Real Casina di Caccia di Persano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Real Casina di Caccia di Persano
Georg Abraham Hackert - Ansicht von Persano auf dem Weg nach Paestum (ca.1800).jpg
La Real Casina di Caccia di Persano in una litografia
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCampania Campania
Coordinate40°32′58.74″N 15°02′55.64″E / 40.54965°N 15.04879°E40.54965; 15.04879Coordinate: 40°32′58.74″N 15°02′55.64″E / 40.54965°N 15.04879°E40.54965; 15.04879
Informazioni generali
CondizioniIn uso
StileBarocco
Realizzazione
ArchitettoGiovanni Domenico Piana, Luigi Vanvitelli
ProprietarioMinistero della difesa
CommittenteBorbone di Napoli

La Real Casina di Caccia di Persano è un edificio realizzato nel 1752 su ordine di Carlo di Borbone, affittuario dei conti De Rossi di Caiazzo e feudatari di Serre.

La residenza di Persano è nel comune di Serre, e si estende tra le rive dei due fiumi il Sele e il Calore Lucano, e tra i territori dei comuni di Eboli, Campagna e Altavilla Silentina, ricca di boschi e di selvaggina, nel 1758 divenne di proprietà del Sovrano.

La realizzazione della Casina venne affidata all'ingegnere militare Giovanni Domenico Piana, originario di Ponna nel Ducato di Milano,[1] che, dopo aver demolito completamente la prima edificazione settecentesca che fu realizzata sui resti di un antico villaggio, probabilmente medievale, ne costruì una ex novo, successivamente rimaneggiata da Luigi Vanvitelli nel 1753[2].

Si presenta su due livelli, un portale d'ingresso in pietra affiancato da due garitte, un atrio decorato a stucco in cui risalta uno scalone terminante con una statua in marmo raffigurante un cane da guardia (attribuito a Antonio Canova). Nella tenuta di Persano, nel 1742, venne realizzato un allevamento equino selezionato di razza napoletana, siciliana, calabrese e pugliese con stalloni di razza andalusa e provenzale per creare una razza pregiata.

L'edificio e la relativa riserva di caccia sono state trasformate in un'area militare in cui hanno sede il Reggimento Logistico "Garibaldi" (unità appartenente alla Brigata bersaglieri "Garibaldi") e il 10º Reparto di Sanità "Napoli" (unità appartenente al comando dei supporti logistici). Come tale è chiusa al pubblico, mentre occorrerebbe una convenzione tra lo Stato, il comune di Serre, altri del territorio e il FAI (fondazione senza scopo di lucro, che dal 1975 salva l'arte e la natura in Italia), per renderla visitabile non solo una volta l'anno, come già avviene, nell'organizzazione del FAI, ma più volte l'anno, per fini turistici ed eventi culturali.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ M. Ulino, I Borbone delle Due Sicilie e il Real Sito di Persano, in Il Postiglione, rivista storica, 20-21, 2008, pp. 187-202.
  2. ^ [1][collegamento interrotto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]