Rod Serling

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rod Serling

Rodman "Rod" Edward Serling (Syracuse, 25 dicembre 1924Rochester, 28 giugno 1975) è stato uno scrittore statunitense, famoso per la creazione della serie televisiva Ai confini della realtà.

Nacque a Syracuse, minore dei due figli di Samuel ed Esther, ma crebbe a Binghamton, sempre nello stato di New York.

La vita militare e i primi anni da scrittore[modifica | modifica sorgente]

Giovanissimo, Serling si arruolò nell'esercito come paracadutista e guastatore, e partecipò alla Seconda guerra mondiale nell'area di combattimento del Pacifico, dal gennaio 1943 al gennaio 1945. Nel corso di un combattimento, fu seriamente ferito a un polso e a un ginocchio, e per le ferite riportate e il coraggio mostrato ottenne due importanti decorazioni militari: la Purple heart e una Bronze Star Medal. L'esperienza durissima gli avrebbe lasciato incubi ricorrenti per il resto della propria vita. Piccolo e magro (alto 1 metro e 63), fu comunque anche un valido pugile.

Tornato in Patria, frequentò una piccola università, la Antioch college di Yellow Springs, Ohio, da dove uscì nel 1950 con un dottorato in letteratura. Sposato con Carol da due anni, si trasferì a Cincinnati, dove iniziò la sua carriera di scrittore nello staff di una radio locale. Ma il suo futuro era nella televisione: Serling cominciò la sua lunghissima carriera di sceneggiatore di storie per il piccolo schermo, e produsse due sceneggiature che gli valsero la massima considerazione della CBS: Patterns, sul conflitto tra un vecchio dirigente sul viale del tramonto e il suo pupillo in ascesa, e soprattutto Una faccia piena di pugni (Requiem for a heavyweight), con Anthony Quinn e Mickey Rooney, ancora oggi considerato uno dei migliori ritratti del mondo del pugilato. Da ricordare anche il film I giganti uccidono, classico sulla natura ostile della società capitalistica. Ma nonostante il successo, Serling non si sentiva soddisfatto del modo in cui venivano rappresentate le sue sceneggiature: per questo, cominciò a cercare il modo di realizzare una propria serie televisiva.

Ai confini della realtà[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Ai confini della realtà (serie televisiva 1959).

Nel 1959, la CBS accettò di produrre una nuova serie televisiva creata da Serling: "The twilight zone" (liberamente tradotto come "Ai confini della realtà"). Si trattava di una serie quasi rivoluzionaria per la televisione dell'epoca, che per la prima volta propose al grande pubblico storie di fantascienza, considerata fino ad allora materia poco adatta alla vasta platea degli show di prima serata. I 156 episodi dello show, che andò per cinque stagioni, proposero in realtà temi molto più profondi di quelli dei film del genere dell'epoca, in cui mostri giganteschi distruggevano fantascientifiche navicelle spaziali.

Basandosi anche sulle proprie esperienze, Serling scrisse storie che dietro la facciata della fantascienza parlavano anche di razzismo, paura delle diversità, timori per il clima di incertezza determinato dagli anni della "Guerra Fredda". Al suo fianco, un gruppo di straordinari scrittori presi in prestito dalla fantascienza, soprattutto Charles Beaumont e Richard Matheson reinterpretarono classici del genere e scrissero nuovi soggetti diventati a loro volta classici, perfezionando al massimo livello l'artificio letterario dello "switching end", il ribaltamento finale a sorpresa, il colpo di scena finale che cambiava completamente la prospettiva della storia, lasciando a bocca aperta lo spettatore.

Oltre che scrivere il maggior numero di storie della serie ed averne la direzione artistica, Serling divenne anche un personaggio famoso della televisione, in quanto compariva in video al termine di ogni episodio e illustrava brevemente il tema della puntata seguente: in quel ruolo, la produzione aveva precedentemente contattato Orson Welles, ma il compenso troppo elevato richiesto dal grande regista fece sì che ci si rivolgesse a una soluzione "interna" più economica, e creò il personaggio televisivo Serling.

Nel 1964 la CBS cancellò lo show, dati soprattutto i costi di produzione elevati, e Serling vendette la propria parte di diritti, anche per evitare le continue cause di plagio che stavano colpendo alcuni episodi della serie.

Gli anni seguenti[modifica | modifica sorgente]

Nel 1969, passato alla NBC, Serling tornò in televisione con una nuova serie, Night Gallery (Mistero in galleria), più indirizzata all'horror e al macabro rispetto a Ai confini della realtà. Nella nuova serie, Serling introduceva i tre segmenti di ogni episodio, e scrisse anche molte delle sceneggiature. All'inizio della terza stagione della serie, però, cominciarono a sorgere contrasti tra Serling e la produzione, che cominciava a rigettare un numero sempre maggiore di sue sceneggiature. Anche per questi contrasti, e per il mancato successo della serie, che non riuscì mai a ottenere buoni indici di ascolto, nel 1973 Night Gallery fu cancellata.

L'attività di scrittore di Serling nel frattempo continuava anche al di fuori della televisione, con una serie di sceneggiature per il cinema in bilico tra fantascienza e fantapolitica: tra essi, 7 giorni a maggio (Seven days in May, 1964), che descriveva il tentativo di un attentato al presidente degli Stati Uniti, The Man, che immaginava il primo presidente di colore degli Stati Uniti, e soprattutto Il pianeta delle scimmie, un classico assoluto.

Doppiatori italiani[modifica | modifica sorgente]

In Ai confini della realtà Serling è stato doppiato da diversi attori italiani nel corso delle diverse programmazioni della serie.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia italiana di Rod Serling in Catalogo Vegetti della letteratura fantastica, Associazione culturale Delos Books. Controllo di autorità VIAF: 113154147 LCCN: n83200032