Roma Metropolitane

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Roma Metropolitane
Logo
Roma Metropolitane sede.jpg
Sede centrale di Roma Metropolitane s.r.l. in via Tuscolana, 173
StatoItalia Italia
Forma societariaSocietà a responsabilità limitata
Fondazione2004 a Roma
Sede principaleRoma
Dipendenti175 (2018)
Sito webwww.romametropolitane.it

Roma Metropolitane s.r.l. è un'azienda municipalizzata del comune di Roma incaricata di progettare e realizzare nuove linee metropolitane nonché di ampliare e ammodernare quelle esistenti.[1]

Nel 2019 il comune ha annunciato la liquidazione dell'azienda, i cui compiti saranno assegnati al dipartimento trasporti di Roma Capitale entro il 2024.[2][3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2002, con l'approvazione del progetto per le tratte della linea C della metropolitana di Roma, fu proposto, nel novembre 2003, di acquisire l'intero capitale sociale della S.O.M. - Servizi per la Mobilità. La proposta fu votata dal consiglio comunale che approvò l'acquisto con la deliberazione n° 97 del 24 maggio 2004.[4]

L'azienda iniziò la sua attività nel 2005 con l'approvazione da parte del consiglio comunale della convenzione dei rapporti tra Roma Capitale e Roma Metropolitane.[5] Tra le competenze furono inserite quindi la progettazione e realizzazione dei prolungamenti della linea A, oltre che del relativo ammodernamento, della linea B e B1, della linea C e della linea D, oltre che la progettazione dei "corridoi della mobilità" e dei servizi di trasporto a fune.[6]

Con le perdite registrate nei bilanci non approvati del 2015, 2016, 2017 e 2018 l'unico azionista dell'azienda, ossia il comune di Roma, ha annunciato l'intenzione di non ricapitalizzare l'azienda portandola alla liquidazione, che avverrà entrò il 2024 con l'inaugurazione della stazione Fori Imperiali. Lo stato della municipalizzata ha portato ad alcune proteste presso la sede dell'azienda in via Tuscolana, in seguito all'annuncio del licenziamento di 45 dipendenti, e presso il Campidoglio, portando maggiore attenzione sulla situazione delle municipalizzate di Roma.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Applicabilità dell’art. 210 (Servizi di trasporto) del Codice dei contratti pubblici all'attività svolta da Roma Metropolitane S.r.l., su www.anticorruzione.it, Autorità nazionale anticorruzione, 17 aprile 2008. URL consultato il 3 ottobre 2019.
  2. ^ a b Vincenzo Bisbiglia, Roma Metropolitane chiude: via alla procedura di liquidazione. Il Campidoglio: “La metro C non è a rischio”, in il Fatto Quotidiano, 1º ottobre 2019. URL consultato il 3 ottobre 2019.
  3. ^ Roma Metropolitane verso il fallimento: l'ad non firma la convenzione con il Campidoglio per ripianare le perdite - Il Fatto Quotidiano, in Il Fatto Quotidiano, 29 marzo 2018. URL consultato il 3 aprile 2018.
  4. ^ Deliberazione n° 97 del 24 maggio 2004 (PDF), su www.romametropolitane.it, Roma Metropolitane, 24 maggio 2004. URL consultato il 3 ottobre 2019.
  5. ^ Delibera n° 1 del 10 gennaio 2005 (PDF), su www.romametropolitane.it, Roma Metropolitane, 10 gennaio 2005. URL consultato il 3 ottobre 2019.
  6. ^ La Società, su www.romametropolitane.it, Roma Metropolitane. URL consultato il 3 ottobre 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]