Panico a Needle Park

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Panico a Needle Park
Panicoalpacino.JPG
I protagonisti Bobby (Al Pacino) e Helen (Kitty Winn)
Titolo originale The Panic in Needle Park
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 1971
Durata 110 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1.85 : 1
Genere drammatico
Regia Jerry Schatzberg
Soggetto James Mills
Sceneggiatura Joan Didion e John Gregory Dunne
Produttore Dominick Dunne, Roger M. Rothstein (produttore associato)
Casa di produzione Didion-Dunne Inc.
Fotografia Adam Holender
Montaggio Evan Lottman
Musiche Katherine Wenning
Scenografia Murray P. Stern, Philip Smith
Costumi Jo Ynocencio
Trucco Herman Buchman
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi
Festival di Cannes 1971: premio per la migliore interpretazione femminile (Kitty Winn).

Panico a Needle Park (The Panic in Needle Park) è un film del 1971 diretto da Jerry Schatzberg, con Al Pacino nel suo primo ruolo da protagonista.

Il titolo fa riferimento a Needle Park (cioè "parco della siringa"), nome confidenziale di Sherman Square tra la Amsterdam Avenue e la Broadway nel quartiere dell'Upper West Side a Manhattan, New York.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Needle Park, New York: Bobby è un piccolo spacciatore con un fratello ladro. Entra ed esce di galera dall'età di nove anni. Sebbene non ne sia dipendente, Bobby “spizzica” eroina (la usa ma non quotidianamente) e, paradossalmente, è pieno di voglia di vivere, nonostante i suoi molti amici siano tutti drogati. Helen ha lasciato la sua famiglia (padre, madre, fratelli, cane e casa con giardino) e si è trasferita a New York per i suoi studi di arte. È dolce, riservata silenziosa. Dopo un aborto conosce Bobby e s'innamorano. Bobby vuole sposare Helen, lei vorrebbe andare a vivere in campagna.

Bobby passa dallo "spizzicare" al farsi pesantemente di eroina. La polizia sequestra un carico di droga di lì a pochi giorni non si troverà neanche una dose e allora sarà il panico tra i tossici del Needle park. Helen vuole aiutare Bobby e per farlo, inizia a prostituirsi così avranno i soldi per le dosi. Alla fine Helen parlerà con la polizia, tradirà Bobby, che viene arrestato e condannato a sei mesi di carcere. Quando esce di prigione, fuori c'è Helen ad aspettarlo.

Commento[modifica | modifica wikitesto]

Film duro e crudo, toglie il fiato per le immagini impietose, rappresentando una discesa all'inferno e un grido di dolore. Ma è anche un film di denuncia, che punta il dito contro i medici privi di etica che vendono flaconi di metadone alle drogate, la polizia, nella persona di Hotch, della sezione narcotici, che sembra voglia aiutare Helen ma che da lei vuole solo i nomi dei trafficanti da cui Bobby si rifornisce.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

In Inghilterra il film venne censurato (revocata nel 1975), in Italia è stato vietato ai minori di anni 18.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Presentato in concorso al 24º Festival di Cannes, il film è valso il premio per la migliore interpretazione femminile alla protagonista Kitty Winn.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Awards 1971, festival-cannes.fr. URL consultato il 16 giugno 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema