Museo di arte sacra (Montespertoli)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Museo di Arte Sacra di Montespertoli
Montespertoli, museo d'arte sacra, ingresso.JPG
Ingresso al Museo
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàMontespertoli
Indirizzovia di San Piero in Mercato
Caratteristiche
Tipoarte
Sito web
La prima sala

Il Museo di Arte Sacra di Montespertoli si trova nel comune di Montespertoli, in provincia di Firenze ed è stato inaugurato nel 1996. Per il suo allestimenti furono scelti i locali della canonica di San Piero in Mercato.

Come per altri musei (vedi Museo di Arte Sacra di Tavarnelle Val di Pesa - aperto nel 1989), l'esposizione segue il criterio di raggruppamento per pivieri.

Visita al Museo[modifica | modifica wikitesto]

Sala 1 o "Salone"[modifica | modifica wikitesto]

Vi sono esposte le opere provenienti dal piviere di San Piero in Mercato.

Per quanto concerne le oreficerie vi è esposto un raro gemellion (coppia di piatti usati per la lavanda delle mani) d'arte limosina del XIII secolo; vi sono poi alcuni calici quattrocenteschi provenienti dalla chiesa di Bagnolo, Manzano e Montegufoni, più altri raffinati oggetti di argenteria romana donati dalla famiglia degli Acciaioli.

Sala 2[modifica | modifica wikitesto]

La Madonna di Montespertoli, di Filippo Lippi

Questa seconda sala è dedicata alle chiese di Santa Maria a Torre e di San Bartolomeo a Tresanti, facenti parte ugualmente del piviere di San Piero in Mercato.

Vi sono opere più tarde (Sei - Settecento):

Vi sono inoltre importanti arredi lignei provenienti dalla Pieve di San Piero in Mercato.

Sala 3[modifica | modifica wikitesto]

San Girolamo, della bottega di Andrea della Robbia

Qui si trovano le opere provenienti dalle chiese facenti parte dei pivieri di Coeli in Aula e di San Pancrazio.

L'opera più preziosa non solamente di questa sala, ma di tutto il museo è senza dubbio la Madonna col Bambino attribuita al Lippi.

  • Bicci di Lorenzo (attr.), Vergine col Bambino tra i santi Taddeo e Simone, tavola, proveniente dalla chiesa di Sant'Andrea a Botinaccio, già San Michele a Quarantola, quarto decennio del secolo XV
  • Filippo Lippi, Madonna col Bambino, tempera su tavola, provenienza dalla chiesa di Sant'Andrea a Botinaccio, 1445 - 1450
  • Filippo di Antonio Filippelli, Madonna col Bambino; I santi Antonio abate e Lucia, affreschi staccati, ultimi decenni del secolo XV

Altri dipinti seicenteschi e gli arredi sacri completano l'allestimento.

Vi è, inoltre, una vasca battesimale in marmo, posta al centro della sala, proveniente da Santo Stefano a Lucignano.

Sala 4[modifica | modifica wikitesto]

Questa ultima sezione ospita i parati sacri (pianete, paliotti, fusciacchi ecc.) e altro materiale cartaceo (messali, libri di compagnia, bolle ecc.).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • R. C. Proto Pisani (a cura d), Il Museo di Arte Sacra a Montespertoli, collana La Biblioteca de "Lo Studiolo", Firenze, Becocci/Scala, 1995.
  • R. C. Proto Pisani (a cura di), La Valle dei Tesori. Capolavori allo specchio, catalogo della mostra, Musei del Circondario Empolese – Valdelsa, 12 giugno – 19 novembre 2006, Firenze, Edizioni Polistampa, 2006, pp. 136 – 153. ISBN 88-596-0068-5

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]