviato il 22 luglio 2015 in Internet Archive. - osservatoriosport.interno.gov.it
  3. ^ a b c d Christian Diociaiuti, Venti anni fa fu inaugurato lo stadio Centro d'Italia con la sfida Italia-Inghilterra Under 21, in Il Messaggero edizione di Rieti, 11 ottobre 2017. URL consultato il 29 aprile 2018.
  4. ^ a b c Storia, su Vecchio sito ufficiale dell'FC Rieti. URL consultato il 28 aprile 2018.
  5. ^ CALCIO SERIE A, IL CAGLIARI CONCLUDERÀ IL CAMPIONATO ALLO SCOPIGNO? IPOTESI RIETI ANCHE PER IL PROSSIMO ANNO, in RietiLife, 2 aprile 2013. URL consultato il 29 aprile 2018.
  6. ^ CALCIO SERIE A, I DIRIGENTI DEL CAGLIARI: “SAREMMO ENTUSIASTI DI GIOCARE A RIETI”, in RietiLife, 4 aprile 2013. URL consultato il 29 aprile 2018.
  7. ^ NO DELLA LEGA CALCIO A CAGLIARI-INTER A RIETI. SERRA: “LO SCOPIGNO È UN CAMPETTO”, in RietiLife, 4 aprile 2013. URL consultato il 29 aprile 2018.
  8. ^ CASO CAGLIARI, MEZZETTI: “È UN PECCATO MA CONTINUERÒ A LAVORARE, PRESTO UN’AMICHEVOLE ALLO SCOPIGNO”, in RietiLife, 5 aprile 2013. URL consultato il 29 aprile 2018.
  9. ^ Lupa Castelli a Rieti accompagnata da Marco Amelia. Intanto ok dal prefetto allo Scopigno, in Il Messaggero, 29 giugno 2015. URL consultato il 28 aprile 2018.
  10. ^ a b Dalla Regione 300mila euro per lo stadio di Rieti per la serie C. Annuncio di Pirozzi, soddisfazione di Curci, in Il Messaggero edizione di Rieti, 31 maggio 2018. URL consultato il 23 giugno 2018.
  11. ^ Alessandra Lancia, Maglianello saccheggiata per fare i lavori allo stadio, in Il Messaggero edizione di Rieti, 31 agosto 2018. URL consultato il 22 settembre 2018.
  12. ^ 300mila euro per lo Scopigno, c’è l’ok della commissione. Domani la Regione in visita al Rieti, in RietiLife, 10 luglio 2018. URL consultato il 10 luglio 2018.
  13. ^ Partiti i lavori allo Scopigno, in Il Messaggero edizione di Rieti, 6 settembre 2018. URL consultato il 9 settembre 2018.
  14. ^ Ufficiale: Rieti-Casertana a porte chiuse. Persi 10mila euro d’incasso, niente trasferta per 600 campani, in RietiLife, 20 settembre 2018. URL consultato il 22 settembre 2018.
  15. ^ Christian Diociaiuti, Affidate le gestioni dello stadio e del Ciccaglioni al Football Club Rieti e a Rieti 2.1, in Il Messaggero edizione di Rieti, 21 dicembre 2016. URL consultato il 20 maggio 2018.
  16. ^ I SOGNI SCUDETTO DELLA ROMA COMINCIANO DA RIETI: BATTUTA L’INDONESIA 3–1, in RietiLife, 18 luglio 2014. URL consultato il 29 aprile 2018.
  17. ^ UEFA Youth League - Partite 2015, su UEFA.com. URL consultato il 28 aprile 2018.
  18. ^ Avellino in C, trionfo allo Scopigno: festa per 5000, che emozione per Matteo Dionisi, su Rieti Life, 12 maggio 2019. URL consultato il 13 maggio 2019.
  19. ^ a b Christian Diociaiuti, Italia-Irlanda allo Scopigno, staccati 2000 ticket: “Puntiamo a raddoppiarli”. Rieti al rugby porta bene: ecco perché, 20 febbraio 2019. URL consultato il 21 febbraio 2019.
  20. ^ Gli ottomila dello Scopigno raccolgono 108mila euro per #IoCiSono, in RietiLife, 5 ottobre 2016. URL consultato il 29 aprile 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]