Peyo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Pierre Culliford)
Jump to navigation Jump to search
Peyo nel 1990

Peyo, nome d'arte di Pierre Culliford (Bruxelles, 25 giugno 1928Bruxelles, 24 dicembre 1992), è stato un fumettista belga, creatore dei Puffi.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Padre inglese e madre belga, Peyo nacque a Bruxelles. Scelse il suo pseudonimo dalla parola Pierrot, mal pronunciata da un cugino inglese.

Appassionato fumettista, si avvicinò a quest'arte prima dello scoppio della seconda guerra mondiale, frequentando artisti quali Morris, André Franquin e Eddy Paape che diventeranno suoi colleghi nella storica rivista Spirou. Nel 1952 Peyo vi debuttò introdotto da Franquin, occupato con il fumetto più importante del settimanale. A quel punto Peyo reimpostò in modo innovativo una vecchia serie che aveva già sperimentato dal 1949 su Le Soir, raccontando le avventure medievali e fiabesche del giovane Johan. Dopo averne riveduto il look, lo affiancò con successo per la prima volta al piccolo e vivace Pirlouit, che divenne il personaggio principale del ciclo.

Nel 1958 fu la volta dei Puffi (Les Schtroumpfs) il cui immenso successo non impedì a Peyo di concentrarsi anche su altre creazioni come, nel 1960, Benoit Brisefer e Jacky et Cèlestin (1961), del quale è solamente sceneggiatore. Intanto, nel 1959 Peyo aveva cominciato a occuparsi di disegni animati, realizzando un ciclo di sette episodi con i Puffi tramite lo studio TVA Dupuis. Questi film, in bianco e nero e a colori, servirebbero di base per un lungo ciclo televisivo, in onda dal 1981. Realizzato per la rete americana NBC in coproduzione con la famossima casa americana Hanna-Barbera e la S.E.P.P., reca il nome assegnato in inglese ai Puffi: The Smurfs. Creata la propria società, Cartoon Creation, nel 1989 Peyo lanciò la rivista Schtroumpfs, a cui segue la realizzazione di un parco tematico vicino a Metz, a Hagondange, che dal 1991 prende il nome di Walibi-Schtroumpfs.

Morì prematuramente a Bruxelles per un grosso infarto, a soli 64 anni.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN95155932 · ISNI (EN0000 0003 6864 5692 · SBN IT\ICCU\RAVV\071791 · LCCN (ENn82047405 · GND (DE109062353 · BNF (FRcb11919471v (data)