Spruzzetta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La spruzzetta è un dispositivo utilizzato nei laboratori chimici per spruzzare un getto liquido, ad esempio per la pulizia della vetreria.[1]

Tipologie[modifica | modifica wikitesto]

La spruzzetta può essere in vetro o in plastica.[1]

Spruzzetta di plastica[modifica | modifica wikitesto]

Spruzzette in polietilene

La versione in materiale plastico è costituita da un flacone di plastica flessibile (generalmente polietilene) fornito di un coperchio nel quale è fissato un tubetto ricurvo e appuntito.

Viene riempita di un liquido (in genere acqua distillata o altri solventi), che viene trasferito per espulsione strizzando il flacone.[1]

Spruzzetta di vetro[modifica | modifica wikitesto]

Tra le spruzzette rientrano anche dispositivi in vetro, costituiti da un pallone di vetro, chiaro o ambrato, corredato con un tappo a tenuta, nel quale sono inseriti due tubi: uno, a punta, dal quale viene spruzzato il liquido e uno dal quale viene immessa aria (soffiandoci dentro o attraverso una pompetta) per creare la pressione necessaria ad espellere il liquido dall'altro tubo.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Enciclopedia Treccani, "spruzzetta"
chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia