Silvestro Valier

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Silvestro Valiero)
Silvestro Valier
SilvestroValier.jpeg
Doge di Venezia
Stemma Valier.png
In carica 25 febbraio 1694 –
7 luglio 1700
Predecessore Francesco Morosini
Successore Alvise II Mocenigo
Nome completo Silvestro Valier
Nascita Venezia, 28 marzo 1630
Morte Venezia, 7 luglio 1700
Sepoltura Basilica dei Santi Giovanni e Paolo, Venezia
Dinastia Valier
Padre Bertuccio Valier
Consorte Elisabetta Querini
Religione Cattolico

Silvestro Valier o Valiero (Venezia, 28 marzo 1630Venezia, 7 luglio 1700) venne eletto il 25 febbraio 1694 109° doge della Repubblica di Venezia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio unico di Bertuccio Valier, doge dal 1656 al 1658, appena diciannovenne si sposò con Elisabetta Querini e divenne procuratore tramite l'esborso di denaro. Secondo i cronisti non aveva qualità particolari se non una bella presenza ed un notevole eloquio. Durante la sua carriera politica si dedicò soprattutto alla vita diplomatica dove poté far sfoggio delle sue qualità. Amante della bella vita era anche munifico con i poveri e, per questo, venne sempre molto amato dal popolo.

Dogato[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la morte di Francesco Morosini, con una guerra in corso e pesanti difficoltà economiche, si decise di eleggere un uomo rappresentativo pur senza eccessive ambizioni, come invece il predecessore. Il 25 febbraio 1694 il Valiero venne eletto senza molte difficoltà nuovo Doge, e subito diede disposizioni per organizzare feste grandiose e sontuosi banchetti. Le feste si rinnovarono quando, grazie ad una deroga alla legge, fu per l'ultima volta nella storia di Venezia concessa l'incoronazione della dogaressa, cosa ormai vietata viste le immense spese statali che feste del genere richiedevano. Durante il suo dogato proseguì, con alterne fortune, la guerra contro i turchi. Nel gennaio 1699 infine, con la Pace di Carlowitz, si giungeva ad un accordo che dava a Venezia la Morea, Egina, Leucade, Zante; troppo poco per gli immensi sforzi affrontati. Ormai la Repubblica era prostrata dalle lunghe guerre e il bilancio statale era sempre più spesso in passivo. Il Valiero visse questo periodo così come era sempre vissuto: partecipando a feste sontuose, organizzando banchetti, accogliendo ospiti d'alto rango. Nel complesso non fu un cattivo doge ma solo un regnante “ordinario”, troppo spesso accostato in modo ingeneroso al suo illustre predecessore. Già ammalato da tempo, a seguito di alcune liti familiari riguardanti l'eredità si aggravò e morì il 7 luglio 1700.

È sepolto, insieme alla moglie dogaressa ed al padre doge, in un sontuoso mausoleo barocco nella basilica dei Santi Giovanni e Paolo.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Doge di Venezia Successore
Francesco Morosini 25 febbraio 1694 - 7 luglio 1700 Alvise II Mocenigo
Controllo di autorità VIAF: (EN25463529 · GND: (DE121616347 · CERL: cnp00565577