Laura Zuccheri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Laura Zuccheri mentre firma un autografo.

Laura Zuccheri (Budrio, 4 ottobre 1971) è una fumettista e disegnatrice italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Budrio nel 1971, comincia a pubblicare i suoi elaborati già nel 1992 sulla rivista Ken Parker Magazine, creata da Giancarlo Berardi e Ivo Milazzo[1] che, nel 1993, viene assorbita dalla Sergio Bonelli Editore. Qui disegna numerosi fumetti, fra cui Lampi di paura, Metis e Caccia di sangre[2].

Nel 1994, comincia a disegnare, in collaborazione con Pasquale Frisenda, le avventure di Ken Parker I Condannati, su sceneggiatura di Maurizio Mantero. Nel 1996 abbandona Ken Parker per disegnare Hardware, storia pubblicata su Zona X. Nel 1997 collabora con Julia e nel 2006 incontra Sylviane Corgiat con la quale disegna il fumetto Épées de verre, storia fantastico-medievale in quattro tomi del 2009.

Nel 2013 le viene affidata la realizzazione della copertina del quarto volume della serie Color Tex,[3] diventando così la prima autrice a cimentarsi col personaggio della Sergio Bonelli Editore.

Laura Zuccheri è anche illustratrice e pittrice, e dice di essere influenzata da Frederic Remington, Charles Marion Russell, Norman Rockwell, Giovanni Boldini e Ilya Repine[4].

Premi e onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Storie per Julia

Storie per Ken Parker

Serie Les Épées de verre

  • Sylviane Corgiat (testi), Laura Zuccheri (disegni); Yama, in Les Épées de verre n. 1, Les Humanoïdes Associés, agosto 2009.
  • Sylviane Corgiat (testi), Laura Zuccheri (disegni); Ilango, in Les Épées de verre n. 2, Les Humanoïdes Associés, marzo 2011.
  • Sylviane Corgiat (testi), Laura Zuccheri (disegni); Tigran, in Les Épées de verre n. 3, Les Humanoïdes Associés, febbraio 2013.
  • Sylviane Corgiat (testi), Laura Zuccheri (disegni); Dolmon, in Les Épées de verre n. 4, Les Humanoïdes Associés, novembre 2014.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Biografia di Laura Zuccheri
  2. ^ Scheda della Biblioteca Salaborsa
  3. ^ Anteprima dell'albo sul sito della Sergio Bonelli Editore, su sergiobonellieditore.it. URL consultato il 19 ottobre 2013 (archiviato dall'url originale il 19 ottobre 2013).
  4. ^ Sito di Laura Zuccheri
  5. ^ Palmarès du festival de Lucques de 2011

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN103245523 · ISNI (EN0000 0000 7354 8422 · SBN IT\ICCU\MODV\316103 · LCCN (ENn2017006763 · BNF (FRcb16166807g (data) · WorldCat Identities (ENn2017-006763