Stadio Cosimo Puttilli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stadio Cosimo Puttilli
Comunale
Informazioni
StatoItalia Italia
UbicazioneVia Vittorio Veneto
76121 Barletta (BT)
Inaugurazione1970
StrutturaOvale con pista d'atletica
CoperturaTribuna
Pista d’atleticaPresente dalla costruzione ed attualmente in uso
Ristrutturazione1987, 2015 (attualmente in ristrutturazione)
Mat. del terrenoErba
Dim. del terreno105 x 65 m
ProprietarioComune di Barletta
GestoreAssociazione Sportiva Dilettantistica Barletta 1922
Capienza
Posti a sedere8 000
Mappa di localizzazione

Coordinate: 41°18′45″N 16°17′02″E / 41.3125°N 16.283889°E41.3125; 16.283889

Lo stadio Cosimo Puttilli è il maggiore impianto sportivo della città di Barletta ed è situato nella zona a est della città, nel quartiere Borgovilla-Patalini.

Di proprietà del Comune di Barletta, agli albori del XXI secolo è stato intitolato a Cosimo Puttilli, marciatore due volte campione italiano negli anni trenta e anni quaranta, mentre fino a quel momento aveva assunto la semplice denominazione di stadio comunale. viene essenzialmente utilizzato per le partite di calcio casalinghe della S.S. Barletta Calcio, club di Lega Pro che possiede la concessione d'uso.

La realizzazione dell'impianto era stata resa necessaria al fine di sostituire il vecchio impianto in terra battuta (stadio Lello Simeone), ormai vetusto, soprattutto per soddisfare le ambizioni della città che aspirava a maggiori traguardi sportivi, rispetto a quelli fino ad allora ottenuti. Cosa che in seguito puntualmente avvenne, visto che nel 1987 la principale squadra di calcio, il Barletta riuscì ad approdare in Serie B.

Nella stagione 2008-2009 è stato utilizzato occasionalmente per le partite casalinghe dell'A.S.D. Real Barletta, club di Promozione, mentre fino al momento in cui ha militato in Serie B (primavera 2007) è stato spesso utilizzato anche dall'A.C.F. Barletta, club femminile che ora milita in Serie C. Oltre che per dei saltuari incontri di calcio per beneficenza, l'impianto annualmente viene utilizzato per un meeting di atletica leggera ed inoltre quotidianamente per gli allenamenti sulla pista e sul campo di varie associazioni sportive. In passato è stato utilizzato anche da altre squadre di calcio cittadine minori (ad esempio dalla Libertas Barletta nella stagione 1998-1999), per concerti di musica leggera, giuramenti delle reclute dell'Esercito Italiano, per le rievocazioni della disfida di Barletta e per gare di Tiro con l'arco.

Storia e caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Fu costruito alla fine degli anni sessanta e fu inaugurato nel 1970. L'impianto, fornito di manto da gioco in erba naturale e di una pista d'atletica regolamentare a più corsie, è stato negli anni varie volte sottoposto a lavori di adeguamento. Dotato sin dalle origini di tribuna coperta, tribuna laterale, gradinata, curve nord e sud (queste ultime scoperte), nel tempo alcuni di questi settori hanno modificato la loro fisionomia a seguito dei vari lavori eseguiti. Il terreno di gioco attualmente occupa una distesa di 105x65 m.

Gli spalti inizialmente avevano una capacità di 17.000 posti non a sedere mentre, dopo l'ampliamento avvenuto nel 1987 a seguito della promozione in Serie B della locale squadra di calcio, i posti sono rimasti 17.000, molti dei quali a sedere. Negli anni novanta l'impianto ha avuto molti problemi per il logorio della struttura, e spesso alcuni settori dello stadio sono stati chiusi perché non conformi alle norme in vigore. Questa situazione è rimasta anche dopo che nel 1997 sono stati ospitati alcune gare di Calcio valevoli per i Giochi del Mediterraneo.

A causa della parziale chiusura del settore dei Distinti (Gradinata) e della riduzione della capienza di entrambe le curve, lo stadio poteva ospitare 5.000 posti a sedere circa, ma per adeguarsi alle normative richieste dalla Lega Pro per la Seconda Divisione (categoria in cui militava la principale squadra di calcio locale), dall'autunno 2009 c'è stata un'ulteriore riduzione della capienza che è stata portata intorno alla soglia dei 4.000 spettatori (4.018 per l'esattezza).
Con l'approdo della squadra locale in Prima Divisione sono stati effettuati alcuni lavori richiesti dalla Lega per questa categorie e saranno effettuati dei nuovi lavori che ristruttureranno notevolmente l'impianto, aumentandone la capienza.

Il restyling[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2011 sono stati effettuati interventi di adeguamento dell'impianto di videosorveglianza, la realizzazione di una sala regia e il rinnovamento dell'impianto di illuminazione, consentendo di disputare partite in notturna.

Il 1º agosto 2011 è stato presentato il "Progetto di adeguamento e potenziamento dello stadio comunale Puttilli" elaborato dal CONI (Comitato Olimpico Nazionale Italiano). I termini dell'intervento proposto sono i seguenti: avvicinamento degli spalti al terreno di gioco; rimodulazione degli assetti ricettivi dello stadio con innalzamenti dai 10 ai 20 metri (la parte più bassa sarà caratterizzata da un parapetto di 1,20m in luogo delle attuali barriere di 2,50m in doppia battuta); riduzione degli spazi vuoti lungo la pista d'atletica; adeguamento di curve e gradinate. La tribuna verrà demolita e sarà incrementata la disponibilità di seggiolini (da 1000 attuali a 1700), attraverso l'allineamento della pendenza, la rimozione delle vetrate e l'allestimento di Skybox. Dai 3998 spettatori della capienza attuale, l'impianto arriverebbe ad 8000 posti a sedere, con possibilità di ulteriori ampliamenti futuri. I costi dell'intervento sono ammontati a circa 3 milioni di euro totali.[1] I lavori sono iniziati nel luglio 2015 e non sono ancora terminati.

Partite di livello internazionale[modifica | modifica wikitesto]

In questo stadio l'11 marzo 1987 si è giocata la partita tra Italia Juniores e Spagna Juniores del gruppo eliminatorio di qualificazione al Campionato europeo di calcio Under-18 in Cecoslovacchia:

Barletta
11 marzo 1987, ore 15.30 CET
2ª giornata girone 2
Italia Italia 0 – 1
referto
Spagna Spagna Stadio comunale (1.000 circa spett.)
Arbitro Francia Boullet

Lo stadio comunale di Barletta ha ospitato anche i seguenti incontri di livello internazionale durante i XIII Giochi del Mediterraneo:

Barletta
17 giugno 1997
Jugoslavia Jugoslavia 3 – 1
referto
Albania Albania Stadio comunale
Arbitro Slovenia Tivolo

Barletta
20 giugno 1997
Algeria Algeria 1 – 1
referto
Libia Libia Stadio comunale
Arbitro San Marino Turo

Il 6 febbraio 2013 si è disputato l'incontro di calcio tra Italia Under-20 e Germania Under-20 valevole per il Torneo Quattro Nazioni Under-20[2][3][4][5] finito con il risultato di 0-2.[6][7]

Barletta
6 febbraio 2013, ore 15.00 CET
2ª giornata
Italia Italia 0 – 2
referto
Germania Germania Stadio Cosimo Puttilli
Arbitro Polonia Raczkowski

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Barletta, ecco come sarà il nuovo <<Puttilli>> [collegamento interrotto], in LaGazzettadelMezzogiorno.it, 2 agosto 2011. URL consultato il 02-08-2011.
  2. ^ Under 20: Torneo Quattro Nazioni, il 6 febbraio a Barletta Italia-Germania, FIGC.it, 10 gennaio 2013. URL consultato il 4 febbraio 2013.
  3. ^ U20: Italia-Germania a Barletta[collegamento interrotto], vivoazzurro.it, 2 gennaio 2013. URL consultato il 4 febbraio 2013.
  4. ^ Mercoledì 6 in campo contro la Germania anche l'Under 20 e l'Under 19, FIGC.it, 29 gennaio 2013. URL consultato il 4 febbraio 2013.
  5. ^ "Quattro Nazioni": sette volti nuovi per la gara di mercoledì a Barletta, FIGC.it, 1 febbraio 2013. URL consultato il 4 febbraio 2013.
  6. ^ Quattro Nazioni: Azzurrini beffati nel finale, la Germania vince 2-0, FIGC.it, 6 febbraio 2013. URL consultato il 7 febbraio 2013.
  7. ^ Under 20: Italia-Germania 0-2, ssbarletta.com, 6 febbraio 2013. URL consultato il 7 febbraio 2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]