Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Parco nazionale di Khao Yai

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Parco nazionale di Khao Yai
อุทยานแห่งชาติเขาใหญ่
KHAOYAI.JPG
Codice WDPA 927
Class. internaz. Categoria IUCN II: parco nazionale
Stato Thailandia Thailandia
Regioni Thailandia del Nordest
Province Nakhon Ratchasima, Saraburi, Prachinburi, Nakhon Nayok
Superficie a terra 2165,55 km²
Provvedimenti istitutivi 1962
Mappa di localizzazione: Tailandia
Parco nazionale di Khao Yai
Parco nazionale di Khao Yai
Sito istituzionale

Coordinate: 14°26′29″N 101°22′11″E / 14.441389°N 101.369722°E14.441389; 101.369722

Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Complesso forestale di Dong Phayayen-Khao Yai
(EN) Dong Phayayen-Khao Yai Forest Complex
Tipo Naturali
Criterio (x)
Pericolo Non in pericolo
Riconosciuto dal 2005
Scheda UNESCO (EN) Scheda
(FR) Scheda

Il Parco nazionale di Khao Yai ((TH) อุทยานแห่งชาติเขาใหญ่) è un parco nazionale tailandese[1]. Fu uno dei primi parchi nazionali dello Stato, inaugurato il 18 settembre 1962.[senza fonte] Il principale fondatore fu Boonsong Lekakul, uno dei 20 conservazionisti più famosi della Thailandia.[senza fonte]

Nel 1984 il parco venne incluso tra i parchi protetti dall'ASEAN, mentre il 14 luglio 2005, insieme con altri parchi situati sui monti Dong Phayayen, venne inserito dall'UNESCO tra i Patrimoni dell'umanità[2].

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Il parco si estende sulle pendici di una serie di montagne che si elevano dai circa 800 metri del Monte Khao Kaew ai circa 1 350 metri del Monte Khao Rom, il più alto dell'area, e che si trovano in parte nella provincia di Nakhon Ratchasima (Khorat) in Isan, e parte nelle provincie di Saraburi, Prachinburi e Nakhon Nayok. Nel territorio del parco si trovano, inoltre, le sorgenti di cinque fra fiumi e ruscelli: il fiume Prachin Buri; il Nakhon Nayok che confluisce nel Bangpakong che sfocia nel Golfo della Taiulandia; il Lam Ta Kong; il Praplerng, affluente del Moon che a sua volta confluisce nel Khong; il torrente Muag Lek, affluente del Pasak nel distretto di Muag Lek.[1]

È il terzo parco della Thailandia per estensione, e copre un'area di 2165 chilometri quadri. La sua altitudine varia dai 400 ai 1000 m s.l.m.. Vi sono diverse cascate, tra cui quella di Heo Narok alta 80 metri.

Le zone adiacenti al parco hanno subito un rapido sviluppo con la costruzione di hotel di lusso e campi da golf. Alcuni di questi complessi limitano il movimento di migrazione degli animali, e riducono la possibilità futura d'ampliamento del parco.[senza fonte]

Flora[modifica | modifica wikitesto]

Il parco è caratterizzato in ogni sua parte dalla presenza di diversi tipi di foresta, umida, tropicale e cedua, con presenza endemica di diverse specie vegetali.[3]

Fauna[modifica | modifica wikitesto]

L'area protetta ospita 320 specie di uccelli e 67 di mammiferi[senza fonte], compresi orsi tibetani, elefanti indiani, gaur, tigri, gibboni, sambar, Muntjak indiani, cuon e maiali selvatici.

Recenti studi sulle forme di vita selvagge hanno mostrato che gli animali presenti, in particolare le poche tigri, sono messe a rischio dall'attività umana vicino al centro del parco. Queste scoperte non hanno impedito al governo di continuare a fornire concessioni per questi lavori.

Turismo[modifica | modifica wikitesto]

Il parco è meta di turisti provenienti da Bangkok e che affrontano viaggi di oltre 50 km di terreni accidentati. Quasi diecimila persone vistano in media il parco ogni settimana. Il costo del biglietto d'ingresso è ridotto per i cittadini thailandesi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Khao Yai National Park in Department of National Parks, Wildlife and Plant Conservation, http://www.dnp.go.th. URL consultato il 4 giugno 2015.
  2. ^ (EN) Dong Phayayen-Khao Yai Forest Complex su UNESCO website. URL consultato il 4 giugno 2015.
  3. ^ (THEN) Kongkanda Chaymarit, Plants of Khao Yai Nationale Park (PDF) su Department of National Parks, Wildlife and Plant Conservation. URL consultato il 5 giugno 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN241849564 · GND: (DE4427671-0