Sébastien Izambard

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sébastien Izambard
Sébastien Divo.jpg
NazionalitàFrancia Francia
GenerePop
Crossover classico
Periodo di attività musicale1994 – in attività
EtichettaSony BMG
Syco Music
Columbia Records
Gruppo attualeIl Divo
Sito ufficiale

Sébastien Izambard (Parigi, 7 marzo 1973) è un cantante francese.

Membro del gruppo di crossover di musica classica Il Divo. La sua estensione vocale è classificata come melodia popolare o vox populi, ma che possiede e canta in una tessitura fonica tenore. È altresì produttore discografico, compositore, cantautore e performer autodidatta. Ha studiato presso la prestigiosa scuola Lycée Janson de Sailly di Parígi.

Nel 2000 ha pubblicato il suo primo e unico album solista intitolato Libero, raggiungendo il numero uno nella classifica delle vendite in Francia, Canada e Belgio. Come membro di Il Divo ha venduto oltre 26 milioni di copie di dischi in tutto il mondo. In parallelo al gruppo, Izambard continua a scrivere e comporre canzoni per altri artisti pop. Membro attivo della organizzazione francese SMTA Assistance Médicale Toit du Monde e ambasciatore globale per la Fondazione Sanfilippo bambini.

Carriera musicale[modifica | modifica wikitesto]

Da adolescente impara a suonare la chitarra per far colpo sulla prima ragazza della quale si era innamorato. Nel 2000, all'età di 27 anni, firma a Parigi il primo contratto con una casa discografica.

Molto famoso in Francia, Belgio e in Canada, il 6 giugno 2000 rilascia un album con il titolo: "Libre". L'album raggiunge il primo posto nelle vendite. Jeff Buckley è uno dei cantanti che l'hanno più influenzato.

Nel 2001 presso il prestigioso teatro Olympia di Parigi,[1] ha partecipato, come ospite del cantante Johnny Halliday.[1] Ha registrato due video per l'album "Libre" e "Libre e J't'en veux".

Nel 2002 ha contribuito, al Casino de Paris, al progetto musicale di Riccardo Cocciante, "Le Petit Prince (Il Piccolo Principe)" [2], rappresentato dal febbraio all' ottobre 2002. Successivamente ha anche partecipato ai lavori de "Il Toupe".

Durante la registrazione del secondo album prodotto da Francesco Madjouli e Lionel Firenze ha accettato di partecipare come membro del gruppo musicale Il Divo.

I progetti di solidarietà[modifica | modifica wikitesto]

Ha inoltre collaborato, insieme ad un centinaio di artisti a diversi progetti musicali di solidarietà, tra i quali l'album "Noël Ensemble"[3] per raccogliere fondi per la lotta contro l'AIDS. Oggi è membro attivo di due associazioni di beneficenza: con la francese SMTA[4][5], un'organizzazione no profit che aiuta i bambini poveri di India e Nepal, e la Fondazione australiana Sanfilippo per bambini[6]. Nel settembre 2008, durante una delle sue campagne per raccogliere fondi, vende per beneficenza alcuni dei suoi abiti di Armani.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album Studio[modifica | modifica wikitesto]

2000 – Libre
Singoli;
Libre (2000)
J'T'en veux (2001)

Album Musicali[modifica | modifica wikitesto]

2002 – Le Petit Prince. Versión estudio
2002 – Le Petit Prince. Versión completa

Compositore[modifica | modifica wikitesto]

2010 – Ramin di Ramin Karimloo[7]
2011 – Secret Codes And Battleships di Darren Hayes[8]

Produttore[modifica | modifica wikitesto]

2014 – Hope for Isla and Jude

Il Divo[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Il Divo (gruppo musicale) § Discografia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b SEBASTIEN IZAMBARD, VOZ POPULAR (FRANCIA), su perso.wanadoo.es. URL consultato il 25 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 29 luglio 2012).
  2. ^ Filmato audio Sebastien Izambard en 'Le Petit Prince' - El Principito., su YouTube.
  3. ^ Sebastien Izambard Noel Ensemble, su ololo.fm (archiviato dall'url originale il 25 settembre 2015).
  4. ^ Assistance Médicale Toit du Monde.
  5. ^ ASSISTANCE MÉDICALE TOIT DU MONDE - AMTM, su sebastienizambard.net, 2014. URL consultato il 25 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 20 settembre 2015).
  6. ^ SÉBASTIEN IZAMBARD ANUNCIADO COMO EMBAJADOR OFICIAL DE LA FUNDACIÓN PARA NIÑOS SANFILIPPO, su ildivo.com, 2014 (archiviato dall'url originale il 29 novembre 2014).
  7. ^ Musica de Sébastien Izambard, su dkavwit.superfilmy.sk.
  8. ^ Darren Hayes – Secret Codes & Battleships (2011) - Universal AU, EMI Europe, su steveyounguk.com.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN5911152381788401950007 · Europeana agent/base/58292 · LCCN (ENno2018046237 · WorldCat Identities (ENlccn-no2018046237