Paola Maugeri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Paola Maugeri

Paola Maugeri (Roma, 4 marzo 1968[1]) è una giornalista, cantante e conduttrice televisiva italiana.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Roma da genitori catanesi,[2] nel 1991 debutta in TV scrivendo e conducendo due programmi di musica per le televisioni locali. Nel 1993 passa a Videomusic (poi divenuta TMC 2) realizzando monografie ed interviste, quindi conducendo in due anni 310 puntate del programma Segnali di fumo insieme a Mikimix. Nell'ottobre 1995 conduce la versione televisiva (su Rai 1) di 105 Night Express e le successive quattro stagioni su Italia 1.

Nel 1996 conduce Jammin su Italia 1. Ha al suo attivo anche due edizioni del Concerto del Primo Maggio a Roma e del premio della musica d'autore "Città di Recanati". Nel 2001 passa a MTV con programmi come Select, A Night With, Storytellers, Brand:New. Dal 2006 per tre stagioni ha condotto su LA7 il programma dedicato al cinema indipendente italiano La 25a ora - Il cinema espanso.

È la protagonista, su Virgin Radio Italia, di Music History, programma nel quale racconta la storia del rock e la genesi dei brani più significativi. Dal dicembre 2007 ha condotto per due stagioni Scalo 76 su Rai 2, programma dove si occupava di musica e cinema. Dal 2016, conduce una trasmissione radiofonica su Virgin Radio, dal titolo "Paola is Virgin"

Attività extraprofessionali[modifica | modifica wikitesto]

Appassionata di questioni ambientali,[3] è impegnata contro lo sfruttamento degli animali, per la diffusione di uno stile alimentare consapevole, del commercio equo e solidale, oltre a essere stata testimonial per MTV Italia della campagna delle Nazioni Unite - No Excuse 2015. È stata coinvolta come testimonial in una raccolta fondi dell'organizzazione Oxfam Italia per la campagna “Un futuro senza fame”, ma l'organizzazione ha successivamente sospeso i rapporti con lei, considerandola colpevole per essersi prestata come “PR Ambassador” per Sodastream,[4] l'azienda israeliana produttrice di bevande, per il fatto che tale azienda è stata installata nei territori contesi (in origine con la Giordania, attualmente con l'Autorità Nazionale Palestinese) dalla fine della "Guerra dei sei giorni" del 1967 tra Israele e gli stati arabi circostanti.

Attiva nel passato anche come musicista, è stata bassista e cantante del gruppo Puertorico (col quale ha pubblicato il CD Inverno a Honolulu uscito per la V2 nel 1998) e Loma, con il CD Eighteen years of sin pubblicato nel 2004. Ha pubblicato Storytellers - la musica si racconta, suo primo libro per le edizioni Tea. Ha fatto parte due volte della giuria di qualità del Festival di Sanremo. È stata votata siciliana dell'anno nel 1998 e successivamente tra i "duecento trentenni che cambieranno l'Italia". Nel 1999 è stata testimone della campagna stampa del lancio di Tin.it di Telecom Italia. È vegetariana da quando aveva 12 anni ed è vegana da molti anni.[5][6] Nel 2004, agli MTV Days, ha consigliato a tutto il pubblico di diventare vegetariano.[7] Dal 1997 è Buddista praticante all'interno dell'ente religioso laico Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Redazione MTV, Scheda di Paola Maugeri, mtv.it, 22 giugno 2008 (archiviato dall'url originale il 22 giugno 2008).
  2. ^ Chiara Asero, Paola Maugeri presenta il suo libro, “Un frullato di filosofia vegana”, siciliaedonna.it, 8 ottobre 2015.
  3. ^ Organizzatori Evento, 26 e 27 Ottobre: Climathon e la lotta ai cambiamenti Climatici a Envipark, envipark.com, 15 ottobre 2018.
  4. ^ BDS Italia, Oxfam Italia sospende i rapporti con Paola Maugeri, bdsitalia.org, 26 ottobre 2012.
  5. ^ Andrea Carozzi, Paola Maugeri: «Chi mangia vegan, si ammala di meno», mentelocale.it, 6 novembre 2014.
  6. ^ Redazione Vegfacile, Partenza! Chi ha già fatto la scelta vegetariana e vegan? (vegetariani e vegan famosi), vegfacile.it.
  7. ^ Redazione Cosmopolitan, Paola Maugeri, non solo veejay ma anche icona vegana, cosmopilitan.com, 21 luglio 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]