Nuovo Esercito

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nuovo Esercito
Qing new army 1905.jpg
Soldati Qing in una unità dei Nuovi Eserciti nel 1905
Descrizione generale
Attiva1895 - 1912
NazioneCina Cina
TipoForze terrestri
EquipaggiamentoArmi da fuoco, cavalli, cannoni
Battaglie/guerreRibellione dei Boxer
Rivoluzione Xinhai
Comandanti
Comandante in capoYuan Shikai
Voci su unità militari presenti su Wikipedia

I Nuovi Eserciti (Cinese tradizionale: 新軍, Cinese semplificato: 新军; Pinyin: Xīnjūn; mancese: Ice cooha) erano gli eserciti Qing modernizzati, addestrati ed equipaggiati secondo gli standard occidentali. Il primo dei nuovi eserciti fu fondato nel 1895 grazie alla consulenza di una missione militare tedesca.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'8 dicembre 1895, l'imperatrice vedova Cixi nominò Yuan Shikai come comandante dei 4.000 uomini che costituirono la base del primo Nuovo Esercito. Ulteriormente ampliato fino a 7.000 uomini, questo Nuovo Esercito divenne il più formidabile dei tre gruppi dell'esercito stanziati nei pressi di Pechino e si dimostrò efficace contro i Boxer nella provincia di Shandong. Yuan dimostrò la sua lealtà alla corte dei Qing, che fu comunque niente più che un gesto simbolico, commettendo solo un distaccamento per alleviare Pechino dalle mani straniere[non chiaro].

Il Nuovo Esercito fu progressivamente ampliato e potenziato negli anni successivi, divenendo l'unico mezzo su cui il regime Qing poteva contare contro i moti rivoluzionari in tutta la Cina. Yuan divenne sempre più irriverente alla dinastia e solo fedele al partito di cui beneficiava, la sua defezione a Cixi contro l'imperatore Guangxu fu un duro colpo per la Riforma dei cento giorni.

L'esempio di successo del Nuovo Esercito fu seguito in altre province. Il nuovo esercito di Yuan fu ribattezzato l'Esercito Beiyang il 25 giugno 1902, in seguito Yuan fu ufficialmente promosso il "ministro del Beiyang". Prima della fine della dinastia nel 1911, aveva stabilito nuovi eserciti più consistenti per le province, tuttavia, l'esercito Yuan era ancora più potente, che comprendeva sei gruppi e che contava più di 75.000 uomini.

Yuan mantenne uno stretto controllo sul comando dell'esercito dopo la sua creazione, da assumere solo i funzionari fedeli a lui, ma dopo la sua morte nel 1916, i gruppi dell'esercito furono rapidamente frammentati in quattro forze principali di combattivi signori della guerra, in base alla collocazione di guarnigioni e fondarono l'omonimo Governo Beiyang. Questi gruppi militari e generali svolsero diversi ruoli nella politica della Repubblica di Cina fino alla fondazione della Repubblica Popolare Cinese in seguito alla vittoria del Partito Comunista Cinese nella guerra civile cinese.

Figure note del Beiyang[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Qing Military, su chinahistoryforum.com. URL consultato il 15 ottobre 2019 (archiviato dall'url originale il 21 giugno 2013).