Pietro Gonzaga

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Pietro Gonzaga, detto Pietro (di) Gottardo (Longarone, 25 marzo 1751San Pietroburgo, 25 luglio o 6 agosto 1831), è stato un pittore e scenografo italiano.

Decorazione della Torre Nikolskaja del Cremlino di Mosca

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque da Francesco e dalla nobildonna bellunese Anna Grini.

Si formò inizialmente presso il padre, decoratore di case private e palazzi pubblici nonché scenografo teatrale. Nel 1767 collaborò con i Galli da Bibbiena (in particolare con Antonio Luigi) nella ricostruzione del teatro Onigo di Treviso e li affiancò anche nel periodo successivo. In seguito il padre volle impartirgli una formazione solida basata sullo studio della prospettiva e lo inviò a Venezia presso Giuseppe Moretti e Antonio Visentini, seguaci del Canaletto.

Favorito dall'ambiente artistico lagunare, ma anche dal successo che incontrava la veduta scenografica a prospettiva angolare grazie a Giovan Battista Piranesi, nel 1772 si spostò a Milano al servizio dei fratelli Galliari. Questi ultimi stavano attraversando un periodo di grande fortuna grazie ai contratti con il teatro alla Scala di Milano e con i teatri Regio e Carignano di Torino.

Grazie alla fama conseguita, nel 1786 fu chiamato in Russia da Giacomo Quarenghi, il quale cercava uno scenografo per il teatro all'Ermitage di San Pietroburgo. Il progetto si concretizzò solo nel 1792 quando firmò un contratto proposto dal principe Nikolaj Borisovič Jusupov, direttore dei Teatri Imperiali.

Le sue considerazioni teoriche sulla scenografia sono contenute nel lavoro Musique pour les yeux et l'optique théâtrale.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • (FR) La Musique pour les yeux et l'optique théâtrale -. Opuscules Tires d'un più grande ouvrage sur le sens commun par Sir Thomas witth Traduit de N. Al., Saint-Petersbourg, Imprimerie Nationale [1800], seconde édition 1807.

Letteratura[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN22354238 · ISNI (EN0000 0000 6656 9903 · LCCN (ENn88134199 · GND (DE118718118 · BNF (FRcb143050651 (data) · ULAN (EN500005796 · CERL cnp00586274