Repubblica di Cracovia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Coordinate: 50°03′42″N 19°56′14″E / 50.061667°N 19.937222°E50.061667; 19.937222

Repubblica di Cracovia
Repubblica di Cracovia – BandieraRepubblica di Cracovia - Stemma
Rzeczpospolita Krakowska 1815.png
Dati amministrativi
Nome completoRepubblica di Cracovia
Nome ufficialeWolne, Niepodległe i Ściśle Neutralne Miasto Kraków z Okręgiem
Lingue parlatepolacco
CapitaleCracovia
Politica
Forma di governorepubblica
Capo di StatoPresidente del Senato
Organi deliberativiAssemblea dei Rappresentanti
Nascita3 maggio 1815
CausaCongresso di Vienna
Fine16 novembre 1846
CausaRivolta di Novembre
Territorio e popolazione
Territorio originale1.164 km²
Popolazione95.000 nel 1815
146.000 nel 1843
Economia
ValutaZłoty polacco Dal 1815 al 1835
Złoty di Cracovia Dal 1835 al 1846
Evoluzione storica
Preceduto daDucato di Varsavia
Succeduto daAustria Granducato di Cracovia

La Città Libera, Indipendente e Neutrale di Cracovia con il proprio Territorio (in polacco: Wolne, Niepodległe i Ściśle Neutralne Miasto Kraków z Okręgiem), più comunemente detta Città Libera di Cracovia o Repubblica di Cracovia (Rzeczpospolita Krakowska), fu una città-stato creata dal Congresso di Vienna nel 1815 e controllata dai tre Stati vicini: Russia, Prussia e Austria-Ungheria fino al 1846 quando fu annessa all'Impero Austriaco. Rappresentò quel che rimase del territorio del Ducato di Varsavia dopo la Spartizione della Polonia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Città Libera fu formalmente stabilita il 3 maggio 1815. Comprendeva la città di Cracovia e il territorio circondante (circa 1.164 km²), e aveva una popolazione prevalentemente polacca di circa 88.000 persone.

Lo stato ricevette una costituzione nel 1815, che era stata largamente pianificata dal Principe Adam Jerzy Czartoryski. La Costituzione fu rivista e espansa nel 1818, incrementando l'autonomia della città. Il potere legislativo era gestito nell'Izba Reprezentantów ("Assemblea dei Rappresentanti"), mentre il potere esecutivo fu assegnato a un Senato Governante. La legge era basata sul Codice napoleonico e sulla legge francese. La lingua ufficiale era il polacco.

La Città fu una zona libera, autorizzata a commerciare con Russia, Prussia e Austria. L'Università Jagellonica poteva ammettere studenti dai territori spartiti della Polonia che erano stati divisi tra i tre Stati.

Durante la Rivolta di novembre del 1830-1831 Cracovia fu una base per il contrabbando di armi nel territorio controllato dalla Russia del Regno del Congresso. Dopo la fine della rivolta, l'autonomia della Città Libera fu diminuita, con la conseguente occupazione della città da parte dell'esercito austriaco dal 1836 al 1841. La città di Cracovia fu infine annessa all'Austria il 6 novembre 1846 come Granducato di Cracovia.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN137226440 · LCCN (ENn82050626