Santiago Rusiñol

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Santiago Rusiñol in una fotografia di Antonio Cánovas del Castillo y Vallejo, noto come Kaulak

Santiago Rusiñol i Prats (Barcellona, 25 febbraio 1861Aranjuez, 13 giugno 1931) è stato un pittore, scrittore, drammaturgo e giornalista spagnolo di lingua catalana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato in una famiglia di industriali tessili originaria di Manlleu, divenne celebre per la realizzazione di molti quadri raffiguranti giardini e fu di grande influenza su Pablo Picasso come un artista moderno.

Ha lasciato molti edifici modernisti a Sitges, una città della Catalogna molto influenzata da tale artista.

Pittura[modifica | modifica wikitesto]

Si dedicò alla pittura. Si formò nel centro di acquarellisti di Barcellona e fu allievo di Tomás Moragas. Visse a Parigi nel 1889, ove abitò a Montmartre insieme a Ramón Casas e Ignacio Zuloaga. Prese familiarità con il simbolismo e con il dipingere all'aria libera. Tornato in Spagna, fondò a Sitges lo studio-museo di Cau Ferrat e frequentò in Barcellona il circolo del caffè Els Quatre Gats. La sua agiata posizione sociale ed economica gli permise di fare frequenti viaggi. Nel 1901 fu a Maiorca con Joaquín Mir Trìnxet. Nel 1908 ottenne la medaglia dell'Esposizione Nazionale di Belle Arti di Spagna.

La sua pittura fu molto influenzata dagli impressionisti e ha una tematica paesaggistica, sia rurale che urbana, ritratti e composizioni simboliche d'ispirazione modernista. All'inizio della carriera dipingeva anche figure umane, mentre verso la fine solo più paesaggi, specialmente i luoghi regali come il Palazzo Reale di Aranjuez o la Granja. Tra le sue opere si distinguono in particolare La morfina e La medalla, entrambi del 1894.

Letteratura[modifica | modifica wikitesto]

La sua opera letteraria, sempre in catalano, va da poemi in prosa (Oracions, 1897), drammi come L'alegria que passa (1898), Cigales y formigues (1901),[1] La bona gent (1906) o El místico[2] e novelle di costume come L'auca del senyor Esteve (1907), che fu adattada al teatro da lui stesso nel 1917, La niña Gorda (1914), El català de La Mancha (1917) o En Josepet de Sant Celoni. Fa eccezione uno scritto autobiografico intitolato Impresiones de arte, pubblicato nel 1897 come omaggio agli abbonati a La Vanguardia, rivista scritta in castigliano. Così scriveva per periodici come La Vanguardia o L'Esquella de la Torratxa.

Fu anche in Argentina, a Buenos Aires, Rosario e a Córdoba per il centenario della Rivoluzione di maggio, nel 1910, presentando le proprie opere.

Fu un importante personaggio del rinascimento letterario e culturale della Catalogna e del mondo intellettuale e bohèmien della Barcellona dei suoi tempi.

Esempi di opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pere Cavallé, "Cigales y formigues", in Revista del Centre de Lectura de Reus, n. 7, 1901, pp. 55-56, ISSN 2013-8989 (WC · ACNP).
  2. ^ Ernest Mérimée, "El Místico", de Santiago Rusiñol, in Bulletin Hispanique, vol. 7, n. 1, 1905, pp. 54-56, DOI:10.3406/hispa.1905.1433.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN9886682 · ISNI (EN0000 0001 0868 7116 · SBN IT\ICCU\TO0V\076662 · Europeana agent/base/50370 · LCCN (ENn79063997 · GND (DE118750453 · BNF (FRcb12159390f (data) · BNE (ESXX1039024 (data) · ULAN (EN500028749 · WorldCat Identities (ENlccn-n79063997