Zhang Xueliang

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Zhang Xueliang
Chang Shueliang.jpg

Signore della guerra della Manciuria
Durata mandato 4 giugno 1928 –
1937
Predecessore Zhang Zuolin
Successore carica abolita

3º Governatore della provincia del Fengtian
Durata mandato 3 novembre 1912 –
13 ottobre 1913
Predecessore Zhao Ersun
Successore Su Shiin

6º Governatore militare della provincia del Fengtian
Durata mandato 4 giugno 1928 –
29 dicembre 1928
Predecessore Zhang Zuolin
Successore carica abolita

Dati generali
Partito politico Naval Jack of the Republic of China.svg Kuomintang
Titolo di studio Accademia militare
Università Università dello Jilin
Professione Militare
Zhang Xueliang
Zhang Xueliang.jpg
SoprannomeIl Giovane maresciallo
NascitaHaicheng, 3 giugno 1901
MorteHonolulu, 15 ottobre 2001
Cause della mortePolmonite
ReligioneCristiana metodista
Dati militari
Paese servitoFlag of the Northeast Supreme Administrative Council (1932).svg Cricca del Fengtian
Flag of the Republic of China (1912-1928).svg Taiwan Repubblica di Cina
Forza armataEsercito del Fengtian
Flag of the Republic of China Army.svg Esercito Rivoluzionario Nazionale
Anni di servizio1915 - 1937
GradoGenerale dell'esercito
ComandantiZhang Zuolin
Chiang Kai-shek
GuerrePrima guerra Zhili-Fengtian
Seconda guerra Zhili-Fengtian
Guerra anti-Fengtian
Spedizione del Nord
Guerra sino-sovietica
Guerra delle Pianure centrali
Guerra civile cinese
Seconda guerra sino-giapponese
CampagneInvasione giapponese della Manciuria
BattaglieIncidente di Mukden
Battaglia di Rehe
Incidente di Xi'an
Comandante diAeronautica del Fengtian
Forze di preservazione della pace del nord-est
Altre caricheComandante della Manciuria
voci di militari presenti su Wikipedia

Zhang Xueliang[1] o Chang Hsueh-liang (Haicheng, 3 giugno 1901Honolulu, 14 ottobre 2001) è stato un generale cinese, signore della guerra della Manciuria, nonché protagonista dell'incidente di Xi'an del 1936, quando rapì Chiang Kai-shek per firmare una tregua temporanea con i comunisti e combattere insieme contro i giapponesi nella seconda guerra sino-giapponese. Durante e dopo la guerra finì per questo agli arresti domiciliari per oltre 50 anni, prima nella Cina continentale e poi a Taiwan. Ad oggi è ricordato come un eroe dal Partito Comunista Cinese per il suo ruolo nell'incidente di Xi'an.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio del celeberrimo dittatore della Manciuria, il generale Zhang Zuolin, fu educato alla vita militare fin da fanciullo e nel 1919 divenne colonnello. Nello stesso anno fu posto a capo della scorta paterna, carica che occupò sino al 1921. Inviato in Giappone come osservatore militare, vi rimase per un anno, quindì tornò in Cina, ove fu promosso maggior generale. Nel 1928 il padre Zhang Zuolin fu ucciso durante un viaggio in treno, perciò gli successe suo figlio come signore della Manciuria. Nel dicembre del 1928 il neodittatore proclamò l'alleanza col Kuomintang, fondato da Sun Yat-sen. Dichiaratosi favorevole all'ascesa di Chiang Kai-shek, il giovane Xueliang governò per un breve periodo sotto la guida del console australiano William Henry Donald.

Nel 1931 un'offensiva giapponese scacciò il dittatore dalla Manciuria. Zhang si rifugiò nella Repubblica di Cina, dove si mise alle dipendenze di Chiang Kai-shek e fu inviato a reprimere le rivolte comuniste del nord-ovest (1934). Nel dicembre del 1936 l'ex-dittatore arrestò Chiang Kai-shek, poiché riteneva che quest'ultimo avesse a cuore solo la distruzione del comunismo e non l'annientamento militare dell'Impero giapponese. Liberatolo poco dopo, Xueliang fu imprigionato a Nanchino e nel 1949 fu spostato in carcere a Taiwan, ove rimase fino al 1991. Scarcerato, si trasferì nelle Hawaii, a Honolulu, dove la morte lo colse a 100 anni, nel 2001.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nell'onomastica cinese il cognome precede il nome. "Zhang" è il cognome.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN30927331 · ISNI (EN0000 0000 6349 1688 · LCCN (ENn84005552 · GND (DE119184591 · BNF (FRcb16112484t (data) · NLA (EN36624392 · NDL (ENJA00625471 · WorldCat Identities (ENlccn-n84005552