Palazzo De Rosa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Palazzo De Rosa
Palazzo De Rosa.jpg
Palazzo
Localizzazione
StatoItalia Italia
LocalitàNapoli
Coordinate40°50′52.59″N 14°14′57.9″E / 40.847943°N 14.249418°E40.847943; 14.249418Coordinate: 40°50′52.59″N 14°14′57.9″E / 40.847943°N 14.249418°E40.847943; 14.249418
Informazioni generali
CondizioniIn uso
CostruzioneXIX secolo
Usoresidenziale

Il Palazzo De Rosa (detto in seguito anche palazzo de Gemmis) è un palazzo ottocentesco di Napoli, ubicato all'inizio di via Toledo, nel cuore della città partenopea.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Alla fine del XVIII secolo, nello stesso periodo della demolizione della vicinissima porta dello Spirito Santo, esisteva nel luogo dove sorge il palazzo un fabbricato incompiuto, di limitate dimensioni e costruito su commissione del Principe Pignatelli di Monteleone dall'architetto Pietro Valente.

Nel 1825 il fondo fu acquistato dal Cavalier Francesco De Rosa di Afragola che fece riprendere i lavori di costruzione allo stesso Valente che lo completò l'anno successivo. Passò poi di proprietà ai de Gemmis, baroni di Castel Foce. Oggi è sede di numerosi alloggi e non versa in ottime condizioni.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il palazzo è costituito da quattro piani, la facciata principale sui primi tre ha dodici balconi, mentre il quarto presenta logge angolari di belvedere.

La facciata è tutta a bugnato a vista, con due ampi portali d'accesso. Gli interni si aprono in un doppio cortile con due scaloni che portano ai piani superiori. La scalinata principale è ellittica e di grande effetto, la seconda ha pianta rettangolare ed è decorata con stucchi e affreschi alle pareti.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Aurelio De Rose, I palazzi di Napoli, Newton & Compton, Napoli, 2001

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]