Rec 2

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da REC 2)
Jump to navigation Jump to search
Rec 2
Rec 2.png
Oscar Sánchez Zafra e Jonathan Mellor
in una scena del film
Titolo originale[•REC²]
Lingua originalespagnolo
Paese di produzioneSpagna
Anno2009
Durata85 min
Rapporto1,85:1
Genereorrore
RegiaJaume Balagueró, Paco Plaza
SceneggiaturaJaume Balagueró, Manu Díez, Paco Plaza
ProduttoreJulio Fernández
Produttore esecutivoJulio Fernández, Carlos Fernández, Alberto Marini
Casa di produzioneFilmax, Canal + España, Castelao Productions
Distribuzione in italianoMediafilm
FotografiaPablo Rosso
MontaggioDavid Gallart
Effetti specialiAlex Villagrasa
ScenografiaGemma Fauría
CostumiGloria Viguer
TruccoDavid Ambit
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Rec 2 (reso graficamente come [•REC]²) è un film horror spagnolo del 2009 diretto da Jaume Balagueró e Paco Plaza, già registi del primo capitolo distribuito nel 2007.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Una squadra G.E.O. (l'unità d'élite della polizia spagnola) viene chiamata a raccolta per intervenire ed entrare, assieme al dottor Owen, funzionario del Ministero della Salute, nel palazzo di Barcellona posto scrupolosamente in quarantena in seguito alla propagazione di un pericolosissimo virus. Il dottor Owen è in realtà un sacerdote esorcista, inviato dal Vaticano per recuperare un campione di sangue di Tristana Medeiros (una bambina portoghese che a 11 anni cominciò a manifestare i primi sintomi di una possessione demoniaca, e della quale padre Albelda se ne prese carico per studiare i sintomi fisiologici della possessione), con il quale si potrebbe ricavare un antidoto al virus. I membri della squadra G.E.O. si rendono conto di non aver alcuna possibilità di andarsene, poiché per uscire dall'edificio occorre un riconoscimento vocale del sacerdote che autorizzi la fine della missione, e padre Owen non è disposto a dar l'ordine senza aver prima ottenuto il sangue. La squadra G.E.O. subisce vari attacchi da parte di alcuni degli inquilini infetti del condominio; mentre gettano dalla balaustra un infetto che li stava attaccando, si accorgono della presenza di altre persone sane nell'edificio, munite di videocamera, e vanno a cercarle.

Durante gli attacchi la squadra G.E.O. perde due dei suoi componenti: Martos viene posseduto e successivamente imprigionato in una stanza, sulla cui porta padre Owen pianta un coltello e vi appende un crocifisso, mentre Larra si suicida, accerchiato dagli inquilini infetti; rimangono il capo Fernández e Rosso. Dopo aver accettato il fatto che l'unico modo per andarsene è trovare il sangue, tornano nell'attico per trovare quello che stavano cercando: nel laboratorio riescono a trovare una fiala con il sangue di Tristana che, durante la procedura di verifica effettuata da padre Owen, prende fuoco facendo rompere la provetta e lasciando come ultima risorsa trovare proprio Tristana per prelevare direttamente da lei un altro campione. È allora che padre Owen rivela agli altri di essere un esorcista.

Attraverso una registrazione fatta da una telecamera diversa, si scopre che i civili introdottisi nell'edificio sono un trio di adolescenti ribelli (Mire, Tito e Ori) che hanno seguito uno dei pompieri che era rimasto fuori dall'edificio e un inquilino (il padre di Jennifer) attraverso i condotti fognari. Una volta dentro i ragazzi si uniscono al pompiere e all'uomo, ma quando si accorgono che qualcosa non va e cercano di scappare, trovano il tombino già sigillato dalla polizia: tutte le vie d'ingresso e d'uscita del palazzo infatti sono state bloccate. I ragazzi, accompagnati dal padre di Jennifer nel suo appartamento, si imbattono in sua moglie Mari, che li aggredisce ma viene uccisa; il pompiere viene attaccato da Martos e ucciso accidentalmente da Mire, che spara a Martos subito dopo.

Padre Owen, Fernández e Rosso uccidono padre di Jennifer, ormai infettato, e cercano di capire cosa sia successo nell'appartamento. Il giovane Tito, anch'egli infettato dopo essere stato morso da Martos, viene immobilizzato e, dopo aver rinchiuso in una stanza gli altri due, viene interrogato dal sacerdote per sapere dove si trova Tristana; a sorpresa appare Ángela, scioccata ma sana e salva, stringendo a sé la telecamera di Pablo. Il gruppo quindi apprende, dalle risposte criptiche di un posseduto Tito, e con l'aiuto di Ángela, che Tristana si trova nell'attico, dove alcune aree sono accessibili solo nella totale oscurità ad eccezione della visione notturna.

Saliti nuovamente nell'attico individuano Tristana, che però li scopre e uccide Fernández. Ángela uccide Tristana sparandole alla testa con un fucile da caccia facendo disperare padre Owen, il quale aveva bisogno di un campione del sangue di Tristana da viva. I due iniziano a litigare, e un'infuriata Ángela ordina al sacerdote di dare l'ordine per l'evacuazione il prima possibile, ma padre Owen rifiuta e lei lo aggredisce. Rosso protesta e la minaccia, ma Ángela lo uccide sparandogli; la telecamera cade a terra e continua a registrare Ángela mentre, con risata diabolica, rende chiaro che ora è lei l'ospite del demone che causa la possessione. Ángela uccide padre Owen sbattendogli la testa sul pavimento, dopodiché imita la sua voce dando l'ordine per l'evacuazione e sostenendo che lui rimane perché è infetto e che l'unica sopravvissuta è una donna. Quando l'operatrice domanda come sia possibile che ci sia un'unica sopravvissuta, Ángela si volta verso la telecamera che, guastandosi, rivela cosa le è successo subito dopo essere stata catturata da Tristana: invece di ucciderla, il mostro ha trasmesso attraverso la bocca un organismo vermiforme, origine della malattia; dopo aver sentito la squadra G.E.O. arrivare, Ángela si è nascosta.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese si sono svolte dal 10 novembre[1] al 24 dicembre 2008 in un palazzo della via Rambla de Catalunya al civico 34, presso cui è stato girato anche il primo film.

La trama del film è stata concepita durante la promozione mondiale di Rec, nella speranza di fornire risposte a sottotrame e misteri irrisolti che erano spesso dibattuti dal pubblico.[2] La storia inizia a poco tempo di distanza dal capitolo precedente.

Il direttore della fotografia Pablo Rosso interpreta Rosso, un soldato incaricato delle riprese video (mentre in Rec interpreta il cameraman Pablo, collega di Ángela). Qui le prospettive (diversamente dal primo film che sfruttava solo il punto di vista di Pablo) sono tre: le telecamere utilizzate dalla G.E.O., quella degli adolescenti e quella professionale dei protagonisti di Rec.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il lungometraggio è stato presentato fuori concorso, durante la proiezione di mezzanotte, alla 66ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia il 2 settembre 2009.[3][4][5] È stato distribuito in Spagna il 2 ottobre successivo, e in Italia il 5 gennaio 2010 da Mediafilm.[6] Il doppiaggio italiano è stato effettuato presso lo Studio Asci di Milano, con la direzione e l'adattamento dei dialoghi a cura di Antonello Governale,[6] come già successo con Rec.[7]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato accolto positivamente dalla critica cinematografica. Sull'aggregatore Rotten Tomatoes detiene un percentuale di gradimento dell 68% sulla base di 72 recensioni, con un voto ponderato di 6,21 su 10 e un consenso generale che ne apprezza il fatto di aver saputo conservare l'atmosfera agghiacciante di Rec, seppur in mancanza della sorprendente scossa del primo capitolo.[8] Su Metacritic il punteggio ottenuto è di 52 su 100, corrispondente a «recensioni miste o medie», sulla base di 13 recensioni.[9]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Sequel[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2012 è uscito Rec 3 - La genesi, diretto solo da Paco Plaza, in cui viene mostrata la propagazione del contagio e i cui eventi si svolgono parallelamente al primo capitolo.

Nel 2014 è infine uscito l'ultimo film della serie, Rec 4: Apocalypse, diretto solo da Jaume Balagueró, che mostra l'esito del contagio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (ES) Comienza en rodaje de '[REC 2]', su Fotogramas, 7 novembre 2008. URL consultato il 7 dicembre 2020.
  2. ^ (ES) Comienza en Barcelona el rodaje de 'Rec 2', su Heraldo, 7 novembre 2008. URL consultato il 7 dicembre 2020.
  3. ^ Claudia Morgoglione, Che il terrore abbia inizio con gli zombie di "Rec 2", su la Repubblica, 2 settembre 2007. URL consultato il 7 dicembre 2020.
  4. ^ Elio Ugenti, VENEZIA 66 – "Trasformare l'edificio infetto in un mondo altro". Incontro con Jaume Balaguerò, REC 2, su Sentieri selvaggi, 2 settembre 2020. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  5. ^ Boris Sollazzo, Consensi per Tornatore, Diverte l'horror di Rec 2, su Il Sole 24 Ore, 2 settembre 2009. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  6. ^ a b REC 2, su Il mondo dei doppiatori, AntonioGenna.net.
  7. ^ Rec, su su Il mondo dei doppiatori, Antonio Genna.
  8. ^ (EN) REC 2, su Rotten Tomatoes, Fandango Media, LLC. URL consultato il 7 dicembre 2020. Modifica su Wikidata
  9. ^ (EN) Rec 2, su su Metacritic, CBS Interactive Inc. URL consultato il 7 dicembre 2020.
  10. ^ (ENCAES) Sitges - 42Ed. Festival Internacional de Catalunya, su sitgesfilmfestival.com. URL consultato il 7 dicembre 2020.
  11. ^ Fabio Fusco, Fantasy Horror Award, premiato REC 2, su Movieplayer.it, 22 marzo 2010. URL consultato il 22 marzo 2010.
  12. ^ (ESCAEN) Galardonadas - II Premios Gaudí, su academiadelcinema.cat. URL consultato il 7 dicembre 2020.
  13. ^ (ES) [REC] 2, su premiosgoya.com. URL consultato il 7 dicembre 2020.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema