Pierdonato Cesi (1522-1586)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pierdonato Cesi
cardinale di Santa Romana Chiesa
CardinalCoA PioM.svg
 
Incarichi ricopertiAmministratore apostolico di Narni
Cardinale presbitero di Santa Barbara
Cardinale presbitero dei Santi Vitale, Valeria, Gervasio e Protasio
Cardinale presbitero di Sant'Anastasia
 
Nato13 maggio 1522, Roma
Creato cardinale17 maggio 1570 da papa Pio V
Deceduto29 settembre 1586, Roma
 

Pierdonato Cesi (Roma, 13 maggio 1522Roma, 29 settembre 1586) è stato un cardinale italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque da una nobile famiglia romana: era imparentato con i cardinali Paolo Emilio Cesi, Federico Cesi, Bartolomeo Cesi e Pierdonato Cesi iuniore. Compì gli studi all'Università di Ferrara, all'Università di Perugia, quindi all'Università di Bologna, e ancora a Ferrara, dove conseguì la laurea in giurisprudenza.

Tornò a Roma, dove entrò nella Corte del cardinale Federico Cesi e nella Curia romana, con l'incarico di referendario del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica.

Il 25 giugno 1546 fu nominato amministratore apostolico della diocesi di Narni, incarico che mantenne fino al 12 luglio 1566. Nel frattempo ebbe vari governatorati nelle città dello Stato Pontificio: governatore di Romagna, poi vicelegato a Bologna, governatore a Civitavecchia, cardinale legato a Bologna e di nuovo a Civitavecchia.

Il 17 maggio 1570 papa Pio V lo creò cardinale e ricevette il titolo di Santa Barbara. Il 16 luglio 1570 optò per il titolo dei Santi Vitale, Valeria, Gervasio e Protasio. Il 28 maggio 1584 optò per il titolo di Sant'Anastasia.

Partecipò ai conclavi del 1572 e del 1584, che elessero rispettivamente papa Gregorio XIII e papa Sisto V.

Assieme al fratello Angelo Cesi, contribuì a finanziare i lavori alla chiesa di Santa Maria in Vallicella a Roma, detta tradizionalmente Chiesa Nuova, ove venne sepolto dopo la morte.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN5809319 · ISNI (EN0000 0000 5043 0982 · LCCN (ENnr2004032470 · GND (DE122239598 · CERL cnp01232945