Remo (fratello di Romolo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La Lupa capitolina allatta Romolo e Remo

Remo (in latino: Remus; Alba Longa, 24 marzo 771 a.C.Roma antica, 21 aprile 753 a.C.) è, nella mitologia romana, uno dei due figli di Rea Silvia e del dio Marte, fratello gemello di Romolo fondatore di Roma.

Il suo nome rievocava quello del condottiero rutulo che venne decapitato nel sonno da Niso durante la guerra fra italici e troiani.

Sarebbe stato padre di due maschi, Senio e Ascanio, leggendari fondatori della città di Siena.

Secondo la leggenda più nota, per aver varcato in armi il confine sacro di Roma fu ucciso da Romolo e sepolto sull'Aventino. Secondo un'altra versione ad assassinarlo sarebbe invece stato il capo del corpo di guardia di Romolo, Celere.

Per Gaetano De Sanctis "la figura di Remo è scialba ed oscura", e il nome potrebbe essere legato a Remuria, una località non ben identificata, o alla dea Remurina.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gaetano De Sanctis, Romolo e Remo, in Enciclopedia Italiana, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1936. URL consultato il 12 febbraio 2019.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN27880394 · GND (DE119383012 · CERL cnp00554403