Anco Marzio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Anco Marzio
L. Marcius Philippus AR 1630259.jpg
Una moneta di epoca repubblicana con l'effige di Anco Marzio.
Re di Roma
In carica 641 a.C. - 616 a.C.[1]
Predecessore Tullo Ostilio[2][3]
Successore Tarquinio Prisco[4][5]
Nome completo Numa Anco Marzio
Nascita 675 a.C. (?)
Morte 616 a.C.
Dinastia Re latino-sabini

Anco Marzio, anche Marcio (latino Ancus Marcius; 675 a.C. (?) – 616 a.C.), è stato il quarto Re di Roma.[6] e l'ultimo di origine sabina, appartenente all'antica gens Marcia, probabilmente leggendario. Regnò per 24 anni[7].

Leggenda[modifica | modifica wikitesto]

Regno (641-616 a.C.)[modifica | modifica wikitesto]

Nel 641 a.C. Anco Marzio succede al bellicoso Tullo Ostilio,[3] diventando il nuovo re di Roma, favorito all'ascesa al trono dal legame di parentela con Numa Pompilio, di cui era nipote per parte di una figlia.[6] Pur essendo il nipote di Numa Pompilio, grande amante della pace e della religione, fece la guerra per difendere i suoi territori. Dopo il regno di Tullo Ostilio, che aveva cancellato ogni relazione tra il potere monarchico, la religione e la nascente sacralità romana, il nuovo monarca restaura questo rapporto.[8]

Politica militare[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Storia delle campagne dell'esercito romano in età regia.

Anco Marzio riprende l'espansione verso sud a danno dei Latini,[6][9][10] guerra già avviata dal suo predecessore, conquistando Politorium, i cui cittadini furono deportati a Roma.[11][12] Quindi dopo quattro anni di combattimenti, conquistò nuovamente Medullia, dopo che questa colonia romana aveva nuovamente defezionato passando ai Latini.[13] La stessa sorte toccò agli abitati di Tellenae e Ficana,[14] garantendo così a Roma il controllo dei territori che si estendevano dalla costa all'Urbe.

Quindi, dopo altri due anni di guerre infruttuose di guerre con i Latini, i Romani conquistarono e saccheggiarono Fidenae e respinsero anche razziatori Sabini, che avevano compiuto scorrerie nei possedimenti romani lasciati sguarniti.[15] Quindi, dopo pochi anni, i Romani combatterono e vinsero due guerre (la seconda delle quali nei pressi di Campus salinarum) contro la città di Veio, che pretendeva di riavere i possedimenti persi all'epoca di Romolo,[16] e l'anno seguente ebbero la meglio anche dei Volsci, che dopo aver razziato le campagne romane, si erano ritirati entro le mura di Velitrae all'apparire dell'esercito romano.[17]

Politica urbanistica[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Roma antica e Ostia (città antica).

Aggiunse così alla città di Roma, oltre all'Aventino, che cinse all'interno della mura cittadine e popolò con le popolazioni latine deportate a Roma (tra le quali quelle di Tellenae e Politorium),[18] anche il Gianicolo,[6] e probabilmente anche il Celio.[19]

Durante il suo regno sono realizzate numerose opere architettoniche tra cui la fortificazione del Gianicolo,[20] la fondazione della prima colonia romana ad Ostia alla foce del Tevere (a 16 miglia da Roma),[6][9][10][21][22] "evidentemente perché già allora aveva il presentimento che le ricchezze ed i viveri di tutto il mondo sarebbero stati, un giorno, ricevuti lì, come se fosse lo scalo marittimo di Roma";[20] la costruzione della via Ostiense, dove per primo organizzò le saline e costruì una prigione,[23][24] la costruzione dello scalo portuale sul Tevere chiamato Porto Tiberino e la costruzione del primo ponte di legno sul Tevere, il Ponte Sublicio.[20]

Politica religiosa[modifica | modifica wikitesto]

Ristabilì le cerimonie religiose istituite da Numa.[25] A lui si fa discendere la definizione dei riti che dovevano essere seguiti dai Feciali perché la guerra dichiarata ai nemici non dispiacesse agli dei e potesse essere quindi una "guerra giusta".

Anco Marzio sarebbe soltanto un duplicato di Numa, come si potrebbe dedurre dal suo secondo nome, Numa Marzio, dal confidente e pontefice di Numa, non essendo niente altro che Numa Pompilio stesso, rappresentato come sacerdote. L'identificazione con Anco è indicata dalla leggenda che indica quest'ultimo come un costruttore di ponte (pontifex), il costruttore del primo ponte di legno sopra il Tevere. È nell'esercizio delle sue funzioni sacerdotali che la somiglianza è mostrata più chiaramente.

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Come Numa Pompilio, Anco Marzio morì di morte naturale dopo venticinque anni di regno[6] (nel 616 a.C.), di malattia secondo altri[26] lasciando due figli, uno dei quali ancora fanciullo[27]. Gli succedette Tarquinio Prisco.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Matyszak 2003, p. 30.
  2. ^ Eutropio, Breviarium ab Urbe condita, I, 4.
  3. ^ a b Floro, Epitoma de Tito Livio bellorum omnium annorum DCC, I, 3.9.
  4. ^ Eutropio, Breviarium ab Urbe condita, I, 6.
  5. ^ Floro, Epitoma de Tito Livio bellorum omnium annorum DCC, I, 5.1.
  6. ^ a b c d e f Eutropio, Breviarium ab Urbe condita, I, 5.
  7. ^ Livio, Periochae ab Urbe condita libri, 1.35.
  8. ^ Dionigi di Alicarnasso, Antichità romane, III, 36, 1-4.
  9. ^ a b Livio, Periochae ab Urbe condita libri, 1.18.
  10. ^ a b Livio, Periochae ab Urbe condita libri, 1.32.
  11. ^ Dionigi di Alicarnasso, Antichità romane, III, 37, 4.
  12. ^ Dionigi di Alicarnasso, Antichità romane, III, 38, 1.
  13. ^ Dionigi di Alicarnasso, Antichità romane, III, 38, 4.
  14. ^ Dionigi di Alicarnasso, Antichità romane, III, 38.
  15. ^ Dionigi di Alicarnasso, Antichità romane, III, 38-39.
  16. ^ Dionigi di Alicarnasso, Antichità romane, III, 41,1-3.
  17. ^ Dionigi di Alicarnasso, Antichità romane, III, 41,5.
  18. ^ Dionigi di Alicarnasso, Antichità romane, III, 43,1-2.
  19. ^ Strabone, Geografia, V, 3,7.
  20. ^ a b c Floro, Epitoma de Tito Livio bellorum omnium annorum DCC, I, 4.2.
  21. ^ Dionigi di Alicarnasso, Antichità romane, III, 44,4.
  22. ^ Filippo Coarelli, I santuari, il fiume, gli empori, vol. 13, in Storia Einaudi dei Greci e dei Romani, 2008, p. 136.
  23. ^ Tito Livio, Ab Urbe condita libri, I, 33.
  24. ^ Dionisio di Alicarnasso, III, 35-44.
  25. ^ Livio, Periochae ab Urbe condita libri, 1.33.
  26. ^ Appiano di Alessandria, Storia romana (Appiano), Liber I, II.
  27. ^ Dionigi di Alicarnasso, Antichità romane, III, 45,2.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie
Fonti storiografiche moderne
  • A.A. V.V., Storia Einaudi dei Greci e dei Romani, Roma in Italia, vol.13, Milano, Einaudi, 2008.
  • Giovanni Brizzi, Storia di Roma. 1.Dalle origini ad Azio, Bologna, Pàtron, 1997.
  • Emilio Gabba, Dionigi e la storia di Roma arcaica, Bari, Edipuglia, 1996.
  • (EN) Matyszak Philip, Chronicle of the roman republic: the rulers of ancient Rome from Romulus to Augustus, Londra & New York, Thames and Hudson, 2003, ISBN 0-500-05121-6.
  • Theodor Mommsen, Storia di Roma antica, Firenze, Sansoni, 1972.
  • Massimo Pallottino, Origini e storia primitiva di Roma, Milano, Rusconi, 1993, ISBN 88-18-88033-0.
  • André Piganiol, Le conquiste dei Romani, Milano, Il Saggiatore, 1989, ISBN 88-04-32321-3.
  • Howard H. Scullard, Storia del mondo romano, Milano, Rizzoli, 1992, ISBN 88-17-11903-2.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Re di Roma Successore LupaCapitolina.png
Tullo Ostilio 641 a.C. - 616 a.C. Tarquinio Prisco
Controllo di autorità VIAF: (EN73583488 · GND: (DE118847422 · CERL: cnp00540161