René Barrientos Ortuño

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
René Barrientos Ortuño
Rene barrientos.jpg

Presidente della Bolivia
fino al 2 gennaio 1966 insieme ad Alfredo Ovando Candia
Durata mandato 5 novembre 1964 –
26 maggio 1965
Predecessore Víctor Paz Estenssoro
Successore se stesso insieme ad Alfredo Ovando Candia

Durata mandato 26 maggio 1965 –
2 gennaio 1966
Predecessore Alfredo Ovando Candia

Durata mandato 6 agosto 1966 –
27 aprile 1969
Predecessore Alfredo Ovando Candia
Successore Luis Adolfo Siles Salinas

Dati generali
Partito politico Movimento Nazionalista Rivoluzionario
René Barrientos Ortuño
30 maggio 1919 – 27 aprile 1969 (49 anni)
Nato aTarata
Morto aArque
Cause della morteincidente aereo
Dati militari
Paese servitoBolivia Bolivia
Forza armataBolivian Air Force emblem.svg Forza Aerea Boliviana
Anni di servizio1938-1969
GradoGenerale
GuerreRivoluzione boliviana del 1952
Guerriglia della Ñancahuazú
Comandante diBolivian Air Force emblem.svg Forza Aerea Boliviana (Comandante in capo 1957-1969)
DecorazioniBOL Order of Condor of the Andes - Grand Cross BAR.png
Altre carichepolitico
"fonti nel corpo del testo"
voci di militari presenti su Wikipedia

René Barrientos Ortuño (Tarata, 30 maggio 1919Arque, 27 aprile 1969) è stato un generale, politico e dittatore boliviano.

Nacque nel 1919 a Tarata, nel dipartimento di Cochabamba. Nel 1938 entrò nel collegio militare uscendo nel 1943 con il grado di sottotenente. Dopodiché studiò nel collegio militare di aviazione Boquerón. Divenne generale e nel 1957 fu nominato comandante in capo della Fuerza Aérea Boliviana, l'aeronautica militare boliviana.

Nel 1964 fu eletto Vicepresidente della Repubblica sotto la presidenza di Víctor Paz Estenssoro. Prese il potere con un colpo di Stato militare il 4 novembre del 1964, assieme al generale Ovando, con il quale co-governò fino al 1966. Morì in un misterioso incidente d'elicottero nel 1969.

Politica[modifica | modifica wikitesto]

Di impronta populista ed autoritaria, concesse estensioni di terra ai contadini quechua e aymara dell'altipiano andino nei bassipiani tropicali, dove esistono tuttora villaggi che portano il suo nome (per esempio la comunità Barrientos, di coloni quechua, nella provincia Ichilo del dipartimento di Santa Cruz). Si trattava di una politica tendente a limitare le concessioni sulle più produttive terre delle valli andine destinando aree poco fertili, molto isolate e ancora allo stato naturale, ai contadini senza terra. Ciò nonostante gli valse una certa fama nei settori indigeni contadini dell'altipiano.

Durante il suo governo nominò il criminale nazista Klaus Barbie, che in Bolivia si faceva chiamare Klaus Altmann, presidente della società di navigazione boliviana (Transmaritima). All'epoca questa società contava una sola nave che, secondo informazioni riservate, era dedita al commercio internazionale illegale di armi. Barbie fu anche nominato consigliere dei servizi segreti boliviani.

Particolarmente elevato il numero di vittime durante la sua dittatura. Secondo Amnesty International, solo tra il 1966 e il 1968 vi furono tra 3.000 e 8.000 assassinii degli squadroni della morte.

Che Guevara[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Che Guevara.

L'evento storico di maggior rilevanza internazionale durante la sua dittatura fu lo sviluppo della guerriglia di Che Guevara in Bolivia, che Barrientos represse con un notevole dispiegamento di forze e mezzi, l'aiuto di consiglieri militari nordamericani e una feroce propaganda nazionalista. Fu lo stesso Barrientos a ordinare l'esecuzione sommaria del Che - catturato ferito il giorno prima - il 9 ottobre del 1967 a La Higuera, nel dipartimento di Santa Cruz. La prima versione che fece diffondere alla stampa internazionale era che Guevara fosse morto durante i combattimenti.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Gran Maestro dell'Ordine Nazionale del Condor delle Ande - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine Nazionale del Condor delle Ande

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN77721587 · ISNI (EN0000 0000 8271 4875 · LCCN (ENn84153326 · GND (DE1057416037