Ritratto di dama (De Predis)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ritratto di dama
Ambrogio de Predis - Ritratto di una dama.jpg
AutoreGiovanni Ambrogio De Predis
Data1485-1500 circa
Tecnicatempera e olio su tavola
Dimensioni51×34 cm
UbicazioneBiblioteca Ambrosiana, Milano

Ritratto di dama è un dipinto a tempera e olio su tavola attribuito al pittore leonardesco Giovanni Ambrogio De Predis. L'opera si trova nella sala 1 della Biblioteca Ambrosiana di Milano.

Ritenuta inizialmente di mano di Leonardo da Vinci, veniva associata al Ritratto di musico, custodito nello stesso museo. Il cardinale Federico Borromeo, nel donare la sua “quadreria” (la vasta raccolta d'arte figurativa da lui posseduta) alla Pinacoteca Ambrosiana, vi incluse il ritratto facendone testualmente menzione come “Ritratto d'una Duchessa di Milano dal mezzo in su, di mano di Leonardo” (con tale titolo compare nel documento “Notai Arcivescovili, filza 138, atto 39, ASMI"). Longhi[1] lo attribuì a Lorenzo Costa, mentre Morelli lo riconobbe nella descrizione di un ritratto di De Predis lasciata da Marcantonio Michiel. Quest'ultima ipotesi è stata confermata da un restauro, durante il quale si sono trovate similitudini nella preparazione della tavola con quella dei dipinti di De Predis[2].

L'identità della donna ritratta è tuttora ignota: inizialmente, il dipinto era noto come Ritratto di Beatrice d'Este, poi venne proposta Bianca Maria Sforza (Morelli) e ancora Bianca Giovanna, figlia di Ludovico il Moro (Julia Cartwright) e inoltre Cecilia Gallerani. Per lo più i critici hanno ipotizzato che la donna raffigurata sia Beatrice d'Este, tuttavia la fisionomia della dama è del tutto dissimile ad esempio dal celebre ritratto di profilo della “Pala Sforzesca” di Brera e dalla statua funebre di Beatrice d'Este di Cristoforo Solari nella Certosa di Pavia, per citare due opere che consentono un raffronto certo. Ultimamente un accurato studio di Carla Glori, basato su numerosi indizi ricavati da una comparazione con i ritratti delle spose degli Sforza e in particolare con i gioielli indossati, la identifica con Isabella d'Aragona nel suo ritratto nuziale (1490 circa).[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Leonardo, Classici dell'arte Rizzoli, pag. 100
  2. ^ Scheda Archiviato il 6 ottobre 2007 in Internet Archive. del dipinto nel sito della Biblioteca Ambrosiana
  3. ^ (EN) Carla Glori, PROPOSTA DI IDENTIFICAZIONE DELLA DAMA CON LA RETICELLA DI PERLE DI AMBROGIO DE PREDIS – PINACOTECA AMBROSIANA, MILANO. URL consultato il 18 dicembre 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Angela Ottino Dalla Chiesa, L'opera completa di Leonardo pittore, Milano, Rizzoli, 1978.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Arte Portale Arte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Arte