Pinus ayacahuite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Pino bianco messicano
Mexican White Pine.jpg
Pinus ayacahuite
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Sottoregno Tracheobionta
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Pinophyta
Classe Pinopsida
Ordine Pinales
Famiglia Pinaceae
Genere Pinus
Sottogenere Strobus
Specie P. ayacahuite
Nomenclatura binomiale
Pinus ayacahuite
Ehrenb. ex Schltdl.
Nomi comuni

Pino messicano

Areale

Pinus ayacahuite range map 1.png

     Aree di diffusione

Il pino bianco messicano (Pinus (Strobus) ayacahuite Ehrenb. ex Schltdl.) è un albero appartenente alla famiglia Pinaceae[2] originario dell'America Centrale.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Portamento[modifica | modifica wikitesto]

Il portamento è arboreo; può raggiungere i 35-40 m d'altezza. La forma è a cono largo.

Corteccia[modifica | modifica wikitesto]

La corteccia è grigia, molto ruvida e presenta fessure piuttosto evidenti.

Foglie[modifica | modifica wikitesto]

Le foglie sono aghiformi, sottili e slanciate; di colore blu-verde, possono essere lunghe fino a 15 cm e sono raccolte in gruppi di cinque, portati su rami pelosi di colore giallo-marrone.[senza fonte]

Dettaglio delle foglie e di un giovane cono

Strobili[modifica | modifica wikitesto]

Dettaglio dei grandi coni di P. ayacahuite

Gli strobili hanno forma cilindrica; quelli maschili sono gialli, quelli femminili rossi; si trovano raccolti in grappoli separati sui rami giovani ad inizio estate. Sono lunghi circa 15 cm e penduli; sono inoltre piuttosto resinosi. I semi sono lunghi circa 6-8 mm e hanno un'ala lunga circa 2 cm.[senza fonte]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Il pino bianco messicano è diffuso soprattutto in Messico (negli stati di Guerrero, Oaxaca, Chiapas e Veracruz) e in Guatemala, ma lo si può trovare anche in Honduras e El Salvador.[1]

È un albero di montagna che cresce in zone soleggiate e relativamente umide con discrete precipitazioni estive, sebbene le popolazioni più orientali e meridionali si trovino in zone ben più umide. Necessita di terreni ben drenati.

Avversità[modifica | modifica wikitesto]

È un albero moderatamente sensibile al fungo parassita Cronatrium ribicola, sebbene sia più resistente ad esso rispetto ad altre conifere del continente americano.[senza fonte]

Usi[modifica | modifica wikitesto]

Sebbene sia originario di zone prettamente tropicali (poiché il suo areale si trova interamente a sud del Tropico del Cancro) è in grado di tollerare anche temperature decisamente basse.[senza fonte]

È coltivato come pianta ornamentale ma anche a scopo commerciale per l'industria della carta in varie parti del mondo, in aree sia tropicali che temperate: sui rilievi del Kenya, della Tanzania e dell'Angola, in Sudafrica, nel Brasile meridionale, nel nord dell'India, in Argentina, Australia e Nuova Zelanda. Nelle Isole Britanniche e negli Stati Uniti è coltivato solo a scopo ornamentale e lo si può trovare in parchi e giardini.[senza fonte]

Il legname ricavato dal pino bianco messicano è utilizzato nella costruzione di mobili.[senza fonte]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Farjon, A. 2013, Pinus ayacahuite, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2019.2, IUCN, 2019. URL consultato il 4 febbraio 2015.
  2. ^ (EN) Pinus ayacahuite, The Plant List. URL consultato il 4 febbraio 2015.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Alberi - Guida fotografica a oltre 500 specie di alberi di tutto il mondo, Allen J. Coombes, ed. Dorling Kindersley, ISBN 88-88666-71-0
  • Dvorak, W. S., G. R. Hodge, E. A. Gutiérrez, L. F. Osorio, F. S. Malan and T. K. Stanger. 2000. Pinus tecunumanii. In: Conservation and Testing of Tropical and Subtropical Forest Species by the CAMCORE Cooperative. College of Natural Resources, NCSU. Raleigh, NC. USA.
  • Richardson D.M. (Ed) 2005. Ecology and biogeography of Pinus. Department of Conservation. South Island Wilding Conifer Strategy. New Zealand.
  • Chandler, N.G. Pulpwood plantations in South Africa. Proc. Aust. Paper Indus. Tech. Ass.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]