Radagaiso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Radagaiso
Giorgio Vasari - Defeat of Radagasio below Fiesole - Google Art Project.jpg
Giorgio Vasari e aiuti, Sconfitta di Radagaiso presso Fiesole, 1563-1565
Re dei Vandali
In carica 388 –
23 agosto 406
Successore Godigisel
Nascita 335 ca.
Morte Firenze, 23 agosto 406
Figli Godigisel
Religione Paganesimo germanico

Radagaiso (conosciuto anche come Radegast I; in latino: Radagaisus, in greco: Ροδογαισοζ; circa 335Firenze, 23 agosto 406) è stato un condottiero erulo, capo di una vasta coalizione di tribù germaniche (Goti, Vandali, Suebi, Burgundi, Vendi ed Eruli) che invase l'Italia tra la fine del 405 e gli inizi del 406, per poi essere sconfitto dall'esercito romano nella battaglia di Fiesole.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Condottiero barbaro[modifica | modifica wikitesto]

Isidoro di Siviglia menziona il nome di Radagaiso sotto l'anno 399, quando, secondo lui, i Goti, a causa di una contesa, divisero il loro regno in due parti tra i capi Radagaiso e Alarico, e poi conclusero un accordo sulla divisione dell'Italia. Negli annali d'Aquitania è scritto che l'Italia è stata invasa da parte dei Goti sotto Radagaiso e Alarico nell'anno 400. Poiché i resoconti di Isidoro e Prospero contraddicono le informazioni piuttosto dettagliate degli storici precedenti, la prima apparizione del nome Radagaiso nella storia è solitamente attribuita all'anno 405.

Nel 405, appunto, un grande esercito barbaro (presumibilmente dalla Germania) fece irruzione attraverso le Alpi nell'Italia settentrionale. Le domande sulla provenienza dei barbari di Radagaiso e su quale fosse la loro composizione tribale continuano ad essere oggetto di dibattito ancora oggi. I contemporanei dell'invasione Orosio, Agostino e Prospero li chiamano genericamente "Goti", sottintendendo ovviamente la loro origine germanica. Uno storico un po' successivo, Zosimo, li definì «Celti e tribù germaniche che vivono al di là del Danubio e del Reno»[2]. Gli storici moderni suggeriscono una composizione "multitribale" delle truppe di Radagaiso, comprendente, oltre ai Goti, anche i Vandali, gli Alemanni e gli Eruli, basata principalmente sulla vicinanza geografica di queste tribù al luogo degli eventi[3]. Giordane, che scrisse una storia dettagliata dei Goti, non vi menzionò il nome di Radagaiso[4].

Il fatto che i barbari provenissero da luoghi non interessati dalla civiltà romana deriva da Orosio, che paragona l'estimatore degli idoli Radagaiso con il più famoso condottiero dei Goti nell'impero, Alarico. Radagaiso è «un pagano, un barbaro e un vero scita..., con insaziabile crudeltà nell'omicidio amò l'assassinio stesso»[5], mentre Alarico I era un cristiano con cui si potevano fare affari e concludere accordi, che si batteva per bottino e denaro, ma non per distruzione e omicidio. All'inizio del V secolo le tribù dei Goti erano sparse su un vasto territorio: Alarico guidava solo una parte delle tribù che si stabilirono sulla sponda destra del Danubio negli anni '80 del IV secolo. Oltre il Danubio vivevano altre tribù gotiche subordinate agli Unni.

Radagaiso differiva dagli altri capi barbari per la sua sete di sangue[6][7]:

(LA)

«Radagaiso, omnium antiquorum ac praesentium inimicorum foedissimus, totam Italiam subito adortus et inundavit [...] Ille, ut apud barbaros mos est, omne sanguinem populi Romani in honorem deorum bibere pollicitus est.»

(IT)

«Radagaiso, il più terribile di tutti i nemici antichi e presenti, attaccò e inondò improvvisamente tutta l'Italia [...] Egli, come è consuetudine tra tali tribù barbare, promise di bere tutto il sangue del popolo romano in onore dei suoi dei.»

(Paolo Orosio. Le storie contro i pagani)

Invasione d'Italia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 405, il comandante delle truppe dell'Impero Romano d'Occidente, Stilicone, decise di prendere la prefettura dell'Illirico (Grecia e tutte le terre a nord della Grecia fino al Danubio) dall'Impero Romano d'Oriente, che ricevette dagli storici il nome di Bisanzio. Per far ciò attirò Alarico, condottiero Gotico, che attendeva con l'esercito dei Visigoti l'avvicinarsi di Stilicone in Epiro. I piani di Stilicone e dell'Imperatore Onorio furono interrotti dall'improvvisa invasione delle orde di Radagaiso. Orosio nominò 200.000 barbari sotto Radagaiso, Zosimo aumentò il loro numero a 400.000 e Agostino fece semplicemente notare[8] che solo nel suo esercito c'erano più di 100.000 morti. Gli storici moderni stimano il numero di guerrieri a Radagaiso da 20 a 50mila[9][10].

Poiché le orde barbariche tutte insieme non potevano nutrirsi, si divisero in tre parti e avanzarono lentamente su Roma. Per la prima volta in 600 anni, c'era un serio pericolo per la capitale dell'impero. I sentimenti anticristiani cominciarono a diffondersi tra la popolazione di Roma:

(LA)

«Cum praesidia Romanorum minaretur, dubia omnium gen- tium urbem circumibat: hostes venerant, potentes et copiarum copiae et auxilio deis agentes, et urbs desperata res est; promptus ad cadendum, quia deorum et sacrificiorum oblitus est. Omnia lamentis plena lamentis, confestimque de resumptione et sollempnitate sacrificiorum facta, indignabantur per urbem impii, et nomen Christi ubique blasphemabatur.»

(IT)

«Quando minacciò le fortezze romane, i dubbi di tutti i pagani fecero il giro della città: arrivò il nemico, potente sia grazie all'abbondanza di forze sia grazie all'appoggio degli dei, e la città è quindi in una situazione disperata ed è pronta a cadere, perché ha dimenticato gli dei e i sacrifici. Tutto si riempì di lamentosi lamenti, e subito si parlò della ripresa e dell'esecuzione solenne dei sacrifici, i malvagi si indignarono per tutta la città, e il nome di Cristo fu bestemmiato dappertutto.»

(Paolo Orosio, Le storie contro i pagani)
La cattura di Radagaiso.

Stilicone riuscì a raccogliere 30 coorti[2] (circa 15mila soldati) dalla Liguria, attirò unità di cavalleria di Uldino e di Sara[11]. La pericolosità della situazione è testimoniata da un articolo del Codice di Teodosio, che consentiva la liberazione degli schiavi con il loro successivo arruolamento nell'esercito[12].

Stilicone entrò nella mischia quando i barbari assediarono Firenze. Riuscì a guidarli per diversi chilometri dalla città fino alle alture rocciose di Fiesole, dove assunsero una posizione inespugnabile. Stilicone circondò le alture con una linea di fortificazioni. Costretti dalla fame e dalla sete, i barbari entrarono in battaglia, ma furono respinti. Quindi Radagaiso capitolò a condizione di salvargli la vita.

Stilicone vendette la maggior parte dei barbari come schiavi (la maggior parte di loro morì presto per esaurimento e malattia), secondo Orosio, «il numero dei Goti prigionieri era così grande che folle di persone vendevano ovunque come il bestiame più economico, un oro per ciascuno». Stilicone includeva nella sua guardia 12.000 guerrieri gotici selezionati[13].

Lo stesso Radagaiso fu giustiziato il 23 agosto 406 insieme a suo figlio, Krusko, presso Firenze[14].

Etnia di Radagaiso[modifica | modifica wikitesto]

I contemporanei dell'invasione di Radagaiso (Orosio, Olimpiodoro, Agostino, Prosper, Cronaca gallica del 452) non nominano la sua etnia, ma notano che i Goti erano sotto il suo comando. Orosio, per sottolineare la ferocia di Radagaiso rispetto ai noti Goti di Alarico I, chiama il primo uno Scita, sottolineando nel contesto non tanto l'etnia quanto il grado di barbarie. Gli storici successivi (Marcellino Illirico) ripetono Orosio senza il suo contesto, chiamando semplicemente Radagaisus uno Scita, commettendo un errore storico colossale[15].

Lo storico del XVIII secolo Edward Gibbon, nella sua popolare "Storia della decadenza e della caduta dell'Impero romano", collega il nome di Radagaiso al nome di uno sovrano Obodrita slavo, Radegast, noto dalle testimonianze dell'XI secolo . A sostegno della sua ipotesi, Gibbon cita solo la vicinanza fonetica dei nomi. Lo storico della prima metà del XX secolo, John Bagnell Bury, ritiene che Radagaiso abbia portato le tribù ostrogote dalle rive del Dnestr[16].

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Ivan Buchgol'z ed Edward Gibbon connetterono Radagaiso al Sovrano Obodrita Radegast I, ed a suo figlio, Vislav[17][18][19]:

  • Radagaiso (circa 335 – 23 agosto 406)
    • Krusko (351/352 – 23 agosto 406)
      • Fredebaldo (370 – 449)
        • Gunderico (circa 395 –459)
          • Genserico (428 – 477)
            • Vislav II (circa 450 – 486)
              • Alberico II (circa 470 – 508)
                • Alberico III (486 – 526)
                  • Jean I (circa 520 - 618)
    • Godigisel (359 – 31 dicembre 406)
      • Gunderico (379 – 428)
        • Gelimero
          • Trasmondo
        • figlia
      • Genserico (389 – 25 gennaio 477)
        • Unnerico (420 – 23 dicembre 484)
          • Ilderico (460 – 533)
          • Omero (474 – 530)
            • Gosvinta (circa 520 – 582)
          • Hilda (483 – 548)
        • Gentone (circa 430 – 477)
          • Gutemondo (circa 450 – 496)
          • Trasmondo (circa 450 – 6 maggio 523)
          • Geilaris (451 – 483)
            • Gelimero (circa 480 – 553)
            • figlia
              • figlio
            • Ammato (circa 485 – 13 settembre 533)
              • Gibamondo
            • Zazo (489 – 15 dicembre 533)
          • Godagiso (466 – 492/495)
        • Teodorico (423 – 477)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ P. J. Heather, La caduta dell'impero romano : una nuova storia, Garzanti, 2008c2006, ISBN 978-88-11-68090-1, OCLC 1091936905. URL consultato il 16 giugno 2022.
  2. ^ a b ZOSIMO., Storia nuova : / ZOSIMOConsul. per la trad. di Francesco Maspero ; Fabrizio Conca., Rusconi, 1977, OCLC 1088815791. URL consultato il 16 giugno 2022.
  3. ^ Г Реймова, К вопросу переходности глаголов, in Ренессанс в парадигме новаций образования и технологий в XXI веке, n. 1, 30 maggio 2022, pp. 95–96, DOI:10.47689/innovations-in-edu-vol-iss1-pp95-96. URL consultato il 16 giugno 2022.
  4. ^ Giordane, 6º sec., Iordanis Romana et Getica, Monumenta Germaniae Historica, 1982, ISBN 3-921575-17-6, OCLC 878319414. URL consultato il 16 giugno 2022.
  5. ^ Jean-Luc Vix, La portée rhétorique et littéraire des Prolaliai chez Lucien, dans Herodotus, Scytha et Harmonides, in Nuntius Antiquus, vol. 9, n. 2, 31 dicembre 2013, pp. 9–40, DOI:10.17851/1983-3636.9.2.9-40. URL consultato il 16 giugno 2022.
  6. ^ Orosius, Paulus., Pauli Orosii presbyteri hispani, Adversus paganos historiarum libri septem ad fidem recensionis Sigeberti Havercampi cum eiusdem et aliorum notis integris et cum indice rerum et nominum., E. Lambec, 1877, OCLC 874762163. URL consultato il 16 giugno 2022.
  7. ^ The geographical introduction to theHistoriarum adversus paganos libri septemof Orosius. Orosius, Hist.<scp>i</scp>.1–106, in History and Geography in Late Antiquity, 11 agosto 2005, pp. 313–320, DOI:10.1017/cbo9780511496370.009. URL consultato il 16 giugno 2022.
  8. ^ De Civitate Dei, Liverpool University Press, 30 settembre 2009, pp. 15–110. URL consultato il 16 giugno 2022.
  9. ^ P. J. Heather, The fall of the Roman Empire : a new history of Rome and the Barbarians, Oxford University Press, 2006, ISBN 978-0-19-997861-8, OCLC 806039879. URL consultato il 16 giugno 2022.
  10. ^ J. B. Bury, A History of the Later Roman Empire, Cambridge University Press, 5 marzo 2015, ISBN 978-1-108-08317-1. URL consultato il 16 giugno 2022.
  11. ^ Анастасия ГАНИЧ, Муфтият, которого не было, in Ab Imperio, vol. 2011, n. 4, 2011, pp. 261–278, DOI:10.1353/imp.2011.0027. URL consultato il 16 giugno 2022.
  12. ^ De Giovanni, Lucio., Chiesa e stato nel codice teodosiano, D' Auria, 2000, ISBN 88-7092-183-2, OCLC 849041095. URL consultato il 16 giugno 2022.
  13. ^ Baldini, Antonio., Ricerche di tarda storiografia (da Olimpiodoro di Tebe), Pàtron, 2004, OCLC 607415372. URL consultato il 16 giugno 2022.
  14. ^ Schreiber, Hermann, in Benezit Dictionary of Artists, Oxford University Press, 31 ottobre 2011. URL consultato il 16 giugno 2022.
  15. ^ J. B. Bury: History of the Later Roman Empire • Vol. 1 Chap. V, su penelope.uchicago.edu. URL consultato il 16 giugno 2022.
  16. ^ (EN) eBooks@Adelaide has now officially closed, su University Library | University of Adelaide. URL consultato il 16 giugno 2022.
  17. ^ ВАНДАЛЫ, su goodoldrex.narod.ru. URL consultato il 15 giugno 2022.
  18. ^ Шедий e Mariya Shediy, CORRUPTIONALIZATION OF POWER AS A FACTOR OF DEFORMATION OF GOVERNMENT, in Journal of Public and Municipal Administration, vol. 4, n. 2, 25 giugno 2015, pp. 68–84, DOI:10.12737/13175. URL consultato il 15 giugno 2022.
  19. ^ В. Б. Дорохов, Р. Г. Кожедуб e Г. Н. Арсеньев, Применение методики однодневного обучения в тесте Морриса для анализа влияния депривации сна на способность к воспроизведению памятных следов через 1 сутки после обучения, in Журнал высшей нервной деятельности им. И. В. Павлова, vol. 64, n. 6, 2014, pp. 702–711, DOI:10.7868/s0044467714060045. URL consultato il 15 giugno 2022.
  20. ^ История ободритов, su old-earth.narod.ru. URL consultato il 15 giugno 2022.
  21. ^ ВАНДАЛЫ, su goodoldrex.narod.ru. URL consultato il 15 giugno 2022.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN89949234 · CERL cnp01176407 · GND (DE138403341