Paola Pace

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Paola Pace

Paola Pace (Palermo, 1º dicembre 1963) è un'attrice e regista italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Palermo, ha frequentato la scuola di teatro Teates diretta da M. Perriera (Gruppo '63), e successivamente l'I.N.D.A.(Istituto nazionale del dramma antico) a Siracusa. Il debutto arriva nel 1984 con l'Oreste di Euripide, regia di L. Squarzina. Nel 1985, al Teatro Antico di Segesta, è nello Stichus di Plauto con Leo Gullotta e Luigi Maria Burruano, regia di G.C. Sammartano.

La donna di Samo di Menandro, diretta da M. Prosperi, la porta in giro per il mondo: New York (Columbia University Theather), Boston, Tokyo, Kyoto e Osaka.

La formazione classica non le impedisce di continuare nella ricerca di nuove sperimentazioni e con la cooperativa Dioniso di Palermo è protagonista di molte pièces contemporanee dirette da Claudio Collovà, tra cui "Le Buttane, pomeriggio, notte, mattina" dal libro di Aurelio Grimaldi, al Teatro Politecnico di Roma e successivamente al Teatro dell'Elfo di Milano, ricevendo un notevole consenso di critica e di pubblico.[senza fonte]

Lunga e proficua la collaborazione con Mimmo Cuticchio: nel 1985 è Angelica ne "Le audaci imprese io cunto", Dorotea ne "Gli erranti commedianti", nel 1997 è "La guida del castello di Maredolce" per il Festival La Macchina dei sogni; nel 1999 è " Pupara e maniante" ne "L'urlo del mostro".

Nel 1991 è in "Metamorfosi di una melodia" con Hanna Schygulla, Samuel Fueller, successivamente alla Biennale di Venezia recita in "La guerra dei figli della luce contro i figli delle tenebre", regia di Amos Gitai.

Dal 1996 inizia una ricerca personale sul verso poetico e affronta sperimentando drammaturgie sonore: "A Benì" di Filippo Tommaso Marinetti, "Poesia e Andalusia" con Roy Paci, "Motopsichica" con Mohammed Al Badawi, "Errare" Da "La notte " di Dino Campana, "Ulisse e Calipso" dal V° libro dell'Odissea al Museo del Costume di Mirto.

Nel 1997 lavora con Thierì Salmon ne "L'assalto al cielo" inaugurando i Cantieri Culturali della Zisa. Con Luigi Maria Burruano è la protagonista femminile di "Palermo oh cara" al Teatro Biondo di Palermo (1990). Con M. Verdastro è Maria in "Teatro Madre" di N. Gennaro, produzione I Magazzini. Nel 2000 fa parte del cast de "L'anniversario" di Harold Pinter per la regia di Roberto Andò.

Dal 1999 dirige e interpreta:" Benji, l'amica immaginaria " di Claire Dowie con Roy Paci, rappresentandolo per la prima volta in Italia. Nel 2007 al Teatro Politecnico di Roma riscuote consenso di pubblico e di critica con un adattamento de L'arte della gioia di Goliarda Sapienza con Enrico Stassi e Giovanni Rizzuti; 2010 ha diretto e interpretato al Teatro Antico di Segesta la Medea di Max Rouquette; 2014 Per il Festival "Narratori in viaggio" di M. Cuticchio crea "Melodia primordiale - Demetra e Kore" poi in tour per Teatri di Pietra; 2012 è ospite a Londra con "Modesta's Monologue" per "Goliarda Sapienza in Context" organizzato da SchAdvStudy della University of London.

Dal 2015 riveste un doppio ruolo (Saracena e Madre) ne "Il berretto a sonagli" di Luigi Pirandello, regia di Valter Malosti, Teatro di Dioniso, Torino.

Ha prestato il suo volto ad alcuni film d'autore: Le Buttane, regia di Aurelio Grimaldi, prodotto da Trio Cinematografica. La stanza dello scirocco, regia di Maurizio Sciarra, prodotto da Fandango. I cento passi, regia di Marco Tullio Giordana, prodotto da Titti film. Malèna, regia di Giuseppe Tornatore, prodotto dalla Pacific film.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Teatrografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN3072153596632251900003 · SBN LIGV041462 · WorldCat Identities (ENviaf-3072153596632251900003