Anco Marzio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Anco Marzio
L. Marcius Philippus AR 1630259.jpg
Una moneta di epoca repubblicana con l'effige di Anco Marzio.
Re di Roma
In carica 641 a.C. - 616 a.C.[1]
Predecessore Tullo Ostilio[2][3]
Successore Tarquinio Prisco[4][5]
Nome completo Numa Anco Marzio
Nascita 675 a.C. (?)
Morte 616 a.C.
Dinastia Re latino-sabini

Anco Marzio, anche Marcio (latino Ancus Marcius; 675 a.C. (?) – 616 a.C.), è stato il quarto Re di Roma.[6] e l'ultimo di origine sabina, appartenente all'antica gens Marcia, probabilmente leggendario. Regnò per 24 anni[7].

Leggenda[modifica | modifica wikitesto]

Regno (641-616 a.C.)[modifica | modifica wikitesto]

Nel 641 a.C. Anco Marzio succede al bellicoso Tullo Ostilio,[3] diventando il nuovo re di Roma, favorito all'ascesa al trono dal legame di parentela con Numa Pompilio, di cui era nipote per parte di una figlia.[6] Pur essendo il nipote di Numa Pompilio, grande amante della pace e della religione, fece la guerra per difendere i suoi territori. Dopo il regno di Tullo Ostilio, che aveva cancellato ogni relazione tra il potere monarchico, la religione e la nascente sacralità romana, il nuovo monarca restaura questo rapporto.[8]

Politica militare[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Storia delle campagne dell'esercito romano in età regia.

Anco Marzio riprende l'espansione verso sud a danno dei Latini,[6][9][10] guerra già avviata dal suo predecessore, conquistando Politorium, i cui cittadini furono deportati a Roma.[11][12] Quindi dopo quattro anni di combattimenti, conquistò nuovamente Medullia, dopo che questa colonia romana aveva nuovamente defezionato passando ai Latini.[13] La stessa sorte toccò agli abitati di Tellenae e Ficana,[14] garantendo così a Roma il controllo dei territori che si estendevano dalla costa all'Urbe.

Quindi, dopo altri due anni di guerre infruttuose di guerre con i Latini, i Romani conquistarono e saccheggiarono Fidenae e respinsero anche razziatori Sabini, che avevano compiuto scorrerie nei possedimenti romani lasciati sguarniti.[15] Quindi, dopo pochi anni, i Romani combatterono e vinsero due guerre (la seconda delle quali nei pressi di Campus salinarum) contro la città di Veio, che pretendeva di riavere i possedimenti persi all'epoca di Romolo,[16] e l'anno seguente ebbero la meglio anche dei Volsci, che dopo aver razziato le campagne romane, si erano ritirati dentro le mura di Velitrae all'apparire dell'esercito romano.[17]

Politica urbanistica[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Roma antica e Ostia (città antica).

Aggiunse così alla città di Roma, oltre all'Aventino, che cinse all'interno della mura cittadine e popolò con le popolazioni latine deportate a Roma (tra le quali quelle di Tellenae e Politorium),[18] anche il Gianicolo,[6] e probabilmente anche il Celio.[19]

Durante il suo regno sono realizzate numerose opere architettoniche tra cui la fortificazione del Gianicolo,[20] la fondazione della prima colonia romana ad Ostia alla foce del Tevere (a 16 miglia da Roma),[6][9][10][21][22] "evidentemente perché già allora aveva il presentimento che le ricchezze ed i viveri di tutto il mondo sarebbero stati, un giorno, ricevuti lì, come se fosse lo scalo marittimo di Roma";[20] la costruzione della via Ostiense, dove per primo organizzò le saline e costruì una prigione,[23][24] la costruzione dello scalo portuale sul Tevere chiamato Porto Tiberino e la costruzione del primo ponte di legno sul Tevere, il Ponte Sublicio.[20]

Politica religiosa[modifica | modifica wikitesto]

Ristabilì le cerimonie religiose istituite da Numa.[25] A lui si fa discendere la definizione dei riti che dovevano essere seguiti dai Feciali perché la guerra dichiarata ai nemici non dispiacesse agli dei e potesse essere quindi una "guerra giusta".

Anco Marzio sarebbe soltanto un duplicato di Numa, come si potrebbe dedurre dal suo secondo nome, Numa Marzio, dal confidente e pontefice di Numa, non essendo niente altro che Numa Pompilio stesso, rappresentato come sacerdote. L'identificazione con Anco è indicata dalla leggenda che indica quest'ultimo come un costruttore di ponte (pontifex), il costruttore del primo ponte di legno sopra il Tevere. È nell'esercizio delle sue funzioni sacerdotali che la somiglianza è mostrata più chiaramente.

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Come Numa Pompilio, Anco Marzio morì di morte naturale dopo venticinque anni di regno[6] (nel 616 a.C.), di malattia secondo altri[26] lasciando due figli, uno dei quali ancora fanciullo[27]. Gli succedette Tarquinio Prisco.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Matyszak 2003, p. 30.
  2. ^ Eutropio, Breviarium ab Urbe condita, I, 4.
  3. ^ a b Floro, Epitoma de Tito Livio bellorum omnium annorum DCC, I, 3.9.
  4. ^ Eutropio, Breviarium ab Urbe condita, I, 6.
  5. ^ Floro, Epitoma de Tito Livio bellorum omnium annorum DCC, I, 5.1.
  6. ^ a b c d e f Eutropio, Breviarium ab Urbe condita, I, 5.
  7. ^ Livio, Periochae ab Urbe condita libri, 1.35.
  8. ^ Dionigi di Alicarnasso, Antichità romane, III, 36, 1-4.
  9. ^ a b Livio, Periochae ab Urbe condita libri, 1.18.
  10. ^ a b Livio, Periochae ab Urbe condita libri, 1.32.
  11. ^ Dionigi di Alicarnasso, Antichità romane, III, 37, 4.
  12. ^ Dionigi di Alicarnasso, Antichità romane, III, 38, 1.
  13. ^ Dionigi di Alicarnasso, Antichità romane, III, 38, 4.
  14. ^ Dionigi di Alicarnasso, Antichità romane, III, 38.
  15. ^ Dionigi di Alicarnasso, Antichità romane, III, 38-39.
  16. ^ Dionigi di Alicarnasso, Antichità romane, III, 41,1-3.
  17. ^ Dionigi di Alicarnasso, Antichità romane, III, 41,5.
  18. ^ Dionigi di Alicarnasso, Antichità romane, III, 43,1-2.
  19. ^ Strabone, Geografia, V, 3,7.
  20. ^ a b c Floro, Epitoma de Tito Livio bellorum omnium annorum DCC, I, 4.2.
  21. ^ Dionigi di Alicarnasso, Antichità romane, III, 44,4.
  22. ^ Filippo Coarelli, I santuari, il fiume, gli empori, vol. 13, in Storia Einaudi dei Greci e dei Romani, 2008, p. 136.
  23. ^ Tito Livio, Ab Urbe condita libri, I, 33.
  24. ^ Dionisio di Alicarnasso, III, 35-44.
  25. ^ Livio, Periochae ab Urbe condita libri, 1.33.
  26. ^ Appiano di Alessandria, Storia romana (Appiano), Liber I, II.
  27. ^ Dionigi di Alicarnasso, Antichità romane, III, 45,2.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie
Fonti storiografiche moderne
  • A.A. V.V., Storia Einaudi dei Greci e dei Romani, Roma in Italia, vol.13, Milano, Einaudi, 2008.
  • Giovanni Brizzi, Storia di Roma. 1.Dalle origini ad Azio, Bologna, Pàtron, 1997.
  • Emilio Gabba, Dionigi e la storia di Roma arcaica, Bari, Edipuglia, 1996.
  • (EN) Matyszak Philip, Chronicle of the roman republic: the rulers of ancient Rome from Romulus to Augustus, Londra & New York, Thames and Hudson, 2003, ISBN 0-500-05121-6.
  • Theodor Mommsen, Storia di Roma antica, Firenze, Sansoni, 1972.
  • Massimo Pallottino, Origini e storia primitiva di Roma, Milano, Rusconi, 1993, ISBN 88-18-88033-0.
  • André Piganiol, Le conquiste dei Romani, Milano, Il Saggiatore, 1989, ISBN 88-04-32321-3.
  • Howard H. Scullard, Storia del mondo romano, Milano, Rizzoli, 1992, ISBN 88-17-11903-2.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN73583488 · GND (DE118847422 · CERL cnp00540161