Parco regionale dell'Abbazia di Monteveglio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Parco regionale dell'Abbazia di Monteveglio
Parco monteveglio.jpg
Tipo di areaParco regionale
Codice WDPA178969
Codice EUAPEUAP0960
Class. internaz.SIC IT40500016
StatiItalia Italia
RegioniEmilia-Romagna Emilia-Romagna
ProvinceBologna Bologna
ComuniValsamoggia
Superficie a terra878,31 ha
Provvedimenti istitutiviL.R. 39, 14.04.95
GestoreConsorzio Parco dell'Abbazia di Monteveglio
Mappa di localizzazione

Coordinate: 44°28′14.88″N 11°05′37.32″E / 44.4708°N 11.0937°E44.4708; 11.0937

Il parco regionale dell'Abbazia di Monteveglio è un'area naturale protetta dell'Emilia-Romagna istituita nel 1995. Occupa una superficie di 878,31 ha nella provincia di Bologna.[1]

Il parco coincide con il sito di interesse comunitario abbazia di Monteveglio (IT40500016).[2]

L'abbazia di Monteveglio

Fauna[modifica | modifica wikitesto]

Nel Parco sono presenti numerosi piccoli mammiferi: il Riccio europeo lo si trova quasi ovunque, mentre lo Scoiattolo rosso, il Ghiro, il Moscardino e l'Arvicola rossastra vivono solo nelle zone boschive; la Lepre europea e l'Arvicola campestre frequentano i prati e i campi e l'Arvicola terrestre, ottima nuotatrice, fa la tana sulle sponde dei torrenti.
Salendo di dimensioni, nel parco viono anche la Volpe rossa, il Tasso, la Donnola e la Faina tra i carnivori, mentre gli erbivori presenti sono il Cinghiale e il Capriolo, da poco tornato a frequentare gli ambienti del Parco.
L'avifauna è molto diffusa: numerosi Passeriformi (Usignolo, Capinera Scricciolo, Pettirosso, Merlo, Fringuello, Luì piccolo), tipici agli ambienti forestali italiani, vivono e nidificano nella zona. Il Picchio rosso maggiore ed il Picchio verde scavano col becco delle cavità, che aiutano altri uccelli, come il Picchio muratore e molte specie di Cince, a nutrirsi.
Altri uccelli che frequentano i boschi sono il Cuculo e la Ghiandaia, mentre nelle zone aperte troviamo il Verdone, il Verzellino, il Cardellino, la rara Averla minore e lo Zigolo nero, insieme al Pupuppu, alla Rondine, al Rondone ed al Balestruccio. Un altro uccello tipico a questi campi è il Fagiano, insieme, solamente d'estate, alla Quaglia.
Tra i rapaci, vanno ricordati il Gheppio e la Poiana comune, mentre lungo i fiumi vivono gli Aironi cenerini e le Nitticore.

Flora[modifica | modifica wikitesto]

L'area del parco fortemente antropizzata e caratterizzata da vigneti e coltivi si alterna a un'area coperta da boschi, praterie e incolti. Degni di nota i calanchi, che ospitano una flora particolare: sono presenti alcune erbe come l'astro spillo d'oro (Aster linosyris) e in misura minore la carota selvatica, la scorzonera delle argille (Podospermum canum); l'ononide di Masquillieri (Ononis masquillierii) è occasionale; nei ristagni tra i calanchi si trovano il farfaro (Tussilago farfara), l'erba ceppitoni (Dittrichia viscosa), il centauro giallo (Blackstonia perfoliata); nelle zone di terreno stabilizzato si incontrano arbusti pionieri come il ginepro, la ginestra, la rosa selvatica, il sanguinello e il salicone (Salix caprea).[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fonte: Ministero dell'Ambiente. Archiviato il 4 giugno 2015 in Wikiwix.
  2. ^ Formulario Natura 2000 del sito IT4050016 (PDF) [collegamento interrotto], su regione.emilia-romagna.it. URL consultato il 29-03-2011.
  3. ^ Flora dei calanchi, www.parcoabbazia.it

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]