Senza identità

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il film del 2011, vedi Unknown - Senza identità.
Senza identità
Titolo originaleSin identidad
PaeseSpagna
Anno2014-2015
Formatoserie TV
Generedrammatico
Stagioni2
Episodi23
Durata75 min (episodio)
Lingua originalespagnolo
Rapporto16:9
Crediti
IdeatoreSamuel Bouza
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
Produttore esecutivoJaume Banacolocha, Joan Bas, Pedro García Box, Herzog Beatriz, Garcia Montserrat
Casa di produzioneDiagonal TV
Prima visione
Prima TV originale
Dal13 maggio 2014
All'8 luglio 2015
Rete televisivaAntena 3
Prima TV in italiano
Dal12 dicembre 2014
Al12 gennaio 2016
Rete televisivaCanale 5

Senza identità (Sin identidad) è una serie televisiva spagnola, liberamente ispirata al Conte di Montecristo di Alexandre Dumas, trasmessa dal 13 maggio 2014 all'8 luglio 2015 su Antena 3.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

« Il 9 settembre 2013 sono nata per la seconda volta. Da oltre dieci anni la mia famiglia mi crede morta, in realtà sono stata rinchiusa in una prigione cinese con una falsa identità. Mi chiamo Mercedes Dantés e sono tornata per vendicarmi. »

(così cita Maria all'inizio di ogni puntata)

Maria Fuentes Vergel è una donna spagnola che dopo dieci anni di prigionia in un carcere cinese riesce ad evadere, e con i soldi donatele da una compagna di cella riesce a rientrare a Madrid dove cerca la vendetta. Dodici anni prima Maria era una donna felice e benestante con una brillante carriera d'avvocato. Figlia dell'importante giudice della corte suprema Francisco José Fuentes, Maria scopre casualmente che la madre Luisa, circa trent'anni prima aveva perso la possibilità di avere figli. La scoperta di essere stata adottata getta la ragazza in uno stato di smarrimento e di sconvolgimento. La donna scopre di essere stata partorita nel misterioso convento del Remedio, dove però a causa della segretezza dell'ambigua Suor Antonia non riesce a raccogliere indizi per scoprire chi è sua madre. L'aiuto di un pirata informatico, Pablo, porta Maria a scoprire un vero e proprio traffico di bambini rubati alle madri e venduti alle famiglie più importanti di Madrid. Se Luisa cerca in ogni modo di convincere la figlia delle sue buone intenzioni, la ragazza riesce a trovare la madre biologica, un'anziana alcolizzata ed ex prostituta di nome Fernanda. Con l'aiuto dell'avvocato Juan Prados riesce a fare sconvolgenti scoperte, a cominciare dalla colpevolezza del fratello della madre Luisa, il luminare di ginecologia Enrique Vergel, che non esiterà a sopprimere Fernanda per scongiurare la sua possibile testimonianza. La perfidia di Enrique, insieme all'invidia della sorella gemella eterozigote Amparo, porteranno Maria a finire nelle mani della mafia cinese.

Dopo dodici anni Maria, ora Mercedes Dantés, è tornata in Spagna e ha scoperto che il padre si è rifatto una vita, la madre è direttrice di una fondazione, lo zio è entrato in politica, Juan è il braccio destro dei Vergel e sua sorella Amparo vive la sua vita. Per lei resta solo la vendetta.

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

L'edizione originale della prima stagione, trasmessa dal 13 maggio 2014, è composta da nove episodi dalla durata di circa 80 minuti. L'edizione italiana, trasmessa su Canale 5 dal 12 dicembre 2014, è stata invece riedita in modo da ottenere sette episodi dalla durata più lunga.

Dal mese di marzo 2015 è andata in onda in Spagna la seconda stagione, composta da 14 episodi[1], trasmessa su Canale 5 dal 18 novembre 2015 al 12 gennaio 2016. Anche gli episodi della seconda stagione sono stati riediti in modo da ottenere 10 puntate da 100 minuti, al posto delle 14 puntate originali da 75 minuti.

Stagione Episodi Prima TV Spagna Prima TV Italia
Prima stagione 9 2014 2014-2015
Seconda stagione 10 2015 2015-2016

Personaggi e interpreti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (ES) David Redondo, Antena 3 ya trabaja en la segunda temporada de 'Sin identidad', Cadena SER, 19 giugno 2014. URL consultato il 17 gennaio 2015.
Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione