Sangue blu (film 1949)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sangue blu
Sangueblu-1949.jpg
Dennis Price e Alec Guinness in una scena del film
Titolo originaleKind Hearts and Coronets
Paese di produzioneRegno Unito
Anno1949
Durata106 min
Dati tecniciB/N
Generecommedia, satirico
RegiaRobert Hamer
SoggettoRoy Horniman (romanzo)
Casa di produzioneEaling Studios
FotografiaDouglas Slocombe
MontaggioPeter Tanner
MusicheErnest Irving, Wolfgang Amadeus Mozart
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Sangue blu (Kind Hearts and Coronets) è un film del 1949 diretto da Robert Hamer, tratto dal romanzo Israel Rank di Roy Horniman.

Si tratta di una delle più celebri commedie nere prodotte dai britannici Ealing Studios.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il figlio di un cantante e di una nobile viene rinnegato dalla famiglia. Il ragazzo, per vendicarsi, uccide tutti i parenti e diventa duca. La sua amante, al corrente del segreto, vuole obbligarlo a sposarla, lui rifiuta, viene processato e condannato alla pena capitale. La donna, per salvarlo, presenta le prove che il delitto per il quale l'uomo è stato incriminato è in realtà un suicidio. Ma un ultimo colpo di scena chiude il film ambiguamente.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Il Dizionario Mereghetti definisce Sangue blu una feroce satira sociale di disarmante umorismo,[1] il Dizionario Morandini «un gioiello satirico di umor nero, un po' datato».[2]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1950 il National Board of Review of Motion Pictures l'ha inserito nella lista dei migliori film stranieri dell'anno e ha premiato Alec Guinness come miglior attore.

Nel 1999 il British Film Institute l'ha inserito al sesto posto della lista dei migliori cento film britannici del XX secolo.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il Mereghetti - Dizionario dei Film 2008. Milano, Baldini Castoldi Dalai editore, 2007. ISBN 9788860731869 p. 2566
  2. ^ Il Morandini - Dizionario dei Film 2000. Bologna, Zanichelli editore, 1999. ISBN 8808021890 p. 1155
  3. ^ (EN) The BFI 100, su bfi.org.uk. URL consultato il 18 giugno 2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN224076386 · GND (DE4769248-0 · BNF (FRcb16458504d (data) · WorldCat Identities (EN224076386
Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema