Shadowhunters - Città degli angeli caduti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
The Mortal Instrument: Shadowhunters - Città degli angeli caduti
Titolo originaleThe Mortal Instruments - City of Fallen Angels
AutoreCassandra Clare
1ª ed. originale2011
1ª ed. italiana2011
Genereromanzo
Sottogenereurban fantasy
Lingua originaleinglese
AmbientazioneNew York
ProtagonistiClarissa Morgenstern/Fairchild/Fray
CoprotagonistiJace Herondale/Lightwood
AntagonistiLilith, Sebastian Verlac (Jonathan Morgenstern)
Altri personaggiSimon Lewis, Isabelle Lightwood, Alec Lightwood, Magnus Bane, Luke Garroway, Jocelyn Fairchild/Morgenstern/Fray, Maia Roberts, Jordan Kyle, Camille Belcourt, Raphael Santiago, Maureen Brown
SerieShadowhunters
Preceduto da The Mortal Instrument: Shadowhunters - Città di vetro
Seguito da The Mortal Instrument: Shadowhunters - Città della anime perdute

The Mortal Instrument: Shadowhunters - Città degli angeli caduti (The Mortal Instruments - City of Fallen Angels) è un romanzo fantasy di Cassandra Clare, pubblicato il 5 aprile 2011 negli Stati Uniti[1] e il 25 ottobre 2011 in italiano[2]. È il quarto capitolo della saga Shadowhunters.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Clary è tornata a New York dopo aver vinto, assieme gli altri Shadowhunters, la battaglia contro Valentine (chiamata Guerra Mortale). Dopo aver scoperto che Jace non è suo fratello, ora può dire al mondo intero che è il suo ragazzo, ma tutto ha un prezzo. Infatti, nel Mondo Invisibile, stanno sparendo misteriosamente alcuni Cacciatori e di conseguenza i rapporti tra Shadowhunters e Nascosti si alterano.

Inoltre, anche per Simon le cose non vanno per il meglio, visto che, dopo aver rivelato alla madre che è diventato un vampiro, viene sbattuto fuori di casa. Il ragazzo si trasferisce quindi a vivere dal nuovo cantante della sua band, Kyle, che Jace (auto-nominatosi guardia del corpo del migliore amico della sua ragazza) gli rivela essere un lupo mannaro.

Durante un concerto della band di Simon, scoppia il putiferio: Clary rivede Jace e s'infuria con lui (dopo che quest’ultimo aveva continuamente cercato di evitarla per giorni); Isabelle e Maia scoprono di star uscendo entrambe con Simon (senza che lui abbia menzionato la cosa a nessuna delle due); il giovane vampiro si nutre per la prima volta di sangue umano e attacca una ragazzina di nome Maureen (perdendo totalmente il controllo e frenandosi solo grazie all'intervento di Kyle); Maia scopre la vera identità di Kyle: si tratta del suo ex ragazzo, Jordan, che tempo prima l'aveva morsa, facendola trasformare in un lupo mannaro.
Ben presto, tutte le situazioni vengono chiarite. Isabelle e Maia si rifiutano di vedere nuovamente Simon, mentre Kyle racconta tutta la sua storia al neo-vampiro: il suo vero nome è Jordan, Kyle è il suo cognome; tempo fa era il ragazzo di Maia che, alla prima luna piena e dopo essere stato lasciato, l'aveva morsa; ora però fa parte di un'organizzazione, il Praetor Lupus, che si occupa di aiutare i Nascosti neofiti; Jordan è il "tutore" di Simon, quindi è incaricato di sorvegliarlo.

Dopo gli eventi accaduti al concerto, Clary inizia a pensare che sia lei la causa di tutto ciò che sta accadendo, anche perché, per qualche inspiegabile motivo, Jace si allontana ancora di più e lei potrebbe perdere tutto ciò che le sta più a cuore, Jace in primis.

Nel frattempo, Clary e Jocelyn scoprono che qualcuno sta cercando di creare dei bambini umani con sangue demoniaco nelle vene come Jonathan, mentre Simon viene contattato da Camille Belcourt, ex capo clan dei vampiri di New York, spodestata tempo prima da Raphael (colui che nel libro precedente ha trasformato Simon in un vampiro).

Dopo aver subito un attacco da parte dei seguaci della Chiesa di Talto (chiesa in cui Clary si era recata tempo prima, chiamando in suo aiuto Isabelle, per indagare sui bambini mezzi-demoni) e dopo la cattura di Camille da parte del Conclave, colta in fallo mentre aspettava la risposta di Simon alla sua richiesta di alleanza contro Raphael, Jace pugnala Clary in una stanza dell'Istituto, durante un loro momento d'intimità. I due ragazzi decidono quindi di recarsi nella Città di Ossa, dove scoprono che, dietro agli incubi che Jace ha di continuo e che l’avevano spinto ad allontanarsi da Clary, si nasconde una forte presenza demoniaca, che ne influenza non solo i sogni, ma anche le azioni.

Durante la sua permanenza nella Città di Ossa per cercare di capire come bloccare gli incubi, Jace, sognando, accetta inconsapevolmente di essere posseduto da un demone, che si rivelerà poi essere Lilith, la madre di tutti i demoni.
Contemporaneamente, Alec e Magnus tornano dal loro viaggio intorno al mondo per risolvere la questione legata a Camille, che si rifiuta di parlare con chiunque non sia lo stregone. Alec assiste al loro colloquio, venendo a scoprire diversi retroscena della vita di Magnus, soprattutto della sua passata relazione con Camille e dello speciale rapporto fra lui e un certo Will. La cosa creerà non pochi attriti nella coppia.

Il giorno successivo, alla festa degli IronWorks (regalo del branco per il matrimonio del suo alfa, Luke, con Jocelyn), i ragazzi si ritrovano: Alec è di pessimo umore a causa della gelosia, Magnus è piuttosto annoiato, Jordan vorrebbe chiarire le cose con Maia, Isabelle fa di tutto per tenere sotto controllo la situazione e Simon si mostra piuttosto preoccupato per Clary. La ragazza, infatti, dopo aver ricevuto un campanellino da parte della Regina Seelie per mezzo della fata Kaelie Whitewillow, si reca sulla terrazza del locale, dove ad attenderla c'è Jace, che la convince ad unirsi a lui con una runa che, in realtà, fa perdere conoscenza alla giovane.

Simon, nel mentre, esce dal locale per prendere una boccata d’aria fresca e viene accompagnato, dietro ricatto, da Maureen Brown (la ragazzina di cui si era nutrito al concerto, ora diventata un vampiro) in un lussuoso palazzo in fase di costruzione, dove ad attenderlo c'è Lilith. La madre di tutti gli stregoni è intenzionata a resuscitare il "figlio" perduto (infatti il sangue che Valentine aveva somministrato alla moglie incinta gli era stato donato proprio da lei), Sebastian/Jonathan, dopo che l'angelo Raziel ha riportato in vita Jace. Per riuscire nel suo intento, però, Lilith ha bisogno del sangue da Diurno di Simon e, dato che non può fargli del male a causa del Marchio di Caino, lo ricatta senza mezzi termini, mettendo a repentaglio la vita di Clary, trattenuta con un coltello da Jace, ora controllato da Lilith. Il vampiro accetta quindi di partecipare al rituale di resurrezione di Sebastian, ma Clary riesce a sfigurare la runa che lega le azioni di Jace a Lilith e il ragazzo, tornato in sé, affronta il demone a viso aperto.

Nel frattempo, sono giunti nello stesso palazzo anche Alec, Isabelle, Maia e Jordan alla ricerca di Simon, scomparso dagli IronWorks, mentre Magnus è stato chiamato dal Conclave per cercare Camille, misteriosamente fuggita. Alec scopre che in realtà la vampira è stata presa da Lilith e, incuriosito dalla proposta di Camille, ovvero conoscere il passato di Magnus, la libera.

Lilith mette i ragazzi alle strette, torturando selvaggiamente Clary, ma Simon riesce a frapporsi fra le due, facendo sì che le sevizie del demone si riversino su di lui. A questo punto, entra in gioco il Marchio di Caino e la giustizia divina del Cielo, che riduce in sale Lilith e risolve la situazione.

Dopo lo scontro con il demone, Clary si chiarisce con Jace, lasciandolo in terrazza a fare la guardia al corpo di Sebastian, mentre lei si reca dagli altri Cacciatori, ai piani bassi del palazzo. Purtroppo, però, Jace scompare dopo l’arrivo degli altri Nephilim e non viene ritrovato nemmeno il corpo di Sebastian.

Il libro termina con una frase misteriosa, dove sembra che ora Sebastian stia controllando Jace e ne faccia parte.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Cassandra Clare, Shadowhunters - Città degli angeli caduti, traduzione di Manuela Carozzi, collana Chrysalide, Arnoldo Mondadori Editore, 2011, ca. 488 pagine, ISBN 978-88-04-61332-9.
  • Cassandra Clare, Shadowhunters - Città degli angeli caduti, traduzione di Manuela Carozzi, collana Oscar Bestsellers, Arnoldo Mondadori Editore, 2012, ca. 490 pagine, ISBN 978-88-04-61829-4.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) City of Fallen Angels Book Trailer! YAY!, 9 marzo 2011. URL consultato il 26 marzo 2013.
  2. ^ Shadowhunters - Città degli angeli caduti, su mondadori.it. URL consultato il 26 marzo 2013 (archiviato dall'url originale il 16 gennaio 2013).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]