Aeroporto di N'Djamena-Hassan Djamous

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Aeroporto di N'Djamena-Hassan Djamous
(FR) Aéroport international de Ndjamena-Hassan Djamous
Codice IATANDJ
Codice ICAOFTTJ
Nome commercialeAéroport international de N'Djaména
Aéroport international Hassan Djamous
Descrizione
Tipocivile e militare
ProprietarioGoverno ciadiano
GestoreASECNA
StatoCiad Ciad
CittàN'Djamena
HubToumaï Air Tchad
Classe ICAO8
Altitudine AMSL295 m
Coordinate12°07′30″N 15°01′29″E / 12.125°N 15.024722°E12.125; 15.024722Coordinate: 12°07′30″N 15°01′29″E / 12.125°N 15.024722°E12.125; 15.024722
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Ciad
FTTJ
FTTJ
Piste
Orientamento (QFU)LunghezzaSuperficie
05/232 800 x 45 masfalto
ILS, HIRL, PAPI
05/231 500 x 35 margilla
Pista di emergenza
I dati sono estratti da AIP ASECNA[1]

L'Aeroporto di N'Djamena-Hassan Djamous (IATA: NDJICAO: FTTJ), citato anche come Aeroporto Internazionale di N'Djamena è un aeroporto ciadiano situato nel tessuto urbano di N'Djamena, la capitale del Ciad. Lo scalo è l'unico aeroporto internazionale del paese dell'Africa Occidentale.

La struttura, intitolata a Hassan Djamous, ufficiale durante la Guerra libico-ciadiana (1978-1987) dell'Armée de terre tchadienne, l'esercito ciadiano, e cugino del presidente del Ciad generale Idriss Déby, è posta all'altitudine di 295 m s.l.m. (968 ft), costituita da un terminal, una torre di controllo e da una pista con superficie in asfalto con orientamento 05/23, lunga 2 800 per 45 metri (9 186 x 148 ft) ed equipaggiata con dispositivi di assistenza all'atterraggio tra i quali, il sistema di atterraggio strumentale (ILS),[2] un impianto di illuminazione ad alta intensità (HIRL) e, solo per la direzione 23, indicatore di angolo di approccio PAPI.[3] Inoltre è disponibile una seconda pista per atterraggi di emergenza con fondo in argilla e lunga 1 500 m.

L'aeroporto, di tipologia mista civile e militare, è di proprietà del governo ciadiano ed è aperto al traffico commerciale, nonché Hub della compagnia aerea Toumaï Air Tchad, ed ospita nelle sue strutture una base aerea della Force aérienne tchadienne.

In precedenza fu sede della Base aérienne 172 Fort-Lamy, base della francese Armée de l'air rimasta operativa dal 1939 al 1975, quindi dal 1986, con l'inizio dell'Operazione Épervier, tornata a ospitare reparti francesi equipaggiati con aeromobili ad ala fissa, caccia Dassault Mirage F1, aerei da trasporto tattico e da ricognizione, e ad ala mobile Aérospatiale SA 330 Puma.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FREN) FTTJ - N’DJAMENA/ HASSAN DJAMOUS (PDF), su ais-asecna.org, 23 luglio 2015. URL consultato il 6 settembre 2015.
  2. ^ World Aero Data.
  3. ^ (EN) World Aero Data: NDJAMENA HASSAN DJAMOUS Runway 05/23, su World Aeronautical Database, http://worldaerodata.com/. URL consultato il 6 settembre 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]