Sara Pichelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sara Pichelli

Sara Pichelli (Porto Sant'Elpidio, 15 aprile 1983) è una disegnatrice e fumettista italiana[1], principalmente conosciuta per essere stata la prima illustratrice della versione di Ultimate Spider-Man di Miles Morales.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha studiato animazione e fumetto alla Scuola Internazionale di comics di Roma[2][3][4]. Dopo aver iniziato la propria carriera nell'animazione lavorando come storyboarder e character designer, Sara Pichelli ha esordito nel fumetto pubblicando La vie en rouge nella raccolta a fumetti Sesso col coltello (edizioni Cut-Up)[5] adattamento a fumetti dell'omonimo libro di Alda Teodorani[6]. Ha lavorato con Elena Casagrande e David Messina per la IDW Publishing come layout assistant per le serie a fumetti Star Trek e Ghost Whisperer[5]. Collabora con Marvel Comics dal 2008.[2][7]

Dopo aver lavorato per numerosi titoli Marvel, come Namora, NYX, Eternals, X-Men Manifest Destiny: Dazzler, Runaways, New X.Men: Pixie, Astonishing X-Men, Pichelli è stata ingaggiata come artista principale nella seconda serie di Ultimate Comics: Spider-Man, che è stato pubblicato nel settembre 2011.

Sempre nel 2012, insieme a Laura Zuccheri, è stata l'autrice del manifesto di Lucca Comics & Games.

Nel 2012 Sara Pichelli ha co-creato il nuovo Uomo Ragno, Miles Morales, che ha spopolato al cinema in Spider-Man - Un nuovo universo[8], vincitore dell'Oscar al miglior film di animazione nel 2019.

Nell'aprile 2014 firma la copertina, in coppia con Annalisa Leoni, del dodicesimo numero del Dylan Dog Color Fest.[9]

Nel giugno 2019 viene annunciato dalla Marvel che sarà la disegnatrice di una miniserie a fumetti di Spider-Man scritta da J.J. Abrams e il figlio Henry.[10]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 2011 : Sara Pichelli ha vinto l'Eagle Award come "miglior artista emergente".[11]
  • 2012 : ha vinto l'Harvey Awards come “Miglior artista emergente”[12], e due Stan Lee Awards.[13]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Vive e lavora a Roma[14] dove insegna alla Scuola Internazionale di Comics dal 2010[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Sara Pichelli, in Comic Book DB. URL consultato il 26 febbraio 2013.
  2. ^ a b Andrea Fiamma, Sara Pichelli, una stella (per caso) in casa Marvel, su Fumettologica, 27 ottobre 2019. URL consultato il 27 ottobre 2019.
  3. ^ di Matteo Innocenti, Quel tocco di Italia agli Oscar 2019, su LetteraDonna, 24 febbraio 2019. URL consultato il 25 febbraio 2019.
  4. ^ a b ANDREA BONZI, Oscar 2019, in nomination lo Spiderman di Sara Pichelli. "Un grande onore", su il Resto del Carlino, 1548599839921. URL consultato il 25 febbraio 2019.
  5. ^ a b Disegno originale di Sara Pichelli del Festival ARF! Storie, Segni e Disegni - CharityStars, su www.charitystars.com. URL consultato il 22 febbraio 2019.
  6. ^ Alda Teodorani, Sesso col coltello, Cut-Up, 2007, ISBN 9788895246079. URL consultato il 22 febbraio 2019.
  7. ^ Sara Pichelli, su Marvel Entertainment. URL consultato il 22 febbraio 2019.
  8. ^ ANDREA BONZI, Oscar 2019, in nomination lo Spiderman di Sara Pichelli. "Un grande onore", su il Resto del Carlino, 1548599839921. URL consultato il 10 marzo 2019.
  9. ^ DYLAN DOG COLOR FEST 12, su sergiobonelli.it. URL consultato il 23 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 24 aprile 2014).
  10. ^ [1]
  11. ^ (EN) Previous Winners (2011), in eagleawards.co.uk (Premio Eagle). URL consultato il 27 febbraio 2013 (archiviato dall'url originale il 14 march 2012).
  12. ^ (EN) Sara Pichelli, su Heroes Comic Con. URL consultato il 22 febbraio 2019.
  13. ^ Sara Pichelli vince due Stan Lee Awards • Sbam! Comics, su Sbam! Comics, 27 maggio 2012. URL consultato il 22 febbraio 2019.
  14. ^ Mark Paniccia (testi e disegni); Ultimate Spider-Man, vol. 2, novembre 2011, p. 26.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN76144782986246680959 · ISNI (EN0000 0000 9163 6741 · LCCN (ENno2010118767 · BNF (FRcb16707760p (data) · WorldCat Identities (ENno2010-118767