Sonvilier

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sonvilier
comune
Sonvilier – Stemma
Sonvilier – Veduta
Localizzazione
Stato Svizzera Svizzera
Cantone Wappen Bern matt.svg Berna
Regione Giura Bernese
Circondario Giura Bernese
Amministrazione
Sindaco Marc Jean-Mairet (2017)
Lingue ufficiali Francese
Territorio
Coordinate 47°08′22″N 6°57′55″E / 47.139444°N 6.965278°E47.139444; 6.965278 (Sonvilier)Coordinate: 47°08′22″N 6°57′55″E / 47.139444°N 6.965278°E47.139444; 6.965278 (Sonvilier)
Altitudine 802 e 1 093 m s.l.m.
Superficie 23,78 km²
Abitanti 1 257 (2015)
Densità 52,86 ab./km²
Frazioni Franches-Montagnes, La Chaux-d'Abel
Comuni confinanti La Ferrière, Les Bois (JU), Renan, Saint-Imier, Val-de-Ruz (NE),
Altre informazioni
Cod. postale 2615
Prefisso 032
Fuso orario UTC+1
Codice OFS 0445
Targa BE
Cartografia
Mappa di localizzazione: Svizzera
Sonvilier
Sonvilier
Sonvilier – Mappa
Sito istituzionale

Sonvilier è un comune svizzero di 1 257 abitanti del Canton Berna, nella regione del Giura Bernese (circondario del Giura Bernese).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il più antico riferimento a Sonvilier si trova in un documento del 13 luglio 1298 in cui il cavaliere Simon de Courtelary dona metà dei suoi beni a Henri, Richard e Simon, figli di Guillaume d'Erguël e canonici del Capitolo di Saint-Imier. Il paese fece quindi parte della signoria di Erguel (dipendente dal principato vescovile di Basilea) e dal 1797 al 1813 venne annesso alla Francia, per entrare poi a far parte, con il congresso di Vienna, del cantone di Berna.

Nel XVIII e XIX secolo conobbe un importante sviluppo economico per la diffusione della merletteria e della fabbricazione di orologi a domicilio a cui seguì lo sviluppo di un vivace movimento sindacale facente capo alla Fédération jurassienne aderente alla Prima internazionale. A questo proposito il rivoluzionario russo Michail Bakunin fu più volte in paese a tenervi degli incontri.

Nel 1874 Sonvilier venne raggiunto dalla ferrovia (linea Bienne-Les Convers). L'economia basata principalmente sulla produzione di orologi venne duramente colpita dalle crisi del 1930-40 e 1970-80. Nel 2005 il settore secondario offriva solo il 9% dei posti di lavoro, mentre il primario ne forniva la maggior parte: il 46%.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Sonvilier nel Dizionario storico della Svizzera [1]
  • Sonvilier sito ufficiale del Comune [2]
  • George Woodcock, L'Anarchia. Storia delle idee e dei movimenti libertari, Milano, Feltrinelli, 1973.
  • Mario Vuilleumier. Horlogers de l'anarchisme. Payot, Lausanne 1988

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Sonvilier nel Dizionario storico della Svizzera [3]
  • Sonvilier sito ufficiale del Comune [4]
Controllo di autorità VIAF: (EN238144779
Svizzera Portale Svizzera: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Svizzera