Pasquale Casillo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Pasquale Casillo (San Giuseppe Vesuviano, 15 ottobre 1948[1]Lucera, 8 settembre 2020) è stato un imprenditore e dirigente sportivo italiano.

Pasquale Casillo

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era figlio di Gennaro Casillo, imprenditore della frutta secca e dei cereali.[2]

È morto l'8 settembre 2020 all'ospedale di Lucera dopo una lunga battaglia contro un tumore ai polmoni, all'età di 71 anni.[3]

L'attività cerealicola[modifica | modifica wikitesto]

Soprannominato il "re del grano", è stato uno dei più importanti commercianti di grano d'Europa. il suo gruppo molitorio riusciva, infatti, a produrre circa il 10% di tutta la semola prodotta in tutta la Comunità economica europea.[4] Con oltre 30 navi e svariati mezzi gommati (250 tir),[2] oltre ai numerosi mulini sparsi per il continente, aveva creato un vero e proprio "impero" economico-finaziario, fatturando circa mille miliardi di lire.[5] All'inizio degli anni novanta diventò presidente dell'associazione degli industriali di Foggia.[6]

L'attività sportiva[modifica | modifica wikitesto]

Casillo viene ricordato soprattutto per i risultati conseguiti con il Foggia allenato da Zdeněk Zeman, ma è stato presidente e proprietario anche di altre squadre. Presidente e proprietario del club pugliese tra la fine degli anni ottanta e l'inizio degli anni novanta, fu protagonista del "Foggia dei miracoli", squadra "provinciale" che nel volgere di pochi anni conseguì la promozione in Serie B e poi quella in Serie A, categoria in cui divenne la rivelazione del torneo.

Dopo l'esperienza foggiana, Casillo è stato proprietario anche di Football Club Sangiuseppese, Salernitana[7][8] e Bologna[6][9], mentre agli albori del XX secolo è stato il presidente dell'Avellino, tra il 2002 e il 2004: con il club campano tentò di ricreare una squadra importante, nella scia della feconda esperienza foggiana, richiamando, a questo scopo, l'allenatore boemo Zdeněk Zeman.

Nell'estate del 2010 tornò alla ribalta a Foggia, della cui squadra divenne nuovamente il proprietario, con Zdeněk Zeman nuovamente in panchina e Giuseppe Pavone come direttore sportivo, nel tentativo di rilanciare le sorti del club, creando un organico giovane e di valore, in grado di competere e lottare per la promozione e il ritorno in Serie B.[10] Nella stagione 2010-2011, però, la squadra non andò oltre il sesto posto in Lega Pro Prima Divisione (venendo estromessa, dunque, dalla partecipazione ai play-off), classificandosi dietro alla Nocerina campione e a Benevento, Atletico Roma, Taranto e Juve Stabia, staccata di oltre 10 punti dall'ultimo posto utile per gli spareggi-promozione.

Dopo due anni di gestione privi di soddisfazioni, l'11 giugno 2012, tramite una nota stampa, Casillo ed il suo entourage annunciarono l'intenzione di lasciare il pacchetto azionario della società nelle mani del sindaco, incaricato di trovare nuovi acquirenti al fine di garantire la sopravvivenza del club.[11] Il sindaco non riuscì a trovare imprenditori interessati a rilevare il sodalizio e quindi la società non fu in grado di iscriversi ai campionati professionistici, per cui dovette ripartire dalla Terza categoria. Il titolo sportivo fu rilevato dalla neocostituita Foggia Calcio. Casillo, in passato, si era interessato anche all'acquisto di altre società calcistiche, come la Casertana[12] e la Roma[6].

Procedimenti giudiziari[modifica | modifica wikitesto]

Il 19 settembre del 1993 fu inquisito per concorso esterno in associazione mafiosa[13] e il 21 aprile del 1994 fu raggiunto da un'ordinanza di custodia cautelare e arrestato.[14] Tredici anni dopo, il 16 febbraio 2007, fu assolto dal tribunale di Nola, su richiesta della procura, con sentenza passata in giudicato. Le sue aziende, lasciate in mano alle varie curatele nominate dal tribunale vennero poi dichiarate fallite, non si sono più riprese, lasciando senza lavoro centinaia di dipendenti.[14][15]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Annuario del calcio mondiale '92-'93, a cura di Salvatore Lo Presti, ed. S.E.T. - Torino, pag. 101
  2. ^ a b È morto Pasquale Casillo, il “Re del grano” e presidente del Foggia dei miracoli di Zeman, Il Fatto Quotidiano, 8 settembre 2020.
  3. ^ E' morto il "re del grano", Rai News, 8 settembre 2020.
  4. ^ Federico Pirro, UN GRUPPO CHE MACINA MILIARDI, La Repubblica, 19 maggio 1989.
  5. ^ NAPOLI, 'I RE DEL GRANO' INDAGATI PER CAMORRA, su ricerca.repubblica.it.
  6. ^ a b c Casillo torna a Foggia come consulente, su corrieredelmezzogiorno.corriere.it.
  7. ^ Addio al “re del grano” Pasquale Casillo: è stato anche patron della Salernitana, salernonotizie.it, 8 settembre 2020.
  8. ^ E' morto Pasquale Casillo, i ricordi di Salerno, salernotoday.it, 8 settembre 2020.
  9. ^ il Bologna si salva coi soldi di Casillo, su archiviostorico.corriere.it (archiviato dall'url originale in data pre 1/1/2016).
  10. ^ Pasquale Casillo torna proprietario del Foggia e chiama Zeman, su it.eurosport.yahoo.com.
  11. ^ Foggia, Casillo conferma di voler lasciare, su tuttolegapro.com.
  12. ^ Pasquale Casillo fa sul serio: pronto l'assalto alla Casertana, su interno18.it. URL consultato il 6 ottobre 2010 (archiviato dall'url originale il 4 agosto 2008).
  13. ^ Casillo indagato per camorra, su archiviostorico.corriere.it (archiviato dall'url originale in data pre 1/1/2016).
  14. ^ a b Assolto Pasquale Casillo tredici anni dopo l'arresto, su ricerca.repubblica.it.
  15. ^ Pasquale Casillo assolto dopo 13 anni, su giustiziagiusta.info.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Documentari[modifica | modifica wikitesto]