Saguaro (Bonelli)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Saguaro (fumetto))
Saguaro
fumetto
Lingua orig.italiano
PaeseItalia
TestiBruno Enna
DisegniAlessandro Poli, Fabio Valdambrini, Alessandro Pastrovicchio, Davide Furnò (copertine)
EditoreSergio Bonelli Editore
1ª edizionemaggio 2012
Periodicitàmensile
Albi35 (completa)
Genereavventura, poliziesco

Saguaro è una serie a fumetti ideata da Bruno Enna ed edita dalla Sergio Bonelli Editore, di cui sono stati pubblicati complessivamente 35 albi dal giugno 2012 all'aprile del 2015.

Creazione e promozione[modifica | modifica wikitesto]

Bruno Enna ideò la serie dopo aver letto un articolo relativo agli "Shadow Wolves", un gruppo di agenti federali nativi americani che ancora oggi operano al confine tra l'Arizona e il Messico. Inizialmente aveva pensato ad un romanzo grafico, presentò l'idea alla Sergio Bonelli Editore, ma si pensò di poterla sviluppare in una mini-serie. Fu lo stesso Sergio Bonelli che decise di creare un'intera serie senza una fine definita. Inoltre diede alcuni consigli all'autore, tra cui quello di leggere i romanzi di Tony Hillerman e di ispirarsi al viso di un giovane Tom Berenger per la creazione grafica del protagonista. In quel periodo la scelta di Enna sull'attore da prendere come modello oscillava tra Adam Beach, Val Kilmer e Dwayne Johnson.

La Sergio Bonelli Editore ufficializzò l'esistenza della serie nel marzo del 2012 pubblicando sul suo sito due immagini raffiguranti Saguaro.[1] È stata presentata in anteprima a Torino Comics 2012 il 14 e il 15 aprile[2] e a Napoli Comicon il 29 aprile.[3] La copertina del primo albo fu presentata a fine aprile.[4]

Il 26 maggio 2012 esce in edicola il numero 1 di questa nuova collana, intitolato Ritorno a Window Rock, con la sceneggiatura di Bruno Enna, i disegni di Fabio Valdambrini e la copertina di Davide Furnò.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Arizona, luglio del 1972. Thorn Kitcheyan è un ex-militare di origini Navajo/Tohono O'odham che viene soprannominato Saguaro dalla sua gente per via del carattere poco remissivo. Dopo aver combattuto durante la guerra del Vietnam, ed essere stato congedato dall'esercito a seguito di una missione pericolosa in Laos in cui era rimasto gravemente ferito, è tornato a Window Rock, la capitale della Nazione Navajo, ed ha acquistato un terreno arido da un vecchio nativo di nome Tocho, ben felice di cederglielo, privo di acqua corrente e di elettricità, e vi si è stabilito.

Il terreno, però, ha il pregio di essere adiacente alla Statale, e posto proprio sul confine tra l'Arizona ed il Nuovo Messico; per questo motivo, Noah Folsom, ricco e potente criminale, i cui terreni confinano con quello di Tocho, vorrebbe accaparrarselo e usarlo come via di passaggio per i suoi traffici di droga. Poiché Tocho non ha mai voluto cedere alle sue offerte, Folsom (che ha anche deviato il corso del ruscello che attraversa il terreno condannandolo alla siccità), con l'aiuto di un poliziotto corrotto fa rapire il vecchio e lo uccide, per vendicarsi di quello che considera un affronto imperdonabile. Saguaro si ritroverà per caso coinvolto nella lunga sequela di sangue che ne conseguirà, nella quale troveranno la morte il poliziotto corrotto e Tomas Vidal, braccio destro di Folsom (quest'ultimo, invece, riuscirà fortunosamente a cavarsela, venendo però arrestato), e dalla quale ne uscirà ferito ma salvo, e soprattutto senza strascichi giudiziari grazie all'aiuto che ha indirettamente prestato alla polizia nell'arrestare i criminali e far fallire l'acquisto di un'importante partita di droga da alcuni trafficanti messicani.

In seguito a questi e ad altri drammatici avvenimenti, Saguaro viene scelto dall'FBI per formare una speciale unità di agenti federali incaricata di fare da tramite tra i bianchi e i nativi e di indagare su alcuni casi in cui la polizia tribale non può agire. Oltre a malfattori bianchi, Saguaro dovrà affrontare anche i propri fratelli che tenteranno, talvolta con la violenza, di far valere i propri diritti e di diventare indipendenti, convinto del fatto che, dopotutto, la nazione che ha servito durante la guerra sia, nel bene e nel male, la sua terra. Durante la sua permanenza a Window Rock, Thorn si troverà a combattere un suo vecchio nemico: "Cobra Ray" Brest, un suo violento superiore durante la guerra del Vietnam. Successivamente ha inizio la rivolta di Wounded Knee e, finita essa, comincia una nuova rivolta con Nastas Begay, il fratello di sangue di Saguaro, a capo dei rivoltosi. Saguaro è costretto ad aiutare Nastas nel momento del bisogno e a lasciare i federali per affrontare da solo una caccia spietata.

Albi[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Albi di Saguaro.

A partire dal numero 1, le storie di Saguaro occupano le pagine da 5 a 98, per un totale di 94 tavole, mentre a pagina 3 c'è un disegno del personaggio con i nomi degli autori del numero e a pagina 4 un editoriale di Gianmaria Contro.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il 2012 degli eroi Bonelli - 5ª puntata!, Sergio Bonelli Editore. URL consultato l'8-04-2012.
  2. ^ Torino Comics compie diciott'anni!, Sergio Bonelli Editore. URL consultato l'8-04-2012.
  3. ^ Appuntamento a Napoli!, Sergio Bonelli Editore. URL consultato il 23 aprile 2012.
  4. ^ Il giornale: Copertina/Sommario MAGGIO-GIUGNO 2012, Sergio Bonelli Editore. URL consultato il 27 aprile 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Sergio Bonelli Editore Portale Sergio Bonelli Editore: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sergio Bonelli Editore