I Puffi neri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Fumetto e animazione}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.

I puffi neri (in lingua originale, Les Schtroumpfs noirs) è il primo album della serie a fumetti dei Puffi, personaggi creati da Peyo, fumettista belga, e Yvan Delporte, giornalista belga. L'album, pubblicato per la prima volta nel 1963, contiene anche altre due storie: Il puffo volante e Il ladro di puffi. La prima delle tre storie è stata adattata per il 24º episodio della prima serie della versione animata in cui la produzione americana, per evitare di incorrere in accuse razziste, trasforma i puffi neri in puffi viola.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

In un paese lontano, con case a forma di fungo, vive un popolo di creature blu, simili a gnomi, i puffi.
Uno di questi esseri, recatosi in una foresta, viene punto da un insetto nero, la mosca Nenè. La pelle di questo puffo diventa immediatamente nera (viola, nella serie animata), e il puffo diventa aggressivo, apparentemente folle, comincia a digrignare i denti, e pronuncia esclusivamente la parola "GNAP". Il Grande Puffo ricorda che quando era ancora giovane, aveva appena compiuto 108 anni si era verificato un caso simile, ma non ricorda più la ricetta della medicina che aveva puffato. Si scopre subito, però, che questo nuovo puffo nero è contagioso: se morde la coda ad un altro puffo, anche quest'ultimo puffo diventa nero, ed assume tutte le altre caratteristiche sopra descritte.
Dopo lunghi tentativi, mentre nel frattempo una gran parte dei 100 puffi è diventata nera, il Grande Puffo scopre finalmente che il polline della tuberosa funge da antidoto alla malattia, e rende blu perfino la mosca Nenè. Viene ingaggiata quindi una tremenda battaglia, a suon di morsi da una parte, e di soffietti riempiti di polline di tuberosa dall'altra, fra i puffi neri e i puffi blu, ormai rimasti solamente in 10.
Quando sembra che i puffi blu stiano per avere la meglio, un puffo nero ha l'idea diabolica di dipingere di blu la propria pelle, e si mescola ai puffi blu, mordendoli e facendoli diventare neri.

« La battaglia è terribile! I puffi neri diventano blu, ma vengono subito morsicati e diventano di nuovo neri. Il falso puffo blu continua a morsicare a tradimento e non restano che sei puffi blu... »

Alla fine, anche il Grande Puffo viene morso; tutti i puffi sono ormai neri... ma la salvezza giunge inaspettatamente dal cielo: La casa di Grande Puffo si incendia e il fuoco fa esplodere l'antidoto, che si sparge su tutto il villaggio. Tutti i puffi guariscono e possono preparare la loro meritata festa.

fumetti Portale Fumetti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fumetti