Pietro Mignosi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pietro Mignosi

Pietro Mignosi (Palermo, 28 giugno 1895Milano, 15 luglio 1937) è stato un filosofo, critico letterario, docente e scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Conseguito il diploma di maturità vince il concorso per le segreterie e cancellerie dello Stato. Nonostante ciò non abbandona gli studi e prosegue frequentando l'Università fino alla prima guerra mondiale, dove conseguirà poi anche la libera docenza.

Divenuto insegnante di storia e filosofia, inizia a lavorare presso il Liceo classico Vittorio Emanuele II di Palermo. In seguito nel 1936 si trasferisce a Milano, dove rimarrà fino alla morte, occupando la cattedra dell'Università Cattolica. Era anche giornalista, critico letterario e autore di molte opere narrative e poesie. Inoltre ha militato in diverse associazioni cattoliche e nel 1928 ha fondato la rivista La Tradizione, cui collaborarono molti personaggi di spicco dell'epoca tra cui il vescovo Mons. Giuseppe Petralia. Il suo archivio è conservato presso il Centro per gli studi sulla tradizione manoscritta di autori moderni e contemporanei dell’Università di Pavia[1].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Tra le sue opere, di filosofia: L'unità filosofica (1920), Critica dell'identità (1926), Conoscenza e trascendenza (1927), e Ragione e rivelazione (1930); di critica letteraria: L'eredità dell'Ottocento (1925), La poesia italiana di questo secolo (1929) e Il segreto di Pirandello (1937); infine di narrativa il romanzo Gioia d'agave (1934).

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

In suo onore è stato istituito nel 2007 il Premio Letterario Internazionale Pietro Mignosi. A lui è, inoltre, intitolato un liceo classico paritario sito in Viale Regina Margherita 28 a Caltanissetta.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mignosi, Pietro (1913 - 1937), su lombardiarchivi.servizirl.it.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN61705376 · ISNI (EN0000 0001 0907 7635 · SBN RAVV070283 · BAV 495/107649 · LCCN (ENn90626387 · GND (DE119129329 · BNF (FRcb13525742x (data) · J9U (ENHE987007280211305171 · WorldCat Identities (ENlccn-n90626387