Shadowhunters - Città del fuoco celeste

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
The Mortal Instrument: Shadowhunters - Città del fuoco celeste
Titolo originaleCity of Heavenly Fire
AutoreCassandra Clare
1ª ed. originale2014
Genereromanzo
Sottogenereurban fantasy
Lingua originaleinglese
ProtagonistiClary Fray
CoprotagonistiJace Herondale
AntagonistiSebastian Morgenstern, Regina Seelie
Altri personaggiSimon Lewis, Isabelle Lightwood, Alec Lightwood, Magnus Bane, Maia Roberts, Jordan Kyle, Luke Garroway, Jocelyn Fray, Amatis Greymark,Raphael Santiago, Meliorn, Maureen Brown, Fratello Zaccaria (Jem Carstairs), Maryse Lightwood, Emma Carstairs, Julian Blackthorn, Aline Penhallow, Helen Blackthorn, Jia Penhallow, Robert Lightwood, Catarina Loss, Livvy Blackthorn, Ty Blackthorn, Dru Blackthorn, Tavvy Blackthorn, Tessa Gray, Mark Blackthorn. Bat Velazquez, Kaelie Whitewillow
SerieShadowhunters
Preceduto daThe Mortal Instrument: Shadowhunters - Città delle anime perdute

The Mortal Instrument: Shadowhunters - Città del fuoco celeste (City of Heavenly Fire) è un romanzo di Cassandra Clare, l'ultimo capitolo della serie The Mortal Instruments, facente parte dell'universo Shadowhunters.

Il libro è uscito il 27 maggio 2014 negli Stati Uniti, mentre in Italia è stato pubblicato dalla Mondadori l'8 luglio dello stesso anno.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Sebastian e i suoi alleati attaccano l'Istituto di Los Angeles, dove vi sono la famiglia Blackthorn ed Emma Carstairs, in quanto i suoi genitori sono andati in missione e l'hanno lasciata lì assieme alla famiglia del suo migliore amico, Julian Blackthorn.
Sebastian trasforma in Ottenebrati tutti gli abitanti dell'Istituto, compreso il padre dei giovani Blackthorn, poi rapisce Mark, il maggiore tra i fratelli.

Nel frattempo, a New York, Jordan, che è tornato con Maia, inizia a fare delle sedute di yoga con Jace, per aiutarlo a gestire meglio il fuoco celeste che gli scorre nelle vene, mentre la relazione tra Jace e Clary prosegue a gonfie vele. I due ragazzi vengono però richiamati all'Istituto, dove incontrano Luke, Jocelyn, Alec ed Isabelle, apprendendo in seguito da Maryse che Sebastian ha attaccato gli Istituti di Berlino, Mosca, Bangkok e Los Angeles. Dato che vogliono scampare ad un eventuale attacco, Maryse comunica che si trasferiranno tutti ad Idris finché Sebastian non sarà sconfitto. Clary ed Isabelle, allora, salutano Simon a malincuore, ed Isabelle, che si sta sempre più legando a lui, gli dona il suo prezioso ciondolo con il rubino. Alec, nel mentre, spera in un incontro con Magnus che, anche se è andato all'Istituto, non vuole perdonare lo Shadowhunter e tornare con lui dopo averlo lasciato a causa della sua combutta con Camille.

Una volta arrivati ad Idris, i Lightwood si sistemano nella casa assegnata all’Inquisitore (in quanto Robert, ora, ricopre quella carica), mentre Clary, Jocelyn e Luke vanno a stare nella vecchia casa di Amatis che, essendo diventata un’Ottenebrata nel libro precedente, non è più ad Alicante.

Dopo una riunione del Consiglio, Clary e Jace fanno la conoscenza di Emma Carstairs, unica sopravvissuta all'attacco all'Istituto di Los Angeles assieme ai fratelli Blackthorn: Helen, Julian (Jules), i gemelli Livia (detta Livvy) e Tiberius (detto Ty), Drusilla (Dru) e Octavian (Tavvy). Emma suggerisce a Clary che dovrebbe acquistare una spada, così Jace accompagna la ragazza in un'armeria dove Clary accetta Eosforos (seconda spada dei Morgenstern, gemella di Fosforos, spada posseduta da Sebastian), dalla commessa del negozio.

Successivamente, Sebastian manda alcuni dei suoi Ottenebrati alla Città di Diamante, luogo in cui vivono le Sorelle di Ferro; Jia Penhallow, il nuovo Console, decide di mandare alcuni guerrieri Shadowhunters a sconfiggerli, sperando che il loro numero superi quello degli Ottenebrati. Clary e Jace conoscono bene Sebastian e si offrono per andare in battaglia, ma la loro richiesta viene respinta. Nonostante ciò, i due riescono comunque ad attraversare il portale per arrivare alla Città di Diamante. Lì, l'esercito Shadowhunters viene sopraffatto dagli Ottenebrati, che poi scompaiono assieme a Sebastian, inghiottiti letteralmente dalla terra. Jace rimane ferito dopo uno scontro con Sebastian e brucia involontariamente Fratello Zaccaria con il fuoco celeste, mentre Clary usa tutta la sua energia per disegnare un iratze (una runa di guarigione) abbastanza potente per salvare Jace.

Tornati tutti ad Alicante, si scopre che il fuoco celeste di Jace ha fatto tornare Fratello Zaccaria umano.

Nel frattempo, a New York, Simon viene rapito da Maureen Brown (la ragazzina che, morsa da lui nel quarto libro, venne trasformata in vampiro da Camille), che lo tiene in gabbia come un animaletto. Fortunatamente, il vampiro viene salvato da Raphael, che lo porta con sé ad Alicante.

Intanto, Maia assiste alla morte del suo ragazzo, Jordan, al Praetor Lupus. L'edificio era infatti stato attaccato da Sebastian, che ha sterminato tutti i suoi membri.
Maia, inoltre, è costretta a dover prendere momentaneamente il ruolo di capobranco in assenza di Luke, tentando di placare le incursioni da parte dei membri del branco che aspirano al ruolo ora ricoperto da lei. La ragazza diventerà in seguito l'alfa del branco a tutti gli effetti, dopo aver ucciso un licantropo che aveva sfidato il suo ex ragazzo, Bat.

Nel frattempo, ad Alicante, Meliorn, il rappresentante del Popolo Fatato nel Consiglio dei Cacciatori, invita gli altri rappresentanti dei Nascosti (e quindi Luke per i licantropi, accompagnato da Jocelyn, Magnus Bane per gli stregoni, in sostituzione di Catarina Loss, e Raphael Santiago per i vampiri) ad una cena. Essa si rivelerà essere però una trappola per i commensali, che verranno tutti rapiti dopo aver compreso che il Popolo Fatato è in combutta con Sebastian.

Data la scomparsa dei rappresentanti dei Nascosti, il Conclave si accinge a cercarli, ma Clary non può stare con le mani in mano, dato che tra gli scomparsi vi sono Luke e sua madre, quindi cerca a tutti i costi un modo per ritrovarli. A questo punto, arriverà in suo aiuto Emma, che dirà a lei, Jace, Alec, Isabelle e Simon che crede che il luogo che gli Ottenebrati continuano a nominare, ovvero Edom, e che tutti pensano sia solo un altro modo per denominare l'Inferno, sia in realtà un vero e proprio luogo. Alec si accorge che la ragazzina ha ragione e scopre così che Edom è uno dei tanti Regni Demoniaci, governato dai demoni Lilith ed Asmodeo. A quel punto, il gruppo parte per la Corte Seelie, dove obbliga la Regina delle Fate ad indicare loro la strada per Edom. Nell'attraversare il sentiero per il Regno Demoniaco, il gruppo incontra Mark Blackthorn, diventato ormai parte della Caccia Selvaggia (un gruppo di fate che non fanno capo né alla Corte Seelie né alla Corte Unseelie) dopo essere stato ceduto loro da Sebastian.

Entrati ad Edom, il gruppo di amici viene attaccato da un demone che si nutre di sogni e che mostra ad ognuno di loro ciò che crede vogliano veramente. Il demone viene però sconfitto da Alec, che si accorge di una sbavatura nella sua visione.

Vagando per Edom, il gruppo scopre che un tempo anche quello era un mondo abitato dagli Shadowhunters, che però fecero scelte sbagliate e quindi vennero sconfitti dai demoni.

Una sera, Jace viene attirato fuori dalla grotta in cui i ragazzi stavano riposando da un demone, che lo costringe ad usare il fuoco celeste per difendersi. Jace rischia però di bruciarsi e quindi Clary ricorre ad una runa di sua invenzione per aiutarlo.

Il giorno dopo, il gruppo di amici raggiunge la Guardia Oscura di Edom, dove vengono però scoperti da Sebastian. I ragazzi decidono quindi di dividersi: Jace e Clary andranno in cerca di Sebastian, mentre Alec, Isabelle e Simon in cerca dei rappresentanti dei Nascosti e di Jocelyn.
Alla fine, Jace e Clary trovano Sebastian nella “sala del trono” e, capendo che non possono sconfiggerlo, la ragazza accetta di restare con lui per salvare il mondo ed i suoi amici. Questa decisione si rivelerà tutta una farsa quando Clary infilzerà Sebastian con Eosforos, in cui aveva precedentemente trasferito il fuoco celeste di Jace. Sebastian muore bruciato e assieme a lui tutti i suoi Ottenebrati, ma il gruppo deve ancora uscire da Edom per salvarsi e purtroppo non può farlo, perchè Sebastian ha chiuso tutti i passaggi utilizzabili. Magnus è quindi costretto a chiedere aiuto a suo padre, il potente demone Asmodeo, che però chiede come pagamento per il servizio l'immortalità dello stregone. Sarà Simon ad offrirsi al demone al posto di Magnus: il vampiro tornerà umano e perderà quindi tutti i suoi ricordi sul Mondo Invisibile, compresi anche tutti quelli riguardanti Clary ed Isabelle, di cui ormai si è innamorato.

Tornati ad Alicante, i ragazzi scoprono che tutto è tornato alla normalità, a parte la mancanza di Simon.

Nell'epilogo, il Popolo Fatato viene punito per aver aiutato Sebastian e contro di loro viene firmata una nuova legge: la Pace Fredda. Fortunatamente, però, Alec e Magnus tornano insieme, Clary reincontra Simon che, grazie a Magnus ed Isabelle, sta cominciando a riacquistare la memoria e Jocelyn e Luke riescono finalmente a convolare a nozze.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Fantasy: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fantasy