Silk Way Airlines

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Silk Way Airlines
4K-AZ101 IL76 Silk Way (7171898528).jpg
Compagnia aerea cargo
Codice IATAZP
Codice ICAOAZQ
Identificativo di chiamataSILK LINE
Inizio operazioni di volo6 ottobre 2001
Descrizione
HubAeroporto di Baku-Heydar Aliyev
Flotta19 (+10 ordini)
Destinazioni20
Azienda
Fondazione2001
StatoAzerbaigian Azerbaigian
SedeBaku
Sito web
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia
Un Douglas DC-8 di Silk Way all'aeroporto di Zurigo nel 2003.
Un Antonov An-12 di Silk Way.

Silk Way Airlines è una compagnia aerea cargo azera con sede a Baku e base operativa presso l'aeroporto di Baku-Heydar Aliyev; opera servizi cargo collegando Europa ed Asia sia per enti governativi che per aziende private.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La compagnia è stata fondata nel 2001 ed opera voli commerciali a partire dall'ottobre dello stesso anno. Nell'aprile 2009 ottiene, prima compagnia aerea privata in Azerbaigian, la certificazione di qualità ISO 9001. Tra i suoi clienti principali vi è la Bundeswehr, che utilizza Silk Way per il trasporto di merci. A fine 2011 ha aperto una base presso l'aeroporto di Francoforte-Hahn.[1]

Nel mese di maggio 2015 la compagnia ha annunciato di aver effettuato un ordine per 10 Antonov An-178, diventandone così cliente di lancio.[2]

Flotta[modifica | modifica wikitesto]

Nel novembre 2015 la flotta di Silk Way Airlines era composta da 19 velivoli.[3] [4]

Aereo In servizio In ordine Note
Antonov An-12BP 3
Antonov An-178 0 10 Ordinati il 7 maggio 2015
Ilyushin Il-76 4
Ilyushin Il-76TD-90 2
Mil Mi-8 10
Totale 19 10

Destinazioni[modifica | modifica wikitesto]

Destinazioni raggiunte dalla compagnia:[5]

Incidenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Il 7 novembre 2002 alle 11:30 locali, il volo Silk Way Airlines 4132, operato da un Antonov An-12 (registrato 4K-AZ21) è uscito di pista durante l'atterraggio all'aeroporto di N'Djamena, in Ciad. L'aereo è andato distrutto, ma i sei membri dell'equipaggio sono sopravvissuti.[6]
  • Il 6 luglio 2011 alle 00:10 locali, un Ilyushin Il-76 (registrato 4K-AZ55) di Silk Way Airlines si è schiantato contro una montagna a 25 chilometri dalla base aerea di Bagram, in Afghanistan, uccidendo tutti i nove membri dell'equipaggio a bordo.[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DE) Hahn liegt jetzt an der Seidenstraße, su .rhein-zeitung.de, 3 gennaio 2012. URL consultato il 7 giugno 2016.
  2. ^ (EN) Azerbaijan has signed an agreement with Ukraine about the purchasing of 10 aircraft “AN-178”, su silkwayairlines.com, 7 maggio 2015. URL consultato il 7 maggio 2016.
  3. ^ (EN) Our Fleet, su silkwayairlines.com. URL consultato il 6 maggio 2016.
  4. ^ (RU) Silk Way Airlines, su http://russianplanes.net/. URL consultato il 6 maggio 2016.
  5. ^ (EN) Flight Schedules, su silkwayairlines.com. URL consultato il 6 maggio 2016.
  6. ^ (EN) Accident description, su http://aviation-safety.net/. URL consultato il 6 maggio 2016.
  7. ^ (EN) Accident description, su http://aviation-safety.net/. URL consultato il 6 maggio 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]