Proiezione conica equidistante

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carta tolemaica basata sulla proiezione conica equidistante

La proiezione conica equidistante è una proiezione cartografica di sviluppo conica elaborata sin dall'antichità classica, ed in effetti corrisponde alla prima proiezione proposta da Tolomeo.[1] La forma definitiva della proiezione fu raggiunta dal cartografo francese Guillaume Delisle nel 1745[2].

La proiezione conica equidistante ha l'utile proprietà che le distanze lungo i meridiani sono conservate in proporzione. Anche le distanze lungo i due paralleli "standard" scelti dal cartografo per costruire la carta, sono conservate in modo proporzionale ed i due paralleli sono privi di distorsioni.

Questa proiezione è spesso utilizzata per rappresentare aree geografiche allungate in senso est-ovest, e i paralleli "standard" sono scelti a un sesto dal margine meridionale e a un sesto dal margine settentrionale dell'area da rappresentare. In questo modo la distorsione è minimizzata nella regione che interessa.

Formule[modifica | modifica wikitesto]

Il mondo rappresentato con la proiezione conica equidistante. Sono stati scelti come paralleli "standard" il 20°N e il 60°N

In questa proiezione si stabilisce un punto "assiale" sulla superficie della sfera, corrispondente alla direzione dell'asse del cono. Nella descrizione che segue ci si riferisce alla Terra e il punto "assiale" è il Polo Nord, tuttavia mutatis mutandis il discorso vale anche per un'altra sfera e/o per un altro punto "assiale".

Con:

  • r la distanza sulla carta dal centro dell'arco di cerchio
  • R il raggio terrestre
  • α l'angolo inscritto espresso in radianti che insiste sull'arco che va da un punto sulla Terra al punto "assiale", cioè la distanza sulla Terra divisa per R (quando il Polo Nord viene scelto come punto "assiale", indicando con la latitudine espressa in radianti, vale: ).
  • s la scala lungo il raggio[3], che è allo stesso tempo la scala lungo i paralleli standard.
  • n il numero di gradi sessagesimali (generalmente compreso fra 0 e 1) in cui viene raffigurato sulla carta un grado di longitudine sferica; l'intera carta sarà costituita perciò da un settore circolare di 360 n gradi
  • il raggio sulla carta dell'arco di cerchio che rappresenta il Polo Nord:

Il raggio dell'arco di cerchio sulla carta che rappresenta il Polo Sud è quindi:

Casi limite[modifica | modifica wikitesto]

Quando entrambi i paralleli "standard" coincidono con il Polo Nord abbiamo la proiezione azimutale equidistante. Al limite abbiamo n = 1 e .

Quando i paralleli "standard" abbiano lo stesso grado di latitudine, ma uno Nord e l'altro Sud, abbiamo la proiezione cilindrica equidistante al limite perciò n va a 0 e a infinito, e abbiamo y come coordinata parallela all'asse del cilindro:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ John P. Snyder, Flattening the Earth: 2000 Years of Map Projections, University of Chicago Press, 1993, p. 11, ISBN 0-226-76746-9.
  2. ^ Rankin Bill, Radical cartography, 2006 Projection reference
  3. ^ La scala 1:1000 può per esempio essere espressa anche con il numero 0,001.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]